Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IL CAMBIAMENTO ATTRAVERSA TUTTI: LIBERI E PRIGIONIERI

3 dicembre 2022:

Giulia Ferranti su Il Riformista del 2 dicembre 2022

“Spes contra Spem”, questo il motto del laboratorio del Cambiamento che, da sei anni, Nessuno tocchi Caino tiene con cadenza mensile nelle sezioni di alta sicurezza degli istituti penitenziari italiani. L’iniziativa si rivolge tanto ai detenuti quanto ai partecipanti esterni, ne promuove l’incontro e il dialogo, con l’obiettivo comune di difendere il diritto alla speranza negato ai condannati all’ergastolo ostativo.
Raggiungo il carcere di Opera, è il 15 novembre e Milano non ci ha fatto dono di una delle sue giornate migliori: un primo gruppo di partecipanti si ripara dalla pioggia nella stanza adibita al controllo documenti, presto troppo affollata per contenerci tutti. Mi sembra un buon segno. Si fanno le 13, è ora di entrare. Lasciamo borse, zaini e i tanto immancabili quanto invadenti “dispositivi elettronici”, qualcuno dimentica un caricabatterie portatile in una tasca della giacca e viene fermato al metal detector: mi viene spontaneo pensare a quanto sia difficile per noi esterni liberarci del superfluo o anche solo renderci conto di cosa lo sia.
Con me ho un taccuino e una matita, «Posso portarli?» penso. Passo il controllo senza problemi e mi imbarazzo per l’ingenuità del mio stesso dubbio. Proseguiamo nel nostro tragitto, attraversiamo il lungo corridoio dell’area pedagogica con le finestre dipinte, le pitture che decorano le pareti, ci lasciamo alle spalle l’austerità grigia dell’edilizia carceraria, lo spazio si trasfigura a distanza di pochi metri grazie ai colori.
Finalmente raggiungiamo il teatro. Le prime file sono già occupate dai partecipanti interni, sono tanti e subito ci accolgono, mani calde che stringono le nostre, mani grate di ritrovare quelle note, ospitali con le nuove. Ci sediamo e prende la parola l’avvocato Maria Brucale, risponde alle domande dei partecipanti sulla decisione pilatesca dell’8 novembre della Corte Costituzionale sull’ergastolo ostativo: benché ne avesse a suo tempo accertato l’incostituzionalità, la Corte ha deciso di non decidere restituendo alla Cassazione gli atti per la valutazione del decreto.
Tiro fuori il taccuino e la matita, controllo la mina, è appuntita e mi pungo un polpastrello. Comincio a scrivere ossessivamente perché la memoria è inaffidabile, rielabora, ricostruisce e quasi mai riporta la verità delle cose.
Sale sul palco Sergio D’Elia che ci parla di cambiamento, delle sue molteplici dimensioni e della necessità di intervenire su ognuna di queste, da quella istituzionale a quella personale, affinché si concretizzi. Il laboratorio è proprio questo: un percorso di creazione e conquista del nuovo, del diverso da sé, dentro e fuori la coscienza del singolo grazie all’intreccio di storie e di vite, all’impegno condiviso per il superamento dello status quo illegale e crudele che condanna e dimentica, isola, vendica, uccide.
Lo conferma Rita Bernardini con la brutalità dei numeri: 78 suicidi in carcere al 15 novembre, giorno del laboratorio, 80 a poco più di due settimane, da gennaio 2022. Un record tragico della storia penitenziaria italiana che supera quello raggiunto nel 2009: 72 in un anno. Questi sono i nostri morti di prigione. Quanto tempo dobbiamo ancora aspettare per ristabilire la legalità di questo sistema putrescente? Quante morti può sostenere ancora la nostra coscienza? Esiste un numero? Dentro alla convenzione del segno matematico, 80, ci sono le vite interrotte di uomini e donne di cui ora, mentre scrivo, vorrei riuscire a immaginare i visi, dar loro un corpo per sottrarli all’astrazione dell’unità anonima.
Spes contra Spem significa essere speranza, dare forma nel corpo dei detenuti al diritto negato, farlo vivere di carne e ossa così come ci ha insegnato Marco Pannella, opporre l’umanità alla disumanità della sentenza a morte dell’ergastolo ostativo. Nel teatro del carcere di Opera ascolto le parole dei partecipanti interni. Mi colpisce l’intervento di Massimo, anche lui condannato al “fine pena mai”, che ci invita a riflettere sul senso di quest’espressione, come se fosse possibile che il tribunale dell’Uomo possa eternare la punizione e quindi lo stigma della colpa.
D’Elia cita Aldo Masullo (che a sua volta aveva citato Marguerite Yourcenar) definendo il tempo come “il grande scultore”: siamo la creta modellata dalle mani dei giorni, dei mesi, degli anni. Nasciamo materia informe e moriamo opera d’arte. Esistiamo nel mutamento della forma che diventa sostanza, questa è la condizione umana e definisce tanto i liberi quanto i detenuti. Il laboratorio del Cambiamento ce lo ricorda.

Altre news:
IRAN - Reza Shokripour giustiziato a Karaj il 26 gennaio
USA, CHI VUOL FERMARE IL BOIA HA UN NUOVO NEMICO: L’AZOTO
LA DEMAGOGIA DA STATO ETICO UCCIDE LO STATO DI DIRITTO
IRAN - Il regista Jafar Panahi ha iniziato uno sciopero della fame nella prigione di Evin
ARABIA SAUDITA: ESECUZIONI QUASI RADDOPPIATE SOTTO IL GOVERNO DI MOHAMMED BIN SALMAN
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 1° febbraio a Gohardasht
IRAN - Mehdi Rasi Azar giustiziato a Gohardasht il 1° febbraio
BANGLADESH: ALTA CORTE COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
USA - Texas. Wesley Ruiz, 43 anni, ispanico, è stato giustiziato il 1° febbraio
INDIA: ALTA CORTE DI CALCUTTA COMMUTA DUE CONDANNE CAPITALI
2023
gennaio
febbraio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits