Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Ahmadreza Djalali
IRAN - Ahmadreza Djalali
IRAN - L'Europa deve avere un atteggiamento più fermo con l'Iran

9 maggio 2022:

La comunità internazionale, in particolare i paesi europei con relazioni diplomatiche con l'Iran, devono chiarire ai funzionari della Repubblica islamica le gravi conseguenze che deriverebbero dall'esecuzione di Ahmadreza Djalali.
Nei giorni scorsi, i media statali iraniani hanno riferito che il prigioniero iraniano-svedese nel braccio della morte, il dottor Ahmadreza Djalali, sarà giustiziato entro il 21 maggio. I rapporti affermano che l'esecuzione programmata è in reazione al processo di Hamid Noury, Sotto processo in Svezia per crimini di guerra per la sua partecipazione all'esecuzione di massa di prigionieri politici nel 1988 in Iran. Condannando la minaccia dell'esecuzione, Iran Human Rights chiede una risposta immediata e ferma da parte dei governi europei per salvare la vita di Ahmadreza Djalali.
Mahmood Amiry-Moghaddam, direttore di IHR, ha dichiarato: “In questa fase, una posizione ferma dell'Europa è l'unico modo per salvare Ahmadreza Djalali. I governi europei devono chiarire ai funzionari della Repubblica islamica che l'esecuzione di Ahmadreza Djalali sarà considerata l'esecuzione di un ostaggio che avrà gravi conseguenze". Ha aggiunto: “Come l'Isis, la Repubblica islamica pratica la politica di prendere ostaggi e minacciare l'Occidente con la loro esecuzione. La differenza è che, a differenza dell'Isis, la Repubblica islamica ha un seggio all'ONU e relazioni diplomatiche con altri paesi, compresa l'Europa. Interrompere le relazioni diplomatiche e commerciali e perseguire gli autori dell'omicidio di questo ostaggio sono azioni che i governi europei possono e dovrebbero intraprendere; questo deve essere chiarito alla Repubblica islamica prima che il crimine venga commesso”.
Un funzionario giudiziario iraniano ha lanciato la minaccia mentre il processo a Hamid Noury stava volgendo al termine a Stoccolma. Kazem Gharibabadi, segretario dell'Alto Consiglio iraniano per i diritti umani e vice capo degli Affari internazionali della magistratura iraniana, ha minacciato il 2 maggio che le condanne di individui legati alla Svezia sarebbero state eseguite. Il 4 maggio, i media statali iraniani hanno riferito che l’esecuzione di Djalali sarebbe avvenuta entro due settimane. Anche l'avvocato di Djalali è stato informato dell'imminente esecuzione del suo cliente.
La moglie di Ahmadreza, Vida Mehrannia, ha detto a Iran Human Rights: "Sabato, l'avvocato di Ahmadreza è andato al tribunale della prigione di Evin e ha parlato con funzionari, che gli hanno confermato che eseguiranno la sentenza".
L'esecuzione messa in calendario per rappresaglia al processo di Hamid Noury dimostra ancora una volta che la Repubblica islamica dell'Iran usa la pena di morte come strumento politico per raggiungere i suoi obiettivi. Iran Human Rights avverte ancora una volta del grave e imminente rischio per la vita di Ahmadreza Djalali se la comunità internazionale non prendesse provvedimenti urgenti.
La politica di prendere in ostaggio cittadini stranieri con l'obiettivo di ottenere privilegi politici o di scambiarli con prigionieri affiliati al governo iraniano, ha una lunga storia ed è stata utilizzata ininterrottamente dalla rivoluzione del 1979. Molti analisti ritengono che questa politica continuerà fintanto che i governi occidentali continueranno a scendere a compromessi, e i dirigenti iraniani continueranno a non subire gravi conseguenze sulle loro azioni.

https://iranhr.net/en/articles/5182/

(Fonte: IHR)

Altre news:
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits