Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Arman Abdulali
IRAN - Arman Abdulali
IMPICCATO IN IRAN ARMAN ABDOLALI, L’UOMO CHE VISSE SEI VOLTE

27 novembre 2021:

Sergio D’Elia su Il Riformista del 26 novembre 2021

Arman Abdolali era ancora piccolo al momento del fatto per il quale è stato condannato a morte. Arman è diventato grande nella prigione di Rajai Shahr a Karaj, a ovest di Teheran dove, in un anno, ha superato sei prove di impiccagione.
Sono state prove crudeli e inumane, forme terribili di tortura dell’anima quelle di essere trascinato all’improvviso fuori dalla propria cella, portato in una stanza di isolamento in attesa di essere impiccato e, poi, all’ultimo momento, riportato nel braccio della morte. Per la gioia dei compagni di sventura che lo hanno rivisto vivo. Per il tormento del condannato nell’angosciante attesa di un’altra prova o di un altro finale di partita.
La sua esecuzione era stata programmata già due volte, nel gennaio 2020 e nel luglio 2021, ma è stata interrotta in entrambi i casi dopo una protesta internazionale.
Poi altre due volte, alla metà di ottobre e i primi di novembre, gli era stato tolto il cappio al collo grazie a un appello urgente mosso dalle Nazioni Unite. Era stato trasferito di nuovo nell’anticamera del patibolo il 21 novembre scorso. Lì aveva atteso tre giorni e due notti, poi era ritornato in sezione.
Per sei volte sull’orlo del precipizio mortale, per sei volte Arman è “rinato”. La sera tardi del 23 novembre, per la settima volta, lo hanno condotto di nuovo nella sezione di isolamento, nella stanza davanti alla forca.
Sarebbe stata l’ultima prova di impiccagione dell’uomo che ha vissuto sei volte, quella che avrebbe segnato la fine della storia di Arman e della sua lenta agonia. La rappresentazione teatrale della legge del taglione avrebbe assicurato l’ultimo spettacolo: biglietto di sola entrata per l’attore principale, nessuna via d’uscita, nessuna replica, nessun ritorno alla vita del condannato a morte.
Arman non è più salito in sezione dai suoi compagni di pena. Arman è salito sul patibolo il giorno dopo, alle prime luci dell’alba. Con gli occhi bendati, lo hanno portato sotto la forca, una corda gli ha cinto il collo, un calcio allo sgabello sferrato dal boia gli ha tolto l’appoggio sotto i piedi e anche la vita.
Arman Abdolali era nato il 9 marzo 1996 e aveva 17 anni al momento della scomparsa della sua ragazza nel 2013. Il corpo non è mai stato ritrovato. È stato condannato lo stesso per omicidio.
Arman aveva già fatto l’esperienza della cella di isolamento quando è stato arrestato. Per 74 giorni è stato privato di tutto: della luce, del sonno e dell’amore materno che meriterebbe ancora un ragazzo della sua età. Anche prima di morire, solo come un cane, gli è stato tolto la luce, il sonno e l’amore materno. I suoi genitori sono stati privati del diritto sacrosanto e del senso minimo di umana pietà di un’ultima visita al figlio in attesa di esecuzione.
Nella cella di isolamento, dove era stato deprivato di tutto e aveva subito di tutto, aveva confessato l’omicidio. Sulla base della confessione, senza tener conto che era minorenne e che non era mai stato trovato un corpo, senza un giusto processo è stato condannato a morte, alla qisas, a una “ritorsione in natura”. Nel campo dei delitti e delle pene coraniche, dei torti arrecati dal reo e dei diritti maturati dalla vittima, la qisas islamica prevede proprio questo: una “restituzione dello stesso tipo”, una punizione analoga al delitto, la legge del taglione, il prezzo del sangue: chi sbaglia paga, una vita per una vita, chi ha ucciso dev’essere ucciso.
Non sappiamo se Arman ha ucciso davvero la sua ragazza. Quel che sappiamo è che aveva meno di 18 anni al momento del fatto e condannarlo a morte è una violazione grave del diritto internazionale, del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici e della Convenzione ONU sui Diritti del Fanciullo. L’Iran ha firmato sia l’una che l’altra carta, ma evidentemente le considera carta straccia. Difatti, la Repubblica islamica è uno dei pochi paesi al mondo che ancora applica la pena di morte per i minori di 18 anni ed è responsabile di oltre il 70% di tutte le esecuzioni di minorenni negli ultimi 30 anni. Arman Abdolali è il secondo minorenne a essere giustiziato quest’anno. L’anno scorso ne ha impiccati otto.
Il regime dei mullah è rimasto praticamente solo a violare questo diritto umano universale, la sacra consuetudine di non uccidere persone troppo giovani per capire il male di uccidere. E la civilissima Europa dei diritti umani, dell’abolizione della pena di morte e della pena fino alla morte, non ha mosso un dito per Arman e i ragazzi come lui condannati per fatti avvenuti quando erano troppo giovani d’età. Anzi, l’Europa tollera questi crimini contro l’umanità, blandisce e legittima un regime che continua a praticare la tortura dell’isolamento, a infliggere l’agonia dell’attesa all’ombra della forca e la pena fuori dal tempo e fuori dal mondo di un cappio che si stringe intorno al collo.

Altre news:
CINA: DUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SOMALIA: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER LE UCCISIONI DI DUE FRATELLI
NIGERIA: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA
PAPUA NUOVA GUINEA: VERSO L’ELIMINAZIONE DELLA PENA CAPITALE
NIGERIA: IN 10 STATI DETENUTO L’80% DEI CONDANNATI A MORTE NEL PAESE
SOMALIA: EX POLIZIOTTO GIUSTIZIATO PER L’UCCISIONE DI UN CIVILE
TUNISIA: NOVE ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MILITARE
PAKISTAN: CINQUE CONDANNATI A MORTE IN UN CASO DI SEQUESTRO
USA: FORCA AI MINIMI STORICI MA SEMPRE ‘RAZZISTA’
STARE CHIUSI IN GALERA COSTA UN OCCHIO DELLA TESTA…
SOMALIA: EX MILITARE FUCILATO PER L’OMICIDIO DI UN CIVILE
USA - Florida. Annullato il verdetto di colpevolezza e la condanna a morte di Joe Simpson
IRAN - Sei prigionieri politici in sciopero della fame nella prigione di Evin
IRAN - Mohammad Jafar Salehi, Abdolrahim Sargolzayi e Shahin Khosravi giustiziati a Isfahan
PAKISTAN: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER ATTENTATO TERRORISTICO
NTC SEGNALA ‘NO DEATH PENALTY: ESSAY ON THE HUMAN DIGNITY OF THE GUILTY’ DI ALFREDO DE FRANCESCO
USA - Florida. Annullato il verdetto di colpevolezza e la condanna a morte di Peter Avsenew
CARCERE: ASSEMBLEA DI NESSUNO TOCCHI CAINO A MILANO, PRIMA TAPPA DEL ‘GIRO D’ITALIA’ 2022
IRAN - 8 persone giustiziate il 12 gennaio a Raja'i Shahr
USA - Oklahoma. Il medico che supervisione le esecuzioni viene pagato 15.000 dollari
USA - Oklahoma. La Corte Suprema lascia in sospeso la decisione che McGirt non è retroattiva
EAU: DUE FILIPPINI CONDANNATI A MORTE PER VENDITA DI DROGA TRAMITE WHATSAPP
SRI LANKA: CAPO DELLA PRIGIONE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN DETENUTO
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO DOPO IL PARERE DEL GRAND MUFTI
IRAN - Farhang e Yasser Aliollahi giustiziati nella prigione di Zanjan l'11 gennaio
PAKISTAN: CRISTIANO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
MAROCCO: CASSAZIONE CONFERMA CONDANNA A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN BAMBINO
IRAN - Il minorenne Mostafa Emdadi condannato a morte
RUSSIA: IL PRESIDENTE DELLA CORTE COSTITUZIONALE METTE IN DISCUSSIONE LA MORATORIA SULLA PENA DI MORTE
EGITTO: SEI CONDANNE CAPITALI COMMUTATE DALLA CORTE DI CASSAZIONE

1 2 [Succ >>]
2022
gennaio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits