Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

INDIA: PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE CON DISTURBI PSICHIATRICI

21 ottobre 2021:

Secondo un nuovo studio condotto in India, la detenzione nel braccio della morte e l’incertezza legata alla data di esecuzione costituiscono un grosso peso per i prigionieri, che soffrono di disturbi psichiatrici e disabilità intellettive.
Lo studio condotto dal Project 39A, un programma di giustizia penale presso la National Law University di Delhi, ha anche scoperto che la maggior parte dei prigionieri del braccio della morte proviene da un ambiente familiare disagiato e uno su due ha subito abusi fisici o psichici da bambino. Ha inoltre rilevato che su 88 prigionieri (3 donne e 85 uomini) del braccio della morte intervistati, a 51 (62,2%) è stata diagnosticata almeno una malattia mentale. I ricercatori hanno intervistato gli 88 prigionieri e le loro famiglie nei cinque Stati di Chhattisgarh, Delhi, Karnataka, Kerala e Madhya Pradesh.
Il direttore esecutivo di Project 39A, Anup Surendranath, definisce errati gli approcci teorici alla punizione. “Al centro della riflessione sulla “colpa” c'è l'assunto incrollabile che gli individui agiscano nel vuoto. Tuttavia, ora esistono ricerche approfondite per dimostrare che questa ipotesi è necessariamente falsa e che le azioni individuali sono influenzate da tutta una serie di fattori che coinvolgono contesti sociali, storie personali, esperienze psicologiche e di sviluppo, ecc.
Il rapporto "Deathworthy: A Mental Health Perspective of the Death Penalty" - pubblicato il 21 ottobre 2021 - afferma che degli 88 prigionieri intervistati, al 35% è stato diagnosticato un disturbo depressivo maggiore, il 22% è stato diagnosticato con disturbo d'ansia generalizzato, il 20% soffre di disturbo da uso di sostanze e il 6% è stato sottoposto a screening per psicosi. A nove detenuti su 83 (11%) è stata diagnosticata una disabilità intellettiva.
La Corte Suprema ha spesso considerato l'agonia emotiva e mentale di convivere con l'incertezza della pena di morte come un fattore per la commutazione della sentenza dopo il rigetto della richiesta di grazia da parte del Presidente, ma i ricercatori affermano che la tortura per il prigioniero inizia non appena viene condannato a morte.
L'autore principale dello studio, Maitreyi Misra, ha dichiarato: "Il trauma della condanna a morte, i molti passi falsi della pena di morte (come un ordine di esecuzione inaspettato), la preoccupazione per le famiglie fanno tutti parte di questa agonia. Non potendo lavorare o impegnarsi in attività che potrebbero aiutare a distogliere la loro attenzione, molti prigionieri si definiscono morti viventi, molti vorrebbero essere impiccati come un modo per porre fine alla loro misera condizione piuttosto che continuare a vivere con la loro morte imminente ma incerta”.
Purab, un prigioniero, ha detto ai ricercatori: "Essere uccisi una volta è meglio che morire tutti i giorni, lasciami andare o semplicemente uccidimi. Questa condanna a morte è come un veleno lento, sarebbe meglio se potesse essere bevuta in un solo sorso”.
Lo studio ha anche scoperto che le famiglie dei prigionieri nel braccio della morte non solo devono affrontare la "perdita indefinita" di non sapere quando e se i loro cari moriranno e scontare un "dolore senza diritti", ma sono anche costrette in alcuni casi a nascondere la propria identità e a subire la perdita di mezzi di sussistenza e della salute.
Degli 88 prigionieri intervistati, 19 in seguito sono stati assolti, mentre la condanna di altri 33 è stata commutata in vari termini di ergastolo. A 13 dei 19 detenuti ora assolti è stata diagnosticata almeno una malattia mentale, tre avevano tentato il suicidio in carcere.
Dei 30 prigionieri con diagnosi di depressione, 17 ora non sono più nel braccio della morte.
Dei 34 prigionieri che erano a rischio di suicidio, 20 non sono più nel braccio della morte.
La metà di coloro che stavano considerando l’idea del suicidio al momento dell'intervista non si trova più nel braccio della morte.

(Fonti: Project 39A, TNN, 21/10/2021)

Altre news:
LIBIA: CORTE MARZIALE DI MISURATA CONDANNA A MORTE IL GENERALE HAFTAR
IRAQ: CONDANNATO A MORTE A NAJAF PER TERRORISMO
EGITTO: CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA 22 CONDANNE CAPITALI
IMPICCATO IN IRAN ARMAN ABDOLALI, L’UOMO CHE VISSE SEI VOLTE
BANGLADESH: CINQUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Abdolsattar Shehbakhsh e Khan Mohmmad Rahmatzehi giustiziati a Kerman il 25 novembre
INDIA: COMMUTATE IN ERGASTOLO TRE CONDANNE A MORTE PER STUPRO
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER GLI STUPRI DELLA FIGLIA
CECINA (LI): Il 30 NOVEMBRE NTC PER LA FESTA DELLA TOSCANA ‘ARTE COME LUOGO DI LIBERTÀ’
IRAN - Maryam Khakpour giustiziata il 25 novembre nella prigione di Isfahan
SOMALIA: DUE AL-SHABAAB CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND
BANGLADESH: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE DI UN ISLAMISTA
IRAN - Arman Abdolali è stato sepolto a Teheran
IRAN - Mohammad Safari giustiziato nella prigione di Rajai Shahri il 24 novembre
COREA DEL NORD: CONDANNATO A MORTE PER AVER TRAFFICATO ‘SQUID GAME’
IRAN - Arman Abdolali, minorenne all’epoca del reato ascritto, è stato giustiziato.
PAKISTAN: ASSOLTO CRISTIANO CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
IRAN - Marito e moglie non identificati giustiziati a Yasuj
YEMEN: SI RIACCENDE LA SPERANZA PER L’INDIANA NIMISHA PRIYA
UNA GIUSTIZIA PER RIPARARE I TORTI E CHI LI HA COMMESSI
MALESIA: DUE CONDANNE CAPITALI ANNULLATE IN APPELLO
CONTINUARE A ESSERE SPERANZA CONTRO OGNI SPERANZA
OKLAHOMA (USA): GOVERNATORE GRAZIA JULIUS JONES, PENA DI MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEL PADRE
IRAN - Mostafa Pourahmad e Mojtaba Bagheri giustiziati a Rasht il 18 novembre
IRAN - Shamsedin Ghaljayi giustiziato nella prigione di Kerman l’18 novembre
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE NELL’UTTAR PRADESH PER GLI OMICIDI DI TRE FIGLIE
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Rahmat Fereydouni giustiziato nella prigione di Qom il 17 novembre
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO NELL’EKITI

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits