Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

UNA GIUSTIZIA PER RIPARARE I TORTI E CHI LI HA COMMESSI

20 novembre 2021:

Catello Romano* su Il Riformista del 19 novembre 2021

Purtroppo, in Italia, la realtà della giustizia riparativa non sembra avere il “mordente” che ha avuto nei paesi dell’Est e del Nord Europa, benché di recente si sia avuta una svolta almeno nell’ambito del penale riguardante i minori, il che fa ben sperare in qualcosa di più generale. È vero pure che vi sono delle piccole realtà già affermate ma che potremmo definire delle “oasi” d’intuizioni felici, ma... pur sempre di “oasi” si tratta. Si può, quindi, si deve fare più. Inoltre, non ci si può sempre aspettare che siano le vittime a fare il primo passo e che, mosse da un profondo malessere e da un’impellente necessità di comprendere ciò che hanno subito, vengano a chiederci: «ma tu perché mi hai fatto questo?». È proprio sui rei che si sentono abbastanza mature e forti da sostenere la responsabilità di sentirsi “chiamate” (vocate) a riparare quelle crepe che con il loro agito i rei hanno arrecato all’edificio sociale, in genere, e alla person
 a, in particolare, poiché «quando si tratta di riparare un’offesa non si tratta tanto di “riparare qualche cosa”, ma di fare “riparazione a qualcuno”».
Pertanto, che non venga mai in mente l’insana idea di utilizzare la possibilità dell’incontro con la persona offesa per un beneficio di altro ordine che non sia quello prettamente «interiore», sia perché «vi è più gioia nel dare che nel ricevere» sia perché tale strumentalizzazione della persona e del suo dolore non farebbe altro che reiterare l’offesa nei confronti di chi già non la meritò la prima volta. Se dentro di noi sentiamo un genuino desiderio di metterci a confronto con la persona che abbiamo ferito, allora chiediamoci con M. Bouchard: «possiamo pensare di far riparazione a qualcuno che abbiamo offeso senza riconoscere la nostra propria “mancanza”, cioè il fatto che non solo abbiamo “mancato” verso qualcuno ma che “manca” qualcosa in noi stessi?».
Questo ragionamento non è scontato solo per i reati più gravi quali l’omicidio o quelli a sfondo sessuale – dove nessuna somma di danaro potrebbe mai porre rimedio –, ma anche per quei delitti ritenuti di “minor entità” – si pensi, ad esempio, allo shock e a tutte le ripercussione psicologiche causate da una “semplice” violazione di domicilio, a come ciò possa minare in modo significativo, a volte per anni, il senso di sicurezza, per sé e per i propri cari, che il simbolo della «casa» naturalmente infonde in ognuno di noi.
Concludendo queste note, sento la necessità di ribadire ancora una volta che sia il responsabile del reato a cercare di ripristinare, per quanto gli è possibile, la dignità della vittima, perché (quasi) mai la sentenza di un giudice assolve a questo compito.
Secondo le parole di Hanna Arendt, «l’azione umana soffre di due grandi limiti: l’irrimediabilità del passato e l’imprevedibilità del futuro. Per affrontare questi limiti l’uomo ha a disposizione solo due correttivi: contro l’irrimediabilità delle offese di un tempo, l’unico antidoto è il perdono; contro l’imprevedibilità del futuro, l’unico antidoto è rappresentato dalla promessa».
E non possiamo “pretendere” di chiedere il perdono ad altri se prima non abbiamo avuto il coraggio e la forza di perdonare noi stessi, provando a immedesimarci il più possibile col dolore provato (e spesso ancora prova) da chi abbiamo ferito e oltraggiato, nella ricerca di una più profonda consapevolezza dei danni causati. Questa volta siamo noi a trovarci da questa parte delle sbarre, la prossima potremmo stare dall’altra; proprio considerando profondamente ciò è possibile comprendere cosa significhi che il reo è la prima vittima di sé stesso.
Siamo tutti parte di uno stesso unico tessuto, ognuno di noi un filo, non importa se dell’ordito o della trama – tanto dal punto di vista dell’Assoluto tali differenze non esistono – e concorriamo in egual modo a realizzare il magnifico disegno universale su questa “tela” che è la creazione. Se, come accade spesso, non ce ne rendiamo conto è perché non guardiamo affatto la tela o la osserviamo troppo da vicino, in modo “locale”. Se ci sforziamo di fare qualche “passo indietro”, però, evitando di star noi in primo piano e dandoci la possibilità di avere una visione più “globale”, allora potremmo apprezzare il disegno nella sua interezza e magnificenza prendendo coscienza, peraltro, del fatto che siamo tutti intrecciati l’uno con l’altro e che già diverse volte ci siamo incrociati nel nostro cammino.
Se in questo scritto parlo principalmente da persona detenuta è solo perché anche io sono “ristretto” (non certo di orizzonti, però; quelli si son ampliati da tempo), ciò non toglie, tuttavia, che con le debite trasposizioni il discorso sia valido per tutti: ci sono tanti che scontano le loro “pene” – che s’infliggono da sé – in ben altre prigioni.

* Detenuto a Catanzaro
(2-Fine)

Altre news:
CINA: DUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SOMALIA: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER LE UCCISIONI DI DUE FRATELLI
NIGERIA: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA
PAPUA NUOVA GUINEA: VERSO L’ELIMINAZIONE DELLA PENA CAPITALE
NIGERIA: IN 10 STATI DETENUTO L’80% DEI CONDANNATI A MORTE NEL PAESE
SOMALIA: EX POLIZIOTTO GIUSTIZIATO PER L’UCCISIONE DI UN CIVILE
TUNISIA: NOVE ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MILITARE
PAKISTAN: CINQUE CONDANNATI A MORTE IN UN CASO DI SEQUESTRO
USA: FORCA AI MINIMI STORICI MA SEMPRE ‘RAZZISTA’
STARE CHIUSI IN GALERA COSTA UN OCCHIO DELLA TESTA…
SOMALIA: EX MILITARE FUCILATO PER L’OMICIDIO DI UN CIVILE
USA - Florida. Annullato il verdetto di colpevolezza e la condanna a morte di Joe Simpson
IRAN - Sei prigionieri politici in sciopero della fame nella prigione di Evin
IRAN - Mohammad Jafar Salehi, Abdolrahim Sargolzayi e Shahin Khosravi giustiziati a Isfahan
PAKISTAN: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER ATTENTATO TERRORISTICO
NTC SEGNALA ‘NO DEATH PENALTY: ESSAY ON THE HUMAN DIGNITY OF THE GUILTY’ DI ALFREDO DE FRANCESCO
USA - Florida. Annullato il verdetto di colpevolezza e la condanna a morte di Peter Avsenew
CARCERE: ASSEMBLEA DI NESSUNO TOCCHI CAINO A MILANO, PRIMA TAPPA DEL ‘GIRO D’ITALIA’ 2022
IRAN - 8 persone giustiziate il 12 gennaio a Raja'i Shahr
USA - Oklahoma. Il medico che supervisione le esecuzioni viene pagato 15.000 dollari
USA - Oklahoma. La Corte Suprema lascia in sospeso la decisione che McGirt non è retroattiva
EAU: DUE FILIPPINI CONDANNATI A MORTE PER VENDITA DI DROGA TRAMITE WHATSAPP
SRI LANKA: CAPO DELLA PRIGIONE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN DETENUTO
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO DOPO IL PARERE DEL GRAND MUFTI
IRAN - Farhang e Yasser Aliollahi giustiziati nella prigione di Zanjan l'11 gennaio
PAKISTAN: CRISTIANO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
MAROCCO: CASSAZIONE CONFERMA CONDANNA A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN BAMBINO
IRAN - Il minorenne Mostafa Emdadi condannato a morte
RUSSIA: IL PRESIDENTE DELLA CORTE COSTITUZIONALE METTE IN DISCUSSIONE LA MORATORIA SULLA PENA DI MORTE
EGITTO: SEI CONDANNE CAPITALI COMMUTATE DALLA CORTE DI CASSAZIONE

1 2 [Succ >>]
2022
gennaio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits