esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

BIELORUSSIA

 
governo: presidenziale
stato dei diritti civili e politici: Non libero
costituzione: 24 novembre 1996
sistema giuridico: basato sul diritto civile
sistema legislativo: bicamerale, Consiglio della Repubblica (Soviet Respubliki) e Camera dei Rappresentanti (Palata Pretsaviteley)
sistema giudiziario: Corte Suprema (giudici nominati dal Capo dello Stato); Corte Costituzionale (giudici nominati metà dal Capo dello Stato metà dalla Camera dei Rappresentanti)
religione: ortodossa; cattolica
braccio della morte: 104 (al 19 novembre 2004)
Data ultima esecuzioni: 0-0-0
condanne a morte: 9
Esecuzioni: 3
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Primo Protocollo Opzionale al Patto

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti


situazione:
Nell’articolo 24 della Costituzione si legge che "la pena di morte può essere applicata come misura eccezionale di punizione solo in caso di gravi crimini nel rispetto della legge e secondo una sentenza di tribunale fino a che non sarà abolita ". La pena capitale è prevista per 14 reati: atti di aggressione; omicidio di un rappresentante dello stato o di un’organizzazione internazionale al fine di provocare una tensione internazionale o una guerra; terrorismo internazionale; genocidio; crimini contro l’umanità; omicidio con circostanze aggravanti; terrorismo; atti terroristici; tradimento che provoca perdita di vite umane; cospirazione; sabotaggio; omicidio di un agente di polizia; uso di armi di distruzione di massa e violazione delle leggi e dei codici di comportamento in guerra. La pena di morte non è applicabile a chi aveva meno di 18 anni al tempo del reato, alle donne incinte e alle persone sopra i 65 anni al tempo della condanna. Le esecuzioni avvengono tramite fucilazione. La Costituzione dà al Presidente il potere di concedere la grazia. Secondo il Codice Penale, la pena di morte può essere sostituita dall’ergastolo con un atto di clemenza. Una Commissione per la Grazia prepara dei casi da sottoporre al Presidente che decide poi se concedere o meno la grazia. In un referendum del 1996, non riconosciuto dalla comunità internazionale a causa di gravi irregolarità, la maggioranza dei votanti si è espressa a favore della pena capitale. Il Presidente Alexander Lukashenko è stato aspramente criticato in occidente per il suo ruolo autoritario. Nel gennaio del 1997 l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha sospeso la Bielorussia dallo stato di osservatore speciale, anche a motivo della sua posizione sulla pena di morte. Nonostante le norme della Costituzione del ’94 stabiliscano elezioni quinquennali, il Presidente Lukashenko ha esteso il suo mandato fino al 2001 con il referendum del 1996. Le elezioni del 9 settembre 2001 lo hanno riconfermato in carica. Le informazioni sulla pena di morte sono considerate segreto di stato: ai familiari dei condannati non vengono comunicati la data e il luogo dell’esecuzione nemmeno dopo che il loro parente è stato giustiziato; il corpo non viene restituito alla famiglia né viene reso noto il luogo della sepoltura. Il 30 maggio 2002, la Camera dei Deputati ha svolto delle audizioni sulla pena di morte. La maggioranza dei parlamentari si era opposta all’abolizione della pena di morte o all’introduzione di una moratoria. L’11 marzo 2004, la Corte Costituzionale ha tratto le sue conclusioni sulla compatibilità della pena di morte prevista dal codice penale con la Costituzione, secondo quanto richiesto dalla Camera dei Deputati. La Corte ha riscontrato una serie di incongruenze con la Costituzione e ha così stabilito la possibilità anche dell’abolizione o dell’introduzione di una moratoria come primo passo verso l’abolizione definitiva. La Corte ha ribadito che una simile misura può essere introdotta dal Capo dello Stato e dall’Assemblea Nazionale (Parlamento). Il 24 giugno 2005, il presidente della Bielorussia ha presentato un progetto di legge al parlamento che, tra l’altro, aggiunge al codice penale un riferimento al carattere temporaneo della pena di morte, la quale, finchè non sarà abolita, potrà essere applicata come misura eccezionale in caso di omicidio premeditato e aggravato.
A febbraio del 2006, il Presidente della Corte Suprema, Sukalo, (secondo quanto riportato dall’International Helsinki Federation for Human Rights ad ottobre 2006) ha dichiarato che nel 2005 ci sono state quattro esecuzioni e due condanne a morte; ma l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (Osce) nel suo rapporto ‘The Death Penalty in the OSCE Area’ del 2006, dà invece notizia di sette condanne a morte. Il rapporto rende noti i nomi e le date delle condanne senza specificare i reati.   Per quanto riguarda gli anni precedenti, il 19 novembre 2004, il Ministro dell'Interno della Bielorussia Uladzimir Navumaw, ha comunicato che nel 2004 “sono state condannate a morte e giustiziate cinque persone.” “La pena di morte viene utilizzata in casi eccezionali,” ha affermato il ministro, il quale ha aggiunto che “la Bielorussia come molti altri Paesi ha un'alternativa alla pena di morte, il carcere a vita,” ma “delle 104 persone detenute al momento nel braccio della morte, un terzo preferisce la pena di morte.” Secondo l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, almeno una persona è stata giustiziata nel 2003 e 5 nel 2002. Sette persone erano state giustiziate nel 2001 e 10 nel 2000. Secondo il Procuratore Generale Oleg Bozhelko, nel 1999 erano state eseguite 14 condanne a morte, mentre l’OSCE aveva riportato 40 esecuzioni nel 1998.

 

notizie


 

Estradizione

 
 
 

Pena di morte per reati violenti

 
 
 

NOTIZIE

 
 
 

 

Europa