Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

VECCHIO E MALATO, SCARCERATO SOLO QUANDO HA PRESO IL COVID

6 marzo 2021:

Fausto Malucchi su Il Riformista del 5 marzo 2021

Il momento più duro è quando esci e non hai dato sostanza a quanto ti ha chiesto, con insistenza. quasi con supplica, un condannato, un condannato anziano.
Moreno M. è un uomo minuto che ho conosciuto diversi mesi fa in carcere dove stava espiando una pena di tre anni e mezzo per un reato di bancarotta, bancarotta fraudolenta. Non è alla prima esperienza di questo tipo; per molti anni ha sentito il rumore metallico delle porte, la chiave che sigillava la sua notte. Nella sua vita è stato più bancarottiere che imprenditore ma non l’ha mai fatta franca, nel senso originale della frase e non come va dicendo in giro qualcuno.
Bastano però pochi minuti, il tempo necessario per il racconto dei suoi malanni per capire che il carcere forse non è proprio il luogo più adatto per un uomo come lui. Moreno ha un tumore alla prostata, l’ipertensione, l’iperlipidemia mista, l’edentulia grave e soprattutto non è più in grado di gestire le sue urine. Per questo indossa per tutto il giorno e per tutta la notte, in pratica a vita, un pannolone. Per le sue funzioni, anche quelle minime, avrebbe bisogno di un piantone e nell’attesa, mosso a compassione, svolge il ruolo, con merito, il suo compagno di cella.
Già, la cella. Io non l’avevo mai vista una cella prima che mi ci facesse accedere il Partito Radicale in una visita organizzata quattro o cinque anni fa al carcere di Pistoia, quello vero, quello che inizia nello stesso posto dove noi avvocati in genere ci congediamo dal cliente per ritornare fuori.
E la cella di Moreno è grande all’incirca come un ripostiglio ma ora vi vivono in due, non più in tre come avveniva in tempo di super-sovraffollamento. Oggi per fortuna la situazione è migliorata ed il sovraffollamento è sovraffollamento e basta, grazie al cielo, e la cella di Moreno, da dividersi con l’improvvisato piantone, per le sue dimensioni, volendo sembra quasi un nido e non più un luogo di espiazione. Comunque, ad un’istanza di detenzione domiciliare per motivi di salute non ho saputo rinunciare, nella quasi certezza che anche i magistrati ad un uomo anziano e malato, criminale sì ma da strapazzo, non avrebbero detto di no. Ed invece il Magistrato di Sorveglianza in prima battuta (15/2/2020) ed il Tribunale nel successivo giudizio (4/6/2020) hanno ritenuto che le condizioni cliniche del condannato fossero “discrete” e di conseguenza non incompatibili con il regime carcerario.
Ho aspettato il 4 novembre, il giorno in cui il Moreno compiva settanta anni, per regalare al mio assistito un nuovo ricorso. Questa volta ai sensi dell’art. 47 ter, comma I°, O.P. “La pena della reclusione per qualunque reato… può essere espiata nella propria abitazione o in altro luogo pubblico di cura, assistenza ed accoglienza, quando trattasi di persona che…abbia compiuto i settanta anni”. A giugno era fallito il tentativo di Fratelli d’Italia, Lega e Cinque Stelle di innalzare a 75 la soglia di quel beneficio e quindi Moreno avrebbe potuto certamente usufruirne. C’erano anche due nuovi elementi che sembravano favorire la sua richiesta: la sua salute ancor più pregiudicata e il Covid che stava minacciando non soltanto i detenuti ma anche le persone sane di libertà.
E proprio facendo leva anche sul Covid e su qualche provvedimento di Giudici che avevano avvertito il pericolo, pensavo che stavolta non ci sarebbe stata questione e men che meno rifiuto. All’udienza del 9/2/2021 il P.G. chiedeva il rigetto dell’istanza ed il Tribunale di Sorveglianza rinviava al 20 aprile per avere un supplemento di relazione dal carcere.
Mogio mi son recato da Moreno per dare conforto morale visto che comunque fino alla calda stagione non si sarebbe più parlato della sua storia e a quella data forse saremmo stati anche nella condizione di poter chiedere la detenzione domiciliare ordinaria.
Ma appena arrivato all’ingresso sono stato cortesemente informato che Moreno non era più lì. Il rinvio questa volta non l’aveva concesso il virus e Moreno stava lottando con la morte nel relativo reparto dell’Ospedale San Jacopo di Pistoia.
Carissimo Moreno questa volta ce l’ho fatta, ti ho tirato fuori dal carcere per motivi di salute e con largo anticipo sulla prossima udienza fissata alle idi d’aprile. Spero che anche tu ce la possa fare.
Io nel frattempo continuerò a sbirciare nel Parlamento, nelle aule di Giustizia, nelle carceri, alla ricerca dell’uomo.

Altre news:
INDIA: DETENUTO NEL BRACCIO DELLA MORTE MUORE DI COVID-19
IRAQ: CONDANNA A MORTE CONFERMATA NELLA REGIONE CURDA
SINGAPORE: ONG PRODUCE CANZONE SCRITTA DA CONDANNATO A MORTE MALESE
ESECUZIONI PER DROGA DIMINUITE NEL MONDO DEL 75% NEL 2020
IRAN - Il caso irrisolto del Volo 752 abbattuto dagli iraniani
STORIA DELL’ALBERO MARULA, DA FORCA A MONUMENTO ALL’ECCIDIO DELLO ZIMBABWE
VERITÀ PER MIMMO D’INNOCENZO, GIOVANE MORTO DA SOLO IN CELLA
CONSIGLIO D’EUROPA: RACCOMANDAZIONE CONTRO IL COMMERCIO DI STRUMENTI USATI PER LA PENA DI MORTE O LA TORTURA
ERGASTOLO OSTATIVO: NESSUNO TOCCHI CAINO, UN ALTRO PASSO VERSO IL DIRITTO ALLA SPERANZA
IRAN - Le torture e le umiliazioni subite da Ali Younesi
USA - 24 senatori esortano Biden a chiudere Guantánamo
TAIWAN: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER INCENDIO CHE PROVOCO’ NOVE MORTI
IRAN - Djalali è uscito dall'isolamento
USA - Arizona. Lo stato ha speso un milione e mezzo di dollari per i farmaci letali
ERGASTOLO OSTATIVO: NESSUNO TOCCHI CAINO, UN ALTRO PASSO VERSO IL DIRITTO ALLA SPERANZA
MYANMAR: TRA LE 19 PERSONE CONDANNATE A MORTE CE N’È UNA CHE SOFFRE DI DISTURBI MENTALI
USA - Texas. Annullata la condanna a morte di Raymond Riles
USA - Tennessee. Commissioni approvano disegno di legge sulla disabilità intellettuale
MYANMAR: ALTRE SETTE PERSONE CONDANNATE A MORTE DALLA CORTE MARZIALE
EMIRATI ARABI UNITI: OMICIDA EVITA L’ESECUZIONE GRAZIE AL PREZZO DEL SANGUE
IRAN - La condanna a morte di Arsalan Khodkam commutata in ergastolo
USA - Nevada. La Camera abroga la pena di morte
PAKISTAN: UOMO E SUO FIGLIO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
IRAN - Sohrab Masgari giustiziato il 13 aprile
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Arsalan Zare giustiziato nella prigione di Shiraz il 12 aprile
ARABIA: TRE SOLDATI GIUSTIZIATI PER ‘ALTO TRADIMENTO’
IRAQ: LEADER DELLO STATO ISLAMICO CONDANNATO A MORTE PER IL MASSACRO DI ANBAR
IRAN - Arsalan Moradi giustiziato il 13 aprile nella prigione di Birjand
ARABIA SAUDITA: OTTO MINORENNI ANCORA A RISCHIO DI ESECUZIONE

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits