Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden
USA - 100 pubblici ministeri chiedono a Biden di abolire la pena di morte federale

26 gennaio 2021:

Dopo la follia delle esecuzioni di Trump, i pubblici ministeri vogliono che il presidente Joe Biden commuti le condanne di coloro che si trovano nel braccio della morte federale e ponga fine alla pena capitale una volta per tutte.
Durante l'ultima settimana in carica di Donald Trump, il governo federale ha giustiziato 3 detenuti del braccio della morte federale. In 7 mesi, nella parte terminale del suo mandato, l'amministrazione Trump aveva supervisionato un numero record di 13 esecuzioni, una follia omicida senza precedenti nella storia moderna degli Stati Uniti.
Ora, una coalizione di pubblici ministeri e procuratori generali chiede a Biden di porre immediatamente fine alla pena di morte federale, definendola "un attacco alla dignità umana e un affronto ai valori americani".
In una lettera inviata lunedì, quasi 100 leader della giustizia penale hanno implorato Biden di commutare le condanne di tutti i condannati a morte federali e di istruire i pubblici ministeri federali a non chiedere la pena di morte in casi futuri.
"La pena di morte è un'istituzione arcaica e fallita che ha le sue radici nel razzismo e troppo spesso punisce gli innocenti", ha detto Miriam Krinsky, direttore esecutivo di Fair and Just Prosecution ed ex procuratore federale, che ha organizzato la lettera. "La crudele e spietata follia omicida della precedente amministrazione ha minato la già fragile fiducia nel sistema giudiziario e ha rivelato che una semplice sospensione delle esecuzioni non è affatto sufficiente".
L'amministrazione Trump ha riavviato le esecuzioni federali la scorsa estate, nel bel mezzo della pandemia di coronavirus. Erano 17 anni che il governo federale non effettuava esecuzioni.

Tra le persone giustiziate dal governo federale c'era Lisa Montgomery, una donna malata di mente che è stata torturata sessualmente da bambina; Dustin Higgs, che ha mantenuto la sua innocenza fino alla sua morte; e Corey Johnson, che aveva una disabilità intellettiva. Sia Higgs che Johnson si stavano riprendendo da COVID-19 al momento della loro morte.
La lettera, firmata da un certo numero di avvocati statunitensi ed ex funzionari del Dipartimento di giustizia, tra le altre cose dice: "Ora sappiamo anche che non abbiamo giustiziato il peggio del peggio, ma spesso invece abbiamo messo a morte i più sfortunati tra gli sfortunati - gli impoveriti, i mal rappresentati e i più distrutti".
“Di volta in volta abbiamo giustiziato persone con una lunga storia di malattie mentali debilitanti, infanzia segnata da indicibili abusi fisici e mentali e disabilità intellettive che hanno impedito loro di condurre una vita adulta indipendente. Abbiamo giustiziato individui con avvocati così trascurati nei loro doveri e obblighi che non si sono mai preoccupati di scoprire lunghe storie di malattie e traumi. Probabilmente abbiamo anche giustiziato degli innocenti".
Secondo il Death Penalty Information Center nel braccio della morte federale dovrebbero essere rimaste 49 persone, anche se nei giorni scorsi (vedi 19 gennaio) la condanna a morte di uno dei 49, quella di Kenneth Barrett, è stata annullata da una corte d’appello federale.
Durante la sua campagna presidenziale, Biden si è impegnato ad abolire la pena di morte federale, e a far riesaminare tutti i casi del braccio della morte federale. Non è chiaro se per “rivedere i casi” si debba intendere che commutare le condanne. C’è da dire che la soluzione più facile sarebbe limitarsi a non ordinare nuove esecuzioni, ma probabilmente l’orrore suscitato dalle troppe esecuzioni ordinate da Trump potrebbe indurre Biden a mosse più decise. Se la pena di morte federale venisse abolita, la legge non sarebbe necessariamente retroattiva, ma nel corso degli anni successivi tutte le condanne verrebbero comunque riviste, seppure una per volta, e passando dai tribunali. È già successo in diversi stati: quando il Governatore non ha ritenuto di intestarsi provvedimenti di commutazione collettiva (che negli Usa vanno sotto la definizione di “clemenza”), negli anni successivi i tribunali hanno preso atto che nello stato non era più possibile compiere esecuzioni, e quindi le condanne a morte dovevano essere rimodulate.
Le esecuzioni federali hanno luogo in una prigione a Terre Haute, Indiana, che ospita l'unica camera della morte federale negli Stati Uniti. La lettera chiede a Biden anche di ordinare che la camera della morte venga smontata in modo che non venga mai più utilizzata.
"Le chiediamo non solo di sostenere gli sforzi legislativi per porre fine alla pena capitale federale, ma di prendere tutte le misure in suo potere per smontare la macchina della morte e garantire che i futuri presidenti non possano giustiziare a volontà le dozzine di persone nel braccio della morte federale", dice la lettera. "Mantenere intatta la camera della morte a Terre Haute lascia il palcoscenico ancora pronto per indicibili crudeltà che dice più su di noi come società che su coloro che giustiziamo".
Contestualmente all’entrata in carica di Biden il 20 gennaio, anche 40 membri del Congresso hanno firmato una lettera in cui si chiede al nuovo presidente di commutare le condanne delle restanti persone nel braccio della morte federale.

https://www.huffpost.com/entry/trump-biden-end-death-penalty countryside600f4511c5b6997d555b729c

(fonte: Huffington Post)

Altre news:
RDC: DUE WHISTLEBLOWERS CONDANNATI A MORTE IN CONTUMACIA NEL 2020
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DI UNA BAMBINA
IRAN - Un uomo, non identificato, impiccato nella prigione di Yasuj il 7 marzo
IRAN - Liberata l'operatrice umanitaria britannico-iraniana Zaghari-Ratcliffe
VECCHIO E MALATO, SCARCERATO SOLO QUANDO HA PRESO IL COVID
INDIA: NOVE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER MORTI CAUSATI DA ALCOL ILLEGALE
NtC - Confronto tra Stati Uniti e Italia
THAILANDIA: CORTE SUPREMA CONFERMA SEI CONDANNE CAPITALI PER TERRORISMO
GHANA: DUE NIGERIANI CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI QUATTRO RAGAZZE
COSI’ TRUMP HA NASCOSTO L’AGONIA DEI GIUSTIZIATI
IRAN - Ebrahim Hassani giustiziato nella prigione di Shahr-e-Kurd il 6 marzo.
IRAQ: TRE GIUSTIZIATI PER ‘TERRORISMO’
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA DONNA
SOMALIA: CINQUE GIUSTIZIATI DA AL-SHABAAB PER SPIONAGGIO
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI METANFETAMINA
CINA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
EGITTO: UNDICI GIUSTIZIATI AD ALESSANDRIA PER OMICIDIO
EGITTO: ESECUZIONE NEL CARCERE DI DAMANHOUR
IRAN - Fatah Hosseini giustiziato nella prigione di Noshahr il 2 marzo
IRAN - Ahmad Samiee giustiziato il 1° marzo nella prigione di Rasht
COREA DEL SUD: PENA CAPITALE PER I PEDOFILI CHE CAUSANO LA MORTE DELLA VITTIMA
BANGLADESH: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER QUATTRO OMICIDI
MALESIA: TRIBUNALE FEDERALE CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
USA - Kentucky. Camera approva abilizione pena di morte per malati di mente gravi
2021
gennaio
febbraio
marzo
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits