Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

L'articolo è stato pubblicato dal Riformista
L'articolo è stato pubblicato dal Riformista
‘HO SPOSATO LUCA IN CARCERE, LI’ VIVE ISOLATO NEL SUO DOLORE’

21 novembre 2020:

di Sabrina Renna

“Il viaggio della speranza” di Nessuno tocchi Caino che sta attraversando la Sicilia è occasione di incontri preziosi, ricchi di vissuti e fonte di conoscenza anche di vicende di ordinario degrado negli istituti penitenziari. Manuela è la moglie di Luca che si trova, nel momento in cui mi chiama, detenuto nel carcere di Agrigento.
“Petrusa” è l’istituto che Rita Bernardini visitò con il Partito Radicale e l’Osservatorio carcere delle Camere penali nell’estate del 2019. Lo trovò in condizioni talmente gravi che Roberto Giachetti, subito informato, non esitò a presentare un’interrogazione parlamentare ai Ministri della Giustizia e della Salute.
Luca e Manuela appartengono a due mondi diversi: lui catanese, cresciuto nel “palazzo di cemento” del quartiere Librino simbolo di degrado e malaffare; lei acese, cresciuta in Corso Umberto, nel centro storico di questo gioiello siciliano. Si incontrano grazie all’attività di volontariato di Manuela e finiscono sposi nel carcere di Trapani nel maggio 2019. Con e per Luca, Manuela ha compreso che se le condizioni di vita cambiano anche le persone cambiano e da quando lo ha incontrato ha sempre cercato di mutare il corso della vita di Luca. Lui ha 28 anni e una condanna a 7 per la quale è entrato nel carcere di Caltanissetta nel marzo 2018 e che finirà di scontare nel marzo 2024.
Il 28 maggio scorso è stato trasferito ad Agrigento e la ragione per cui Manuela mi chiama è che sono tre mesi e mezzo che Luca si trova in una cella di isolamento nel reparto transito per una rissa tra detenuti comuni scoppiata al secondo piano. Sono in sette in isolamento, lo stesso numero che riporta l’interrogazione di Giachetti che a distanza di un anno resta ancora senza risposta a riprova di condizioni immutate. La sporcizia è generalizzata, i “blindi” stanno per lo più chiusi eccetto quando monta qualche agente di buon cuore. Ma anche quando il “blindo” si apre Luca non esce dalla cella perché lo spazio per il passeggio è angusto e opprimente.
In questa condizione di isolamento Luca soffre la pena aggiuntiva della sindrome dell'articolazione temporo-mandibolare, un disturbo caratterizzato dal malfunzionamento dell'articolazione che collega la mandibola superiore e inferiore. Ha difficoltà a masticare e solo la cura e la dedizione di Manuela ha fatto sì che il loro dentista di fiducia sia riuscito, dopo molte vicissitudini burocratiche, ad applicare un dispositivo realizzato su misura che riduce gli effetti nocivi dello stringere o digrignare i denti. Un intervento e una condizione che richiedono comunque un monitoraggio continuo anche perché Luca continua ad avere difficoltà di masticazione che si ripercuotono sulla sua alimentazione. Stare in isolamento 24 ore al giorno e senza riuscire a nutrirsi adeguatamente aumenta il dolore. La sua mente è attraversata da pulsioni autolesionisti che possono condurre al suicido. Manuela mi racconta che i sanitari non lo visitano regolarmente, “non dico una volta al giorno come
 si dovrebbe fare ma neppure nell’arco di mesi”, denuncia Manuela, che mi informa che suo marito la prima settimana di novembre ha fatto uno sciopero della fame per ottenere una visita medica, ma non è andato nessuno.
Al dolore di questa condizione di degrado materiale e di malattia se ne aggiunge un altro. Quello della separazione dalla sua bambina. La figlia di 9 anni è sotto tutela del Tribunale dei minori di Catania, che avrebbe equiparato l’abbandono volontario da parte della madre a quello obbligato del padre finito in carcere. Luca non è ritenuto idoneo ad avere l’affido perché ancora non beneficia di una misura alternativa. Padre e figlia non si sono visti da oltre due anni. Solo durante l’estate si sono avviate alcune videochiamate che sono andate bene e che pur tra mille difficoltà continuano nella forma di chiamate vocali due volte al mese. Luca ha particolari difficoltà a relazionarsi con l’area trattamentale. È vero. Però ha una moglie che gli offre massima sicurezza economica, sociale e psicologica e che trasferisce ogni volta il suo domicilio dove trasferiscono il suo Luca. Mentre scrivo Manuela mi informa che Luca è stato mandato a Caltagirone dove dovrà stare in q
 uarantena per quattordici giorni anche se proviene da un altro carcere e non dall’esterno e i primi due tamponi fatti sono negativi. È una vita, la sua, che pare destinata a passare sempre da una cella di isolamento. E intanto Manuela ha aderito allo sciopero della fame di Rita Bernardini volto a ridurre drasticamente la popolazione carceraria.

Sabrina Renna

Per partecipare allo sciopero della fame https://www.partitoradicale.it/carceri-no-al-dilagare-del-covid-19-nelle-carceri-iniziativa-nonviolenta-per-un-intervento-immediato/

Altre news:
PAKISTAN: COPPIA CONDANNATA A MORTE E ALL’ERGASTOLO PER SEQUESTRI E VIOLENZE SESSUALI
INDIA: IL 65% DELLE CONDANNE CAPITALI EMESSE NEL 2020 SONO PER VIOLENZA SESSUALE
IRAQ: TRE IMPICCATI PER TERRORISMO
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE UN SOLDATO PER OMICIDIO
IRAN - IHR segnala l'aumentata repressione delle minoranze curde e baluche
USA - 100 pubblici ministeri chiedono a Biden di abolire la pena di morte federale
2021: UN ANNO DI GIUSTIZIA E LIBERTÀ, L’ANNO DELLA SPERANZA CONTRO OGNI SPERANZA
CINA: 31% DEI CITTADINI CONTRARI ALLA PENA CAPITALE
IRAN Mehdi Ali Hosseini è stato giustiziato nella prigione di Dezful il 25 gennaio
IRAQ: RATIFICATE PIU’ DI 340 CONDANNE CAPITALI
NIGERIA: ANNULLATA CONDANNA A MORTE PER BLASFEMIA
INDIA: DUE CONDANNE A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA RAGAZZINA
LA TREGUA SAUDITA: ‘SOLO’ 27 TESTE MOZZATE
IRAN Mohammad Shakori giustiziato il 23 gennaio nella prigione di Qom
SEI AI DOMICILIARI E CEDI HASHISH? TORNI DENTRO E BUTTANO LA CHIAVE
PAKISTAN: MILITARE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNO STUDENTE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
CINA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN GIUDICE
EGITTO: 14 CONDANNATI A MORTE IN DUE CASI DISTINTI
IRAN - Abdolraouf Kobdani è giustiziato nella prigione di Zahedan il 20 gennaio.
THAILANDIA: EX VICEMINISTRO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Younes Jamshid-Zehi e Shamsoldin Baji-Zehi giustiziati il 20 gennaio nella prigione di Zahedan.
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
AFGHANISTAN: VICEPRESIDENTE CHIEDE L’ESECUZIONE DEI PRIGIONIERI TALEBANI
IRAN - Hafez Abdolsattar giustiziato nella prigione di Zahedan il 20 gennaio
ARABIA SAUDITA: NEL 2020 DRASTICA RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI
INDIA: DODICESIMA CONDANNA A MORTE PER SURINDER KOLI
IRAN - Anwar Ali-Zehi giustiziato nella prigione di Zahedan il 19 gennaio
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI MADRE E FIGLIO
PAKISTAN: JIHADISTA CONDANNATO A MORTE PER TRE OMICIDI

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
  IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, IMPICCAGIONE DEL MANIFESTANTE MOSTAFA SALEHI È UNA VERGOGNA PER IL MONDO COSIDDETTO DEMOCRATICO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits