Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

STARE CHIUSI IN GALERA COSTA UN OCCHIO DELLA TESTA…

16 gennaio 2022:

Rita Bernardini su Il Riformista del 14 gennaio 2022

Due lettere dal carcere con un unico comune denominatore. Tutti e due i detenuti hanno perso l’occhio sinistro. Uno ha paura di perdere anche quello destro, l’altro chiede di essere trasferito in un centro clinico penitenziario perché dopo mesi non si è ancora venuti a capo della malattia “rara” che lo colpisce.
Personalmente sono sommersa dalle disperate segnalazioni che arrivano da tutta Italia e così immagino lo siano tutti coloro che si occupano di carcere, a partire dai garanti e dalle associazioni. La diffusione del Covid ha aggravato all’inverosimile le condizioni di detenzione strutturalmente “fuorilegge” da decenni. Da qui lo sciopero della fame che ho ripreso e che coinvolge decine di persone; da qui l’essere speranza: per se stessi e per gli altri.

La detenzione si paga con… un occhio della testa.
F. G. è un quarantunenne ed è in carcere per scontare 2 anni e 8 mesi. Nel settembre 2019, mentre era detenuto nel carcere di Lecce, avverte l’area sanitaria di avere un occhio gonfio e molto arrossato. Dopo 37 giorni, arriva l’oculista che gli fa la diagnosi: “congiuntivite”, e gli prescrive un collirio al cortisone. Prende le prime due gocce e la mattina dopo da quell’occhio non ci vede più. Il detenuto chiede di essere portato in ospedale, ma ciò avviene solo dopo 17 giorni grazie alla protesta dei compagni di cella e a una dottoressa del carcere che si impietosisce. I medici dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce si arrabbiano: nell’occhio era finita una piccola scheggia che aveva provocato un piccolo foro: bastava andare subito in ospedale per toglierla e, invece, con il ritardato ricovero e con il cortisone prescritto, quel piccolo foro è diventato molto ampio provocando un ascesso corneale. All’ospedale di Lecce il detenuto rimane ricoverato per due mesi, con i medici che fanno di tutto per salvargli l’occhio, ma l’impresa appare impossibile. A dicembre gli viene sospesa la pena e lui può andare da “libero” al policlinico di Bari e successivamente al Careggi di Firenze per tentare un trapianto di cornea. Poi arriva il Covid, il detenuto ritorna in carcere e ora si trova ad Ascoli Piceno. Avrebbe bisogno di un monitoraggio costante (impossibile in carcere) perché l’occhio è ancora infetto e può coinvolgere l’altro dove gli mancano già 4 gradi e mezzo. Mi scrive “vivo con ansia e paura di diventare completamente cieco”. Il giudice gli ha concesso i domiciliari per potersi curare, ma il suo problema è che non ha una casa, un posto dove andare e chiede aiuto alle istituzioni. “Vi prego aiutatemi, sono solo senza genitori, non ho nessuno.”
G. M. è un ex tossicodipendente di 34 anni e come molti è in carcere (a Pavia) per scontare una condanna di 5 anni e mezzo per reati legati alla sua condizione di dipendenza da sostanze vietate. Mi scrive: “incoscientemente facevo reati per drogarmi e così ho lasciato a casa moglie e figlio di tre anni. È da due anni che sono in carcere e in tutta la mia vita sono stato detenuto per circa 11 anni. Oggi ho capito i miei errori e ho deciso di cambiare radicalmente la mia vita perché amo mia moglie e il mio bambino. Mi sono anche avvicinato alla Chiesa e prego spesso a Dio che stia vicino a me e ai miei cari. Purtroppo, tutte queste preghiere non sono bastate e mi sta capitando una sorta di castigo divino e questa è la ragione per cui le scrivo sperando in un suo aiuto. La mattina del 18 ottobre 2021 mi sono svegliato e ho scoperto che non ci vedevo più dall’occhio sinistro. Sono stato subito portato al Pronto Soccorso e, da quel giorno, è iniziato il mio calvario. Sono afflitto da una malattia rara che nessuno sa cosa sia: l’unica certezza è una lesione del nervo ottico che mi ha portato alla completa cecità dell’occhio sinistro, dolori muscolari diffusi, forti mal di testa e perdita frequente di sangue dal naso. Il Dirigente sanitario del carcere afferma che quello che mi sta capitando è anomalo alla mia età e pertanto mi sta sottoponendo a vari esami. La stessa comprensione che ho trovato nel dirigente sanitario e nel personale penitenziario spesso non la riscontro però nei medici di turno e negli infermieri che tardano nei soccorsi nei casi di emergenza. Uno di questi, un medico, un giorno mi ha detto “venite in galera e state male, poi una volta fuori state tutti bene!”. Ma ti rendi conto? Eppure, sa che ho perso un occhio e solo da un anno sono uscito da una forte depressione che mi ha portato più volte a tentare il suicidio”. G.M. racconta poi dettagliatamente tutti gli episodi che gli sono accaduti con tanto di date e chiede aiuto perché a Pavia, nel carcere, non sono in grado di curarlo.
“Mi può stare anche bene rimanere in carcere, ma almeno mi trasferiscano in un centro clinico! Qui a Pavia ti fanno morire e ne ho visti qui morire o stare molto male, qui è una vera valle di lacrime…”

Altre news:
IRAN - Ghobad Khodakarami giustiziato a Khorramabad il 7 maggio
TAIWAN: APPELLO AL GOVERNO AFFINCHÉ METTA FINE ALLA PENA CAPITALE
IRAN - Mehrab Salehi giustiziato a Yazd il 15 maggio
HA RICUCITO IL SUDAFRICA, NON CHIAMATELA GIUSTIZIA SOFT
IRAN - Mohammad Bameri giustiziato a Iranshahr il 14 maggio
RDC: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN ATTIVISTA PER I DIRITTI UMANI
EX DETENUTO CHIEDE DI TORNARE IN CARCERE: ‘SONO SPAVENTATO DAL MONDO ESTERNO’
IRAN - Farshad Gamshadzehi, Esmail Jahantigh e Mansour Barahouyi giustiziati a Zahedan il 14 maggio
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato nella prigione di Sabzevar il 10 maggio
IRAN - Hossein Fartash giustiziato a Isfahan il 12 maggio
BOTSWANA: PASTORE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE DEL DATORE DI LAVORO
IL VIAGGIO DELLA SPERANZA CONTINUA
IRAN - Mostafà Kh. giustiziato a Mashhad l'11 maggio
USA - Arizona. Clarence Dixon è stato giustiziato
INDIA: GIOVANE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA RAGAZZA CHE LO AVEVA RESPINTO
INDIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER STUPRO E OMICIDIO
GIORDANIA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER L’OMICIDIO DEL PADRE
IRAN - Sentenza della Corte d'Appello belga sul fallito attentato contro il raduno della resistenza iraniana a Parigi
4bis. NESSUNO TOCCHI CAINO, LA CONSULTA PROROGA L'ILLEGALITÀ DEL REGIME OSTATIVO, RISPETTANDO I DESIDERATA DEI PARTITI MA NEGANDO LA DIGNITÀ DEI DETENUTI
IL VIAGGIO DELLA SPERANZA CONTINUA
IRAN - L'Europa deve avere un atteggiamento più fermo con l'Iran
NIGERIA: CORTE SUPREMA LIBERA UNA DONNA CHE ERA STATA CONDANNATA A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Quattro uomini giustiziati a Shiraz l'8 maggio
IRAN - 3 Uomini e una donna giustiziati a Zahedan il 7 maggio
IRAN - Yousef Naderi e Abolfazl Hassan Moradi giustiziati a Qom il 7 maggio
'FORCA!' URLA IL REGIME, 'PERDONO' RISPONDE IL POPOLO
VIVIAMO IN UNA BARA NELL’ATTESA DI ESSERE SEPOLTI
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN CAPO TRADIZIONALE
INDIA: COMMUTATA CONDANNA A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE PER PRODUZIONE DI METANFETAMINA

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits