Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Tadaari Katayama
Tadaari Katayama
GIAPPONE: PADRE DI UN BAMBINO UCCISO E ATTIVISTA CONTRO LA PENA DI MORTE

11 settembre 2019:

Una volta pieno di odio e rabbia nei confronti di un camionista che uccise suo figlio, Tadaari Katayama è oggi in Giappone un attivista contro la pena di morte.
Katayama, 63 anni, ha istituito un gruppo di cittadini che cerca di porre fine alla pena capitale dopo aver intrapreso attività a sostegno delle vittime di reati e aver interagito con i detenuti. Ha detto di essersi convinto che i criminali possano cambiare.
"Non voglio che la vita di nessuno finisca", ha detto Katayama.
Nel novembre 1997, il figlio di 8 anni di Katayama, Shun, studente di scuola elementare di 2° grado, fu investito e ucciso da un autocarro mentre andava a scuola.
Poiché l’investitore non era stato perseguito, Katayama cercò i testimoni oculari dell'incidente e condusse una campagna per chiedere la riapertura del caso.
Gli sforzi costrinsero i pubblici ministeri ad ammettere il loro errore e accusare l'autista, che è stato infine condannato per negligenza professionale che ha provocato un decesso.
Il caso ha anche fornito una buona opportunità per rivedere il modo in cui vengono trattate le vittime del crimine.
A quel tempo, Katayama provava non solo odio e tristezza, ma anche paura nei confronti dell’investitore. Dato che l’uomo non lo aveva visitato per scusarsi limitandosi a inviare lettere formali, Katayama aveva pensato che l'autista fosse “un individuo simile a un mostro".
Ma quando si incontrò con l'uomo su raccomandazione dell'avvocato, Katayama fu sorpreso che il piccolo uomo dalla faccia pallida fosse solo un giovane padre disorientato per l’incidente.
Sebbene non riuscissero a trovare un terreno comune, Katayama si sentì a suo agio nell'apprendere che l'autista fosse "una persona normale". Katayama nel 2000 ha iniziato a parlare del "punto di vista delle vittime" nelle carceri e nelle scuole minorili su richiesta del Ministero della Giustizia. Da allora ha avuto un dialogo con i detenuti otto volte al mese.
I detenuti che avevano commesso omicidi a volte esprimevano le loro scuse singhiozzando. Katayama si interessò alla pena di morte dopo aver scambiato lettere con un detenuto nel braccio della morte e approfondito la conoscenza della legge.
Mentre molte vittime del crimine sono a favore della massima punizione, Katayama aveva i suoi dubbi su un simile approccio. Questo perché un'esecuzione rende impossibile per i detenuti riformarsi e nega l'opportunità per le vittime di guarire emotivamente attraverso le interazioni con i detenuti.
Inoltre, Katayama non avrebbe mai potuto sostenere la pena capitale, che "pone fine alla vita di qualcuno".
Katayama inizialmente esitò a esprimere pubblicamente la sua opposizione alla tradizionale forma di punizione. Tuttavia, ha cambiato idea quando le sanzioni sono state rafforzate contro i criminali, l’opinione pubblica ha continuato a sostenere la pena capitale e 13 ex membri anziani della setta Aum Shinrikyo sono stati impiccati nel luglio dello scorso anno.
Nel gennaio di quest'anno, attraverso un amico, Katayama ha incontrato l'ex ministro della Giustizia Hideo Hiraoka, che stava prendendo in considerazione l'idea di raggiungere una vasto numero di persone che dubitano o mettono in discussione la pena capitale attraverso una campagna dei cittadini per discutere la questione da varie prospettive.
In accordo con il piano di Hiraoka, Katayama è stato uno degli otto organizzatori quando è stato istituito a giugno il Comitato dei Cittadini per l'Abolizione della Pena capitale.
"Vorrei che si pensasse a ciò che la pena di morte toglie e a quanto sia grave", ha detto Katayama al pubblico in un evento per celebrare l'istituzione del Comitato il 31 agosto al Chiyoda Ward di Tokyo.

(Fonti: The Asahi Shimbun, Shunsuke Abe, 07/09/2019)

Altre news:
BANGLADESH: 12 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA SUA RAGAZZA
TANZANIA: CORTE D’APPELLO CONFERMA TRE CONDANNE CAPITALI
EMIRATI ARABI UNITI: CORTE SUPREMA CONFERMA DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
NIGERIA: CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
CINA: CORTE SUPREMA CHIEDE AI TRIBUNALI CONTROLLO RIGOROSO DELLA PENA DI MORTE
UGANDA: NON SARA’ IMPOSTA LA PENA DI MORTE PER IL SESSO GAY
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE E TRE ALL’ERGASTOLO PER L’OMICIDIO DI UNA CASALINGA
MALESIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: PADRE E FIGLIO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
INDIA: CORTE SUPREMA COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
BANGLADESH: TRE RAPINATORI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: LIBICO CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
ELISABETTA ZAMPARUTTI: ‘LA MANCATA CONFERMA AL CPT CONFERMA IL MIO VALORE E QUELLO DELLE BATTAGLIE DI NESSUNO TOCCHI CAINO’
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER CRIMINI DI GUERRA
SOMALIA: AL-SHABAAB GIUSTIZIA UOMO DI 82 ANNI
EGITTO: SEI CONDANNATI A MORTE PER ATTACCO TERRORISTICO A GIZA
BANGLADESH: SETTE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO A FARIDPUR
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: IL PRESIDENTE HA COMMUTATO 20 CONDANNE CAPITALI IN NOVE ANNI
IRAN: TRE IMPICCATI PER OMICIDIO E DROGA
INVITO: A SPOLETO IL 19 OTTOBRE ‘MOVIMENTIAMOCI’
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA COPPIA
VIETNAM: TRE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGHE
AFGHANISTAN: DUE TALEBANI IMPICCATI PER TRADIMENTO DAI LORO COMANDANTI
VIETNAM: 8 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
ERGASTOLO: NESSUNO TOCCHI CAINO, DECISIONE CEDU PIETRA MILIARE SULLA VIA DELL’ABOLIZIONE DEL FINE PENA MAI
MALESIA: PAPA FRANCESCO RINGRAZIA IL SULTANO DI JOHOR PER AVER COMMUTATO LE CONDANNE A MORTE DI TRE MESSICANI
ROMA: SEMINARIO INTERNAZIONALE ‘NO PRISON’ IL 10 E 11 OTTOBRE
SRI LANKA: MADRE E FIGLIO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits