Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IL LUSSO? I DIRITTI, NON IL PETROLIO. IN KUWAIT E’ TORNATO IL BOIA

3 dicembre 2022:

Sergio D’Elia su Il Riformista del 2 dicembre 2022

Da maledizioni terribili possono nascere fortune grandiose. La devastante siccità che colpì la penisola arabica nel diciottesimo secolo spinse le tribù provenienti dal Neged fino all’estremità del Golfo Persico. Esse diedero vita alla piccola città di Kuwait, che divenne nel tempo un grande centro di commerci e di pesca.
Anche lo stemma del Paese che include un veliero a boma, una specie di sambuco, testimonia la sua tradizione e fortuna marittima. La scelta delle tribù di assegnare il titolo di sceicco a un membro della famiglia Sabah diede origine alla dinastia regnante più longeva del mondo arabo. Ormai sono diventati sedici i sovrani Al Sabah che governano il Kuwait da due secoli e mezzo. Il regno degli sceicchi Al Sabah poggia oggi su un immenso pozzo di petrolio. Lo stesso simbolo della compagnia, espresso dalle due vele colorate, si ispira all’antica vocazione marinara e alle tradizionali imbarcazioni a vela del Kuwait.
L’oro nero non è un bene di lusso per l’emirato, è risorsa naturale essenziale che fa andare avanti, inquina e ricatta il mondo. Beni di lusso sono i diritti umani, e il Kuwait – e, al suo cospetto, il mondo – ne può anche fare a meno.
Sulla superficie di uno dei più grandi giacimenti di petrolio del mondo vedi le stesse facce delle stesse povere razze che trovi ai piccoli distributori di benzina lungo le strade dei paesi ricchi del mondo. Sono le facce di sauditi, pakistani, siriani, etiopi, eritrei e quelle dei “Bidoon”, i senza terra né patria, gli ultimi della società, gli ignoti anche agli uffici anagrafe del Paese. Sono anche le stesse facce e le stesse razze che popolano il braccio della morte del regno della famiglia Al Sabah.
Le esecuzioni sono rare in Kuwait anche perché la pena di morte, ammessa secondo la Sharia, è soggetta a numerosi passaggi di verifica e nullaosta, tra cui il consenso dei parenti della vittima in caso di omicidio e l’approvazione finale da parte dell’Emiro. Però, ogni cinque, sei anni accade che il boia venga richiamato in servizio e recuperi il tempo e il lavoro perduti e impicchi i condannati a morte per omicidio premeditato, traffico di droga, sequestro di persona e stupro.
Il 16 novembre, per la prima volta dopo una pausa di cinque anni, le autorità del Kuwait sono tornate a eseguire condanne a morte. Sette persone sono state giustiziate all’alba di un solo giorno. Gli appelli dell’ultimo minuto di Amnesty International, dell’Unione europea e di altre organizzazioni per i diritti umani non hanno avuto successo. Non sono stati forniti molti particolari sulla mattanza capitale. Si sa solo che le esecuzioni sono avvenute nella prigione centrale di Kuwait City. Non è stato reso noto ufficialmente neanche il metodo utilizzato anche se, in genere, lo sceiccato i suoi condannati a morte li impicca, raramente li fucila. L’agenzia di stampa statale KUNA ha identificato le vittime solo come “tre uomini kuwaitiani, una donna kuwaitiana, un uomo siriano, un uomo pakistano e una donna etiope”. Ai giustiziati non sono state riconosciute identità anagrafiche, ma solo profili criminali; sono stati connotati dai loro reati: omicidio premeditato e altre accuse. Le ultime esecuzioni, anche in quel caso di sette persone tra le quali un membro della famiglia reale, erano avvenute il 25 gennaio 2017.
Le esecuzioni del 16 novembre scorso sono coincise con la visita nel Paese del funzionario della Commissione Europea Margaritis Schinas. L’Unione Europea lo ha considerato uno sgarbo. Ha immediatamente criticato le esecuzioni e ha implorato una moratoria di fatto della pena di morte, come primo passo verso la sua abolizione formale e completa. L’Unione Europea ha definito la pena capitale “una punizione crudele e disumana”, ma difficilmente trarrà conseguenze dalla crudeltà e disumanità dell’ultima ondata di impiccagioni. Ha pianificato di convocare l’ambasciatore del Kuwait a Bruxelles, ma non ha ritirato la proposta di inserire il Kuwait nell’elenco dei Paesi senza obbligo di visto per i suoi cittadini in viaggio verso l’Europa.
Le sette esecuzioni di novembre sono “una legittima forma di retribuzione”, secondo l’istituto giuridico islamico del “qisas”, e serviranno da deterrente, hanno assicurato le autorità.
“Hanno privato le vittime del più sacro dei diritti in questo mondo, che è il diritto alla vita”, ha affermato in un comunicato la procura nazionale dello sceiccato. Il diritto alla vita dei carnefici, evidentemente, non rientra nella categoria dei diritti sacri universali.

Altre news:
IRAN - Reza Shokripour giustiziato a Karaj il 26 gennaio
USA, CHI VUOL FERMARE IL BOIA HA UN NUOVO NEMICO: L’AZOTO
LA DEMAGOGIA DA STATO ETICO UCCIDE LO STATO DI DIRITTO
IRAN - Il regista Jafar Panahi ha iniziato uno sciopero della fame nella prigione di Evin
ARABIA SAUDITA: ESECUZIONI QUASI RADDOPPIATE SOTTO IL GOVERNO DI MOHAMMED BIN SALMAN
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 1° febbraio a Gohardasht
IRAN - Mehdi Rasi Azar giustiziato a Gohardasht il 1° febbraio
BANGLADESH: ALTA CORTE COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
USA - Texas. Wesley Ruiz, 43 anni, ispanico, è stato giustiziato il 1° febbraio
INDIA: ALTA CORTE DI CALCUTTA COMMUTA DUE CONDANNE CAPITALI
2023
gennaio
febbraio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits