Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: CONTINUANO A DIMINUIRE I PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE

11 luglio 2019:

Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° aprile 2019. A quella data, nei bracci della morte degli Stati Uniti (30 stati, più 2 giurisdizioni: il braccio della morte federale e quello militare) c’erano 2.673 persone, 17 in meno rispetto a tre mesi prima.
L’ormai tradizionale rapporto trimestrale curato dal Legal Defense Fund del NAACP (National Association for the Advancement of Colored People), pubblicato per la prima volta nel 2000, conferma la graduale, costante diminuzione dei detenuti nei bracci della morte. Rispetto alla stessa data di 1 anno fa si registra un calo del 2,6%. Rispetto alla stessa data di 10 anni fa, nel 2009, quando i detenuti del braccio della morte erano 3284, la diminuzione è stata del 18,6%. Se in 10 anni il braccio della morte è calato di 611 unità, nello stesso arco di tempo le esecuzioni sono state 344. Questo significa che, considerando le nuove condanne a morte emesse nel frattempo, sono quasi 1000 le persone uscite dal braccio della morte per altre cause: annullamenti, commutazioni, proscioglimenti, morte naturale o suicidio. In un caso si è verificato anche un omicidio all’interno del braccio della morte della California (ottobre 2018). Quindi, per ogni persona giustiziata nell’ultimo decennio, quasi 3 sono uscite dal braccio della morte per “altri motivi”. Nel suo conteggio “Death Row USA” include 230 persone la cui condanna a morte al momento è annullata, ma questi annullamenti non sono definitivi, e le condanne potrebbero essere riemesse al termine di un nuovo processo o di un ricorso della pubblica accusa. Le altre 2.443 persone hanno quella che viene definita “una condanna a morte attiva”. Dopo che la pena di morte negli Stati Uniti era stata dichiarata incostituzionale nel 1972 e i bracci della morte si erano quasi svuotati (arrivando a 134 detenuti nel 1973), i condannati a morte avevano iniziato a ricrescere dopo la reintroduzione della pena di morte nel 1976. Erano aumentate fino a un massimo di 3593 nel 2000, e sono scese sotto i 2.500 nell’aprile 2018. In questo rapporto per la prima volta vengono conteggiati anche i condannati a morte di stati nei quali è in vigore una moratoria decisa dal Governatore: California, Colorado, Oregon, e Pennsylvania. Si tratta di 923 condannati a morte per i quali, allo stato attuale, i rispettivi governatori non sono disposti a firmare un mandato di esecuzione. Sottraendo anche questi, i detenuti con una condanna a morte “attiva” sarebbero solo 1.570. Il braccio della morte più popoloso rimane, come ormai da moltissimi anni, quello della California, lo stato più popoloso degli Usa ma anche uno stato che non effettua esecuzioni da 12 anni (733). I bracci della morte che hanno più di 100 detenuti sono quelli della Florida (349), del Texas (225), dell’Alabama (181) e della Pennsylvania (155), il North Carolina (143), l’Ohio (141), e l’Arizona (121). Alcuni bracci della morte hanno pochissimi detenuti: 1 in New Hampshire e Wyoming, 2 in Montana, New Mexico, South Dakota, 3 in Colorado, e Virginia, 4 nel braccio della morte militare. 60 uomini ed 1 donna sono detenuti nel braccio della morte federale. Divisi per razze, nei bracci della morte ci sono 41,98% bianchi (1.122), 41,68% neri (1.114), 13,43 % ispanici (359), 1,83% asiatici (49), 1,05% pellerossa (28), più un detenuto del quale non è determinata la razza. Divisi per sesso, nei bracci della morte ci sono 2.619 uomini (97,98%) e 54 donne (2,02%). Dal 1976 al 1° gennaio 2019 sono state giustiziate 1.493 persone: 832 bianchi, 512 neri, 126 ispanici, 16 pellerossa, 7 asiatici. In totale, 1.474 uomini e 16 donne (1,07 % del totale). "Death Row USA" registra anche la razza e il sesso delle vittime relative alle esecuzioni effettuate. Le 1493 persone giustiziate erano accusate di aver ucciso un totale di 2182 persone. Divise per razza le vittime erano 1648 bianche (75,53%), 335 nere (15,35%), 153 ispaniche (7,01%), 41 asiatiche (1,88%), e 5 pellerossa (0,23%). Divise per sesso le vittime erano 1.113 maschi (50,99%), e 1.067 femmine (49,99%). Il 10% delle persone giustiziate (148) aveva rinunciato volontariamente a presentare appello. Dal 1977 ad oggi, e prima che nel 2005 la Corte Suprema vietasse le esecuzioni di minorenni, 23 persone erano state giustiziate per reati commessi da minorenni. 

(Fonti: DPIC)

Altre news:
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO NEL GOVERNATORATO DI AL-MAKHWAH
ARABIA SAUDITA: NUOVO PROCESSO PER EGIZIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
NIGERIA: TRE CONDANNE A MORTE NELLO STATO DI ADAMAWA
MYANMAR: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
LA UE CONDANNA LE ESECUZIONI IN SOMALILAND
EGITTO: NUOVO PROCESSO PER DUE MONACI COPTI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
ARABIA SAUDITA: DUE GIUSTIZIATI A TABUK PER TRAFFICO DI DROGA
MALESIA: LA PENA DI MORTE NON SARA’ TOTALMENTE ABOLITA
SOMALILAND (SOMALIA): SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO E TERRORISMO
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO UN SAUDITA PER OMICIDIO NELLA REGIONE DI JAZAN
BANGLADESH: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA’
PAKISTAN: ANNULLATA CONDANNA A MORTE DELL’EX PRESIDENTE MUSHARRAF
ARABIA SAUDITA: 184 GIUSTIZIATI NEL 2019
INDIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA MINORENNE
BIELORUSSIA: EMESSE LE PRIME DUE CONDANNE CAPITALI DEL 2020
CINA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA
UGANDA: CORTE MARZIALE EMETTE QUATTRO CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: ALMENO 400 DONNE UCCISE NELLE PROTESTE DEL NOVEMBRE 2019
IRAN: CONDANNATO A MORTE IL PRIGIONIERO POLITICO CURDO HOUSHMAND ALIPOUR
SOMALIA: MILITARE CONDANNATO A MORTE DA TRIBUNALE MILITARE DEL PUNTLAND
INDIA: QUATTRO IMPICCAGIONI FISSATE PER IL 22 GENNAIO
THAILANDIA: SEI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BAHRAIN: CONFERMATE LE CONDANNE A MORTE DI DUE ATTIVISTI PRO-DEMOCRAZIA
SRI LANKA: MINISTRO DELLA GIUSTIZIA FAVOREVOLE ALLA RIPRESA DELLE ESECUZIONI
ZAMBIA: POLIZIOTTO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA
FLORIDA (USA): DA 32 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE MA UN DETENUTO LO SCAGIONA
NIGERIA: SONO 2.745 I PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE
NIGERIA: IL GOVERNATORE DI EDO COMMUTA QUATTRO CONDANNE CAPITALI
IRAN: OTTO IMPICCATI A KARAJ MENTRE LE PROTESTE NEL PAESE PROSEGUONO
PAKISTAN: PER RANA SANAULLAH IL PAESE DEVE ABOLIRE LA PENA DI MORTE E RIFORMARE I CRIMINALI

1 2 [Succ >>]
2020
gennaio
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits