Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VIĀ° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIƙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VIĀ° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VIĀ° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VIĀ° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e OmosessualitĆ 
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria
Henry Sireci
Henry Sireci

APPELLO URGENTE PER HENRY SIRECI DA 42 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE NEGLI STATI UNITI

Al Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella

 

Al Presidente del Consiglio Giovanni Conte  

 

Al Ministro degli Esteri Enzo Moaevero Milanesi  

 

Al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

 

Al Ministro degli Interni Matteo Salvini

 

Noi sottoscritti ci rivolgiamo a voi per chiedere la concessione della cittadinanza italiana ad un uomo, Henry Sireci, di origini italiane e cittadino americano, detenuto negli Stati Uniti, nel braccio della morte in Florida, da 42 anni, accusato di omicidio a scopo di rapina.
È un caso che Nessuno tocchi Caino segue insieme all'associazione britannica Reprieve perchè il signor Sireci ritiene che i pochi elementi di prova utilizzati all’epoca del processo, se fossero rianalizzati oggi alla luce di metodi scientifici più precisi, lo scagionerebbero.
Fa notare che comunque, anche con i vecchi metodi di analisi, la giuria popolare non votò all’unanimità, e quindi dubbi sulla sua colpevolezza sono sempre esistiti.
Oggi la legge capitale della Florida è cambiata, e non sarebbe più possibile emettere una condanna a morte senza l’unanimità della giuria. La nuova legge prevede la retroattività per le sentenze diventate definitive dopo il 2002, e quella di Sireci non rientra in questo termine. Gli avvocati, e moltissimi osservatori, ritengono che nei prossimi anni, dopo una serie di ricorsi che inevitabilmente giungeranno fino alla Corte Suprema USA, questo discrimine verrà dichiarato incostituzionale.
Ma nel frattempo, Sireci potrebbe essere giustiziato.
Negli ultimi ricorsi i difensori di Sireci hanno chiesto il riesame delle prove scientifiche che però non riescono ad ottenere perché sono ampiamente scaduti i termini per una richiesta del genere.
Nella votazione in cui veniva cassata la richiesta di derogare ai termini, uno dei membri della Corte Suprema degli Stati Uniti, il giudice Steven Brayer ha ritenuto che fosse quasi superfluo entrare nel merito concreto della vicenda, e che dovesse invece prevalere il semplice fatto che non si può tenere un essere umano tanto a lungo sotto la minaccia di una imminente esecuzione. Che oltre 40 anni nel braccio della morte equivalgono a “punizione inumana”, e in quanto tale darebbero diritto al condannato a ricevere un gesto di clemenza.
I difensori di Sireci ritengono che se il loro assistito ottenesse il riconoscimento della cittadinanza italiana, questo darebbe loro più tempo e più opportunità per insistere e ottenere un riesame delle prove scientifiche oltre che a fermare l'esecuzione.
In un caso analogo, quello di Anthony Farina, la collaborazione tra Nessuno tocchi Caino e Reprieve, con il Governo italiano, è riuscita a salvare un uomo di origini italiane dal patibolo, grazie al riconoscimento della cittadinanza italiana.
La nonna paterna di Sireci, Vincenza Motta, è nata a Caccamo, in Sicilia, nel 1886. Il nonno paterno, Domenico Sireci, è nato anche lui a Caccamo nel 1874. Gli avvocati di Henry hanno ottenuto i certificati di nascita di entrambi, e dai documenti si evince che Domenico Sireci (il nonno) è diventato cittadino statunitense solo dopo la nascita del padre di Henry, stabilendo quindi una linea continua di cittadinanza italiana.
Il comune siciliano di Caccamo nella persona del suo sindaco Nicasio Di Cola ha detto che Henry Sireci è un concittadino al quale va dato ascolto ed è impegnato a sostenere la richiesta di cittadinanza.
A voi, che rappresentate oggi lo Stato italiano, riconosciuto nel mondo come il campione della battaglia per la proclamazione, da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, della moratoria universale delle esecuzioni capitali, chiediamo di attivare tutti gli strumenti, a partire dalla concessione della cittadinanza italiana, per salvare la vita di Henry Sireci.

Archivio azioni urgenti
APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH
IRAN. APPELLO PER IRAEE
Appello Urgente per il dott. Ahmad Reza Djalali
Informazioni sulla situazione degli studenti arrestati durante le proteste in Iran
LETTERA APERTA AL GOVERNO ITALIANO SUL CASO DJALALI
APPELLO PER ALEPPO E UNA NUOVA SIRIA
IRAN. FERMIAMO LA CONDANNA A MORTE DI MOHAMMAD ALI TAHERI, PRIGIONIERO DI COSCIENZA. FIRMA LA PETIZIONE
ā€œCOMMERCIO LETALEā€. Come un Paese abolizionista collabora alla pratica della pena di morte negli Stati Uniti.
APPELLO PER COMMUTARE LA CONDANNA A MORTE DI PETER CANTU IN ERGASTOLO
APPELLO PER JAFAR PANAHI
IV CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO
APPELLO PER GRATIAN GRUIA
NESSUNO TOCCHI CAINO CHIEDE AL GOVERNATORE DELLā€™ILLINOIS DI GRAZIARE I CONDANNATI A MORTE
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALLā€™EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ā€˜NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVIā€™  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits