Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

EX DETENUTO CHIEDE DI TORNARE IN CARCERE: ‘SONO SPAVENTATO DAL MONDO ESTERNO’

14 maggio 2022:

Detenuti non si nasce, si diventa dopo avere elaborato la separazione dal mondo, dagli affetti, dalle relazioni e inizia la costruzione, dolorosa, della nuova identità che, per non andare in frantumi, dovrà adattarsi a una diversa dimensione e convivere e sopravvivere sino al momento in cui, forse, presto o tardi, le porte si riapriranno per tornare in libertà.
Nel frattempo, prevede la legge e la Costituzione, il sistema penitenziario ha il dovere di assicurare quei percorsi tesi a restaurare il legame sociale interrotto con la commissione del reato e favorire il graduale reinserimento nella comunità attraverso un processo di autodeterminazione e responsabilizzazione che permetta al detenuto di riappropriarsi della vita.
Senonché le cronache e le statistiche ci rimandano storie di recidiva e di smarrimento. Come quella dell’ex detenuto della Casa circondariale di Gazzi, a Messina, che in piena notte ha bussato al carcere chiedendo di essere accolto perché “spaventato dal mondo esterno”. Voleva tornare in cella: solo lì avrebbe potuto soddisfare i suoi bisogni primari: mangiare, dormire, lavarsi. Fuori non aveva trovato ospitalità e tantomeno lavoro. Una storia triste certo, ma che rappresenta il fallimento della società così detta civile, totalmente impreparata a ri-accogliere i suoi cittadini. Una storia di ordinaria disperazione che coinvolge la stragrande maggioranza dei detenuti, in particolare quelli che erano già poveri ed emarginati prima di finire in carcere. Spesso abbandonati dalle famiglie, privi di occupazione e di punti di riferimento, preferiscono la carcerazione a una libertà che non offre nulla.
Quando il detenuto esce dal carcere dopo un lungo periodo di detenzione non è più capace di vivere all’esterno. Talvolta non conosce neppure il valore del denaro e non è in grado di svolgere le più elementari attività. L’uscita dal carcere è, per i più, stordimento, paura, incapacità di orientarsi all’interno di spazi troppo ampi rispetto ai quattro metri della cella.
Nella casa di reclusione di Oristano/Massama il tratto di maggiore sofferenza attiene proprio all’assenza di un percorso trattamentale sorretto da progettualità, iniziative culturali e formative e da quelle attività in grado di vincere la condizione di ozio forzato, annichilimento e solitudine in cui vengono costretti i detenuti.
La distanza ideale e fisica con la comunità, la mancanza di rapporti con le Associazioni e le istituzioni che operano nel territorio - delle quali percepiscono l’indifferenza se non il fastidio - viene percepita come frustrazione di ogni possibile prospettiva di inclusione. Eppure il coinvolgimento del territorio nell’attuazione di diritti sarebbe il modo migliore per radicarli, perché vengano assimilati anche sul piano culturale e del consenso sociale. Non assistenzialismo, ma impegno che è anche controllo in grado di accrescere e favorire la sicurezza.
L’alternativa è quella di lasciare i detenuti nella loro condizione di isolamento e rassegnazione, abbandonarli alle loro esistenze sospese, al sovraffollamento strutturale, alla promiscuità, alla mancanza di intimità, ma soprattutto alla perdita di ogni speranza di recupero. Ed è proprio l’assenza di questa prospettiva, la mancanza di un senso della vita, l’inutilità del trascorrere del tempo la causa principale della maggior numero di suicidi e di atti di autolesionismo.
Da qui l’urgenza di un’azione combinata fra comunità e struttura carceraria che consenta - in una sinergia fra Enti, Associazioni laiche e religiose, Istituzioni e singoli cittadini - di accompagnare il detenuto che ha scontato la sua pena nel cammino di recupero alla vita aiutandolo a orientarsi in una nuova realtà. Alla quale è del tutto impreparato per quel processo di infantilizzazione e regressione a cui viene sottoposto durante la vita inframuraria e che lo rende incapace di muoversi all’interno di spazi e condizioni sensoriali, lavorative, affettive oramai sconosciute.
Solo con la partecipazione attiva della collettività ai progetti di reinserimento sociale sarà possibile realizzare la pienezza dei diritti della popolazione detenuta e la limitazione del ricorso al carcere. Un importante e non più rinviabile operazione culturale a cui tutti siamo chiamati in una prospettiva di “rieducazione” della società stessa e di formazione di una coscienza civica.

* Presidente della Camera penale di Oristano

Altre news:
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits