Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IL DRAMMA DI ANGELO, CHIUSO IN CELLA CON LE VOCI NELLA TESTA

2 ottobre 2021:

Veronica Manca e Nicola Galati su Il Riformista del 1° ottobre 2021

Angelo e i suoi occhioni neri, fari di luce nelle tenebre della cella; dietro le sbarre, non solo fisiche. Quando conobbi Angelo, compresi, all’istante, che voleva narrare una storia diversa da quella che emergeva dalle carte. Poche parole, sguardo perso nel vuoto: “Avvocato, non mi crede nessuno, ma io sento le voci; sono loro che mi dicono che sono diverso; alle volte mi fanno paura; alle volte mi fanno compagnia; sono il mio mondo”. La situazione era chiarissima; un solo colloquio era sufficiente per capire che lì Angelo non ci sarebbe dovuto mai entrare. Eppure il suo caso, come quello di tanti altri, ha reso tangibile che la malattia mentale in carcere non esiste e le persone malate sono invisibili. Non solo. Ha messo in luce che l’infermità di mente non riesce nemmeno ad emergere in sede processuale: chi si pone o si dovrebbe porre la questione? Esistono processi in cui, per il tipo di imputato, non si sollevi la questione? Esistono difese tecniche o d’ufficio, per
 cui non vale la pena percorrere strade, ardue, solitarie, ma di giustizia?
Chiunque indossi la toga, magistrato o difensore, con dignità, serietà e profondo senso di responsabilità, sa perfettamente che la risposta non può essere che una sola. La Giustizia non ha volti né ceti né classi sociali: i diritti sono di tutti e tali vanno garantiti. Anche, e soprattutto, ad Angelo. Uno straniero, emarginato sociale, povero, senza padre, rimasto in Bulgaria, una madre malata e sola; una lunga storia di strada, droga e acidi; una lunghissima storia di solitudine e abbandono, in cui la malattia mentale non solo ha potuto fiorire, ma ha rappresentato l’unico elemento salvifico: le voci terrificanti, quella “famiglia” che riempiva il vuoto di una vita destinata a spezzarsi, nella solitudine e nel dramma più assoluto.
Angelo è in carcere ed è accusato di violenza sessuale: lo stigma più pesante. Il processo corre veloce, secondo cadenze e istruttoria già stabilita, a condanna altamente probabile. Intervenire a storia processuale scritta non è facile per nessuno, né per il difensore né tanto meno per le altre parti processuali. Ma la toga impone e insegna che se l’evidenza fattuale è così lampante e distante dalla verità che è in corso di scrittura nel processo, l’interruzione del processo è atto dovuto. Con buona pace dell’eco mediatica, del giustizialismo e del populismo penale: perché il processo è verità e giustizia; e ciò bisogna ribadirlo continuamente, nella lotta contro le ingiustizie e a difesa dei diritti.
Il resto è storia. Angelo è stato assolto, con formula piena.
Conclusione che non può distrarci da alcuni interrogativi ineludibili. Per Angelo il sistema ha infine funzionato, ma quante altre storie simili hanno purtroppo finali diversi? Quante persone sono abbandonate in una cella ad affrontare la loro malattia, senza avere la fortuna di incontrare la determinazione e la sensibilità di tutti gli attori del processo?
Quanto ad Angelo, perché non ha avuto prima l’assistenza e le attenzioni di cui aveva bisogno? La nostra società deve ancora fare pienamente i conti con la malattia mentale, non si possono ignorare ed escludere le persone come Angelo, magari lasciando che sia il sistema penale a farsi carico di compiti che non gli spettano e di problemi che non potrà mai risolvere.
Per una volta Angelo ha sentito delle voci non dentro ma fuori di sé, voci non ostili, che non lo giudicavano e non lo condannavano, voci che lo assolvevano. Se solo avesse sentito prima voci amiche intorno a sé, si sarebbero evitate tante sofferenze per lui e per gli altri.
Infine, per l’avvocato resta la consapevolezza di non doversi mai fermare ai freddi atti di una causa, di dover esplorare l’umanità che ha dinanzi a sé, di poter aiutare chi sembra ormai perduto. Così,
alle solite domande retoriche sul come si possano difendere coloro che sono accusati di reati orribili, potrà dire di aver trovato la risposta negli occhioni neri di Angelo.

Altre news:
SINGAPORE: SECONDO MALESE CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA SORELLA
RACCOLTA FONDI PER IL ‘PRISON LIFE INDEX’
IRAN - Sobhan Molayi giustiziato nella prigione di Qazvin il 17 novembre
USA - Mississippi. David Cox è stato giustiziato
DUE SOLDATI UGANDESI CONDANNATI A MORTE IN SOMALIA
ARABIA SAUDITA: RILASCIATO GIOVANE CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE DA MINORENNE
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
MALESIA: CORTE FEDERALE ASSOLVE NIGERIANO CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE PER DROGA
EGITTO: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - L'Aban Tribunal ha tenuto 5 udienze a Londra
IRAN - Marouf Gholipour giustiziato nella prigione di Shiraz il 14 novembre
TAIWAN: COMMUTATA IN ERGASTOLO LA CONDANNA CAPITALE DI UNA DONNA CHE UCCISE SUOI FIGLI
SÌ ALLA GIUSTIZIA RIPARATIVA, LA CATENA DELL’ODIO VA SPEZZATA
ARABIA SAUDITA: CONDANNA CAPITALE ANNULLATA E NUOVO PROCESSO PER ‘MINORENNE’
IRAN - Quattro uomini giustiziati nella prigione di Zahedan il 13 novembre
IX CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO - 17 E 18 DICEMBRE 2021
SALVATO DALLA FORCA GRAZIE AL COVID, MA SOLO PER ORA…
USA - Oregon. Il serial killer Dayton Leroy Rogers sconterà l'ergastolo
NIGERIA: MEMBRO DI BOKO HARAM CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE
INDIA: CORTE SUPREMA, ‘LA GIOVANE ETÀ DELLE VITTIME DI STUPRO E OMICIDIO NON E’ SUFFICIENTE PER LA CONDANNA CAPITALE’
IRAN - Ahmad Bahrami giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 10 novembre
EGITTO: CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL MARITO
GAZA: DUE CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO E UNO PER DROGA
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN PASTORE ENTRATO NELLA SUA PROPRIETA’
SINGAPORE: SOSPESA ESECUZIONE DI MALESE CON DISABILITA’ MENTALE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA RAGAZZINA
PAKISTAN: OTTO CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI NALTAR
IRAN - Ahmad Makrandoust giustiziato nella prigione di Zahedan
IRAN - Yasser Gargij giustiziato nella prigione di Zahedan il 6 novembre

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits