Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria
Ali Moezzi
Ali Moezzi

APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER LA LIBERAZIONE DI ALI MOEZZI

Ali Moezzi è un prigioniero politico e sostenitore dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (Pmoi). Moezzi è stato detenuto per lungo tempo come prigioniero politico anche nel corso degli anni Ottanta ed è padre di due membri del Pmoi. L’ultima volta fu rinchiuso nel 2011 e condannato ad un altro anno di reclusione nel dicembre 2015, nonostante la sua pena fosse stata scontata. Moezzi soffre di diverse malattie e più volte è stato messo in cella di isolamento e torturato. A Gennaio di quest’anno risultava detenuto nella sala 12 della sezione 4 del carcere di Gohardasht a Karaj, ad ovest di Teheran.

Recentemente, grazie alle informazioni fornite dal Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana siamo a conoscenza del suo trasferimento al reparto 8 della prigione di Teheran. Nonostante abbia scontato la sentenza che lo condannava a due anni di reclusione, il regime fondamentalista sta cercando, in tutti i modi, di impedire la sua liberazione. La salute di Ali Moezzi è precaria, soffre di diverse complicanze mediche: cancro alla prostata, un tumore alla vescica e vari problemi renali. L’accusa contro il prigioniero politico continua ad essere quella di “Propaganda contro il Regime”.

La delicata situazione politica in Iran è figlia anche dello scontro in atto da tempo all’interno del regime, tra l’ala che fa capo al presidente “rieletto” Rouhani e a quella ultra-conservatrice che ha come punto di riferimento e guida, non solo spirituale, l’ayatollah Khamenei. Nel sistema teocratico iraniano la quasi totalità del potere è nelle mani del “leader spirituale”, Khamenei; i presidenti della repubblica hanno il compito di mostrare all’estero un diverso volto, funzionale ai diversi momenti storici.

Dunque considerare la dialettica “moderati” - “oltranzisti” nell’ottica del miglioramento dei diritti umani o di un cambiamento del comportamento del regime teocratico è del tutto fuori luogo. Le urla di Ahmadinejad, i sorrisi di Khatami, i proclami di Rouhani sono tattici e funzionali al sistema, che rimane uguale a se stesso.

L’attuale presidente dei mullah è stato un membro dell’apparato di sicurezza (che nella repubblica islamica significa repressione). Fu proprio Hassan Rouhani, in qualità di segretario del Consiglio di sicurezza nazionale, l’artefice, nell’estate 1998, della sanguinosa repressione degli studenti universitari. Tale situazione sta generando un ulteriore accanimento nei confronti della dissidenza democratica. Difendere e tutelare Ali Moezzi significa difendere e tutelare i principi dello Stato di Diritto.

“Nessuno tocchi Caino” si unisce all’appello della Resistenza Iraniana e di numerose organizzazioni non governative, per scongiurare che nuovi capi d’imputazione chiudano Ali Moezzi ancora in carcere e perché sia immediatamente ed incondizionatamente liberato.

Link all'articolo di D. Letizia
http://www.opinione.it/esteri/2017/06/24/domenico-letizia_liberazione-ali-moezzi-prigioniero-regime-ayatollah/

Archivio azioni urgenti
IRAN. APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO AL GOVERNO ITALIANO PER I PRIGIONIERI POLITICI IN SCIOPERO DELLA FAME
LETTERA APERTA AL GOVERNO ITALIANO SUL CASO DJALALI
APPELLO PER ALEPPO E UNA NUOVA SIRIA
IRAN. FERMIAMO LA CONDANNA A MORTE DI MOHAMMAD ALI TAHERI, PRIGIONIERO DI COSCIENZA. FIRMA LA PETIZIONE
APPELLO IN FAVORE DI ANTHONY FARINA
APPELLO IN FAVORE DI MAZYAR EBRAHIMI
APPELLO PER LA VITA DI GHOLAMREZA KHOSRAVI
“COMMERCIO LETALE”. Come un Paese abolizionista collabora alla pratica della pena di morte negli Stati Uniti.
APPELLO PER COMMUTARE LA CONDANNA A MORTE DI PETER CANTU IN ERGASTOLO
APPELLO PER JAFAR PANAHI
IV CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO
APPELLO PER GRATIAN GRUIA
NESSUNO TOCCHI CAINO CHIEDE AL GOVERNATORE DELL’ILLINOIS DI GRAZIARE I CONDANNATI A MORTE
MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO
  VIRGINIA (USA): GIUSTIZIATO WILLIAM MORVA  
  MARCO PANNELLA: IL CARCERE DI OPERA DEDICA IL TEATRO AL LEADER RADICALE  
  EGITTO: CONCLUSO SEMINARIO SUL CONTENIMENTO DELLA PENA DI MORTE PER TERRORISMO  
  SALUTO DEL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA. ON. A. ORLANDO IN OCCASIONE DELLA PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO ‘SPES CONTRA SPEM’  
  PROIEZIONE DI ‘SPES CONTRA SPEM’ IN SICILIA  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits