Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN: 15.000 GIUSTIZIATI PER REATI DI DROGA DAL 1979

12 novembre 2019:

Sono 15.000 i giustiziati in Iran per reati di droga dal 1979, anno di fondazione della Repubblica Islamica.
Il dato è stato fornito da Jalil Mohebbi, un religioso di medio rango che ricopre l’incarico di “segretario del personale del Ministero per la Promozione della Virtù e la Prevenzione del Vizio”, un organo di supervisione/controllo religioso della moralità in Iran. Mohebbi ha fornito il conteggio nel corso di una riunione alla quale partecipava anche Ebrahim Raisi, il presidente della Corte Suprema iraniana, in pratica il capo del sistema giudiziario.
Richiesto di un commento Parviz Esmaeili, direttore del quotidiano filogovernativo Teheran Times e anche vice capo della comunicazione del governo, avrebbe detto all’agenzia di stampa Fars che i dati sono "inaccurati" e "privi della precisione richiesta", e come tali non dovrebbero essere pubblicati.
C’è da ricordare che tutte le cifre relative alla repressione in Iran sono di solito sottostimate, perché le autorità non forniscono dati ufficiali, e contrastano l’attività delle organizzazioni umanitarie che si occupano di queste cose, organizzazioni che quasi nella loro interezza devono operare dall’estero.
Dopo la Cina, la Repubblica Islamica dell'Iran, l'Arabia Saudita, il Vietnam e l'Iraq sono rispettivamente i principali paesi al mondo in cui viene eseguita la pena di morte. Secondo molte fonti, l’Iran è primo in questa “graduatoria” se si considera la proporzione con la popolazione. Secondo molte fonti l’Iran è anche il paese che mette a morte più minorenni nel mondo, in un contesto in cui i paesi che ancora giustiziano i minorenni sembra siano ridotti a 4: appunto l’Iran, il Pakistan, l’Arabia Saudita e lo Yemen.
"Per anni, le autorità iraniane hanno usato la pena di morte per diffondere un clima di paura nello sforzo inutile di contrastare il traffico di droga, ma non ci sono prove che dimostrino che questo è un metodo efficace per combattere il crimine", aveva detto nel 2015 Said Boumedouha, vicedirettore di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa.
Nel suo ultimo rapporto, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Iran, Javaid Rehman, ha osservato che mentre le esecuzioni nel paese sono diminuite da 507 nel 2017 a 253 nel 2018, il paese ha ancora uno dei più alti numeri di esecuzioni al mondo.
Un emendamento del 2017 alla legge sui reati di droga ha svolto un ruolo fondamentale nel ridurre il numero di esecuzioni in Iran.

(Fonti: radiofarda.com, iran-hrm, 04/11/2019)

Altre news:
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO TRAVIS TREVINO RUNNELS
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
MALESIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
ZAMBIA: GOVERNO PRONTO A DISCUTERE DI ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
SUDAN: TRE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
IRAN: SETTE IMPICCATI A KERMANSHAH E KASHAN
SRI LANKA: CORTE SUPREMA PROROGA SOSPENSIONE DELLE ESECUZIONI
NIGERIA: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA CO-MOGLIE E DI SETTE BAMBINI
SOMALIA: CORTE MARZIALE EMETTE UNA CONDANNA A MORTE
USA: CORTE SUPREMA CONFERMA LA SOSPENSIONE DELLE ESECUZIONI FEDERALI
IRAN: CONDANNATO A MORTE PER AVER OFFESO IL PROFETA
INDIA: CINQUE CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER GLI OMICIDI DI TRE DALIT
TENNESSEE (USA): LEE HALL GIUSTIZIATO SULLA SEDIA ELETTRICA
MALESIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SOMALIA: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: 4 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE POLIZIOTTI
PAKISTAN: TRIBUNALE ANTITERRORISMO EMETTE CONDANNA A MORTE NEL CASO DELL’ATTENTATO DI DATA DARBAR
INDIA: CORTE SUPREMA SOSPENDE ESECUZIONE
GIAPPONE: PERUVIANO RICEVE COMMUTAZIONE DELLA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
PAKISTAN: 4 CONDANNE A MORTE PER GLI OMICIDI DI 20 FEDELI
SUDAN: MILITARE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN CIVILE
IRAN: DONNA IMPICCATA PER L’OMICIDIO DEL SUO VIOLENTATORE
BANGLADESH: TRE MEMBRI DEL JMB CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BOTSWANA: IMPICCATO PER L’OMICIDIO DEL DATORE DI LAVORO
ARABIA SAUDITA: 5 ATTIVISTI SCIITI CONDANNATI A MORTE DAL TRIBUNALE PENALE SPECIALIZZATO
USA: CORTE D’APPELLO FEDERALE CONFERMA LA SOSPENSIONE DELLE ESECUZIONI FEDERALI
IRAN. INIZIATIVA BIPARTISAN ALLA CAMERA DEI DEPUTATI CONTRO LA REPRESSIONE IN CORSO IN IRAN
MALAWI: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA ALBINA
MAROCCO: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN. APPELLO AL GOVERNO ITALIANO PER FERMARE REPRESSIONE IN IRAN E PORRE FINE ALLA POLITICA DI ACCONDISCENDENZA

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits