Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IL PRESIDENTE-PADRONE L’HA CAPITO: LA FORCA NON SERVE NEPPURE AL POTERE

1 ottobre 2022:

Elisabetta Zamparutti su Il Riformista del 30 settembre 2022

Nell’immensità del continente africano la Guinea Equatoriale è un quadratino di terra. Sembra disegnata con il righello. Solo un lato è frastagliato, quello che guarda verso l’Oceano Atlantico dove ci sono delle isole, in una delle quali, Bioko, c’è la capitale Malabo. Oltre ad avere la capitale su un’isola, senza essere un arcipelago, questo Paese annovera una serie di altre singolarità. È tra i più piccoli Stati per superficie e popolazione, ma i suoi giacimenti di petrolio, diamanti, oro, uranio e manganese sono tra i più importanti al mondo. L’attuale Presidente della Repubblica, Teodoro Obiang Nguema Mbasogo, è ininterrottamente in carica da 43 anni, un record mondiale battuto solo da alcune monarchie. La parabola di un potere infinito può portare anche a esiti felici e singolari. Durante i suoi reiterati mandati, Teodoro Obiang ha usato i plotoni di esecuzione, ha compiuto gravissimi abusi dei diritti umani ma, alla fine, ha deciso di abolire la pena di morte.
Lo ha fatto lo scorso 19 settembre firmando la legge che libera il Paese dall’ultimo retaggio dell’era coloniale. Una legge che lui stesso aveva invocato dal 2019 e che è stata votata da un Parlamento in cui il suo partito ha 99 seggi su 100. Ha poi lasciato che a darne notizia sui canali della modernità fosse Teodorin Nguema Obiang Mangue, il figlio designato a succedergli, attuale vice Presidente. Nel suo tweet trionfale si legge: “Scrivo in maiuscolo per suggellare questo momento unico: LA GUINEA EQUATORIALE HA ABOLITO LA PENA DI MORTE”.
L’antica vicenda di Caino e Abele ha conosciuto una tragica attualità in tutto il continente. Si è manifestata in forma di genocidi, guerre tribali, colpi di stato e faide di palazzo. È accaduto anche in Guinea Equatoriale da quando è diventata “grande” con l’indipendenza risalente al 1968 e in una famiglia, quella degli Nguema, avvinta come l’edera alla reggenza di questo Paese.
Il Presidente Teodoro Obiang Nguema Mbasogo è al potere dal 1979, da quando, con un colpo di stato militare, rovesciò lo zio Francisco Macías Nguema, a sua volta primo Presidente della Guinea Equatoriale post-coloniale.
Francisco era figlio di un “curatore del malocchio”. La vita lo trascinò in una paranoia intrisa di violenza e crudeltà. Venne paragonato a Pol Pot e a Hitler. Coltivò un culto della personalità che lo portò ad autodefinirsi “Unico Miracolo” e a proclamarsi Presidente a vita. Vietò l’uso della parola “intellettuale”, abolì ogni riferimento a nomi stranieri in quanto espressione di imperialismo imponendo l’africanizzazione degli stessi e distrusse ogni barca per evitare che qualcuno potesse scappare dal Paese.
Poi arrivò il nipote Teodoro Obiang Nguema che lo spodestò, lo fece processare da un tribunale militare speciale che lo condannò a morte per genocidio e violazione dei diritti umani. I soldati guineani avevano però così tanta paura dei suoi poteri magici che non vollero far parte del plotone d’esecuzione e si rese necessario assoldare dei mercenari marocchini. Lo giustiziarono nella prigione di Black Beach a Malabo, quella che da Presidente aveva voluto fosse proprio il nipote Teodoro Obiang a dirigere.
Una volta divenuto Presidente, Teodoro Obiang modificò con un referendum la costituzione in modo da estendere i poteri presidenziali. Venne riconfermato nella carica alle elezioni del 1989, 1996, 2002, 2009 e 2016, grazie anche alla repressione di qualsiasi forma di opposizione politica. Durante tutto il suo mandato la Guinea Equatoriale ha continuato a praticare la pena capitale. Le ultime esecuzioni sono avvenute nel 2014 quando almeno otto uomini furono segretamente fucilati nel mese di gennaio. Ma da lì a poco, il 13 febbraio 2014, il Presidente Teodoro Obiang introdusse una moratoria della pena di morte con l’impegno a rispettarla fino all’abolizione definitiva. La moratoria era il passaggio obbligato della Guinea per entrare a far parte a pieno titolo della Comunità dei Paesi di Lingua Portoghese.
Teodoro ha deciso insomma di sintonizzarsi sulle lunghezze d’onda di una lingua, quella del Portogallo che non solo è un antesignano dell’abolizione della pena di morte ma anche dell’ergastolo, la pena fino alla morte. Una lingua che lo zio Francisco, introvertito e chiuso, non avrebbe certamente voluto sentire, leggere, parlare. E così, con la moratoria, Teodoro Obiang si è aperto al mondo. Nulla di singolare, di strano: quello della moratoria è il percorso naturale, pragmatico, democratico che quasi tutti i Paesi hanno seguito per arrivare all’abolizione.
Dopo averla conosciuta, praticata nel suo Paese e nella sua stessa famiglia, Teodoro Obiang ha compreso che la pena di morte non serve più, non serve neanche a mantenere il potere. Non serve a lui, non servirà al figlio Teodorin. Possiamo davvero dire che la pena capitale è un ferro vecchio della storia, se anche nella terra degli Obiang è giunta la fine dello Stato-Caino.

Altre news:
IL LUSSO? I DIRITTI, NON IL PETROLIO. IN KUWAIT E’ TORNATO IL BOIA
IL CAMBIAMENTO ATTRAVERSA TUTTI: LIBERI E PRIGIONIERI
BANGLADESH: IMPICCATO NEL CARCERE DI KASHIMPUR PER OMICIDIO
BANGLADESH: GIUSTIZIATO NEL CARCERE DI RAJSHAHI PER OMICIDIO
IRAN - Amanullah Rakhshani giustiziato a Sabzevar il 1° dicembre
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits