Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VIĀ° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIƙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VIĀ° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VIĀ° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VIĀ° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e OmosessualitĆ 
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Lo ā€œsvuotamentoā€ delle carceri

Il 20 ottobre 2002, il governo iracheno ha annunciato un´ampia amnistia "per ringraziare il popolo iracheno" che aveva rieletto Presidente Saddam Hussein col 100% dei voti nel referendum di cinque giorni prima. La televisione ha mostrato decine di uomini che lasciavano la prigione festanti e "pronti a difendere l´Iraq e il grande leader". Ma associazioni irachene a difesa dei diritti umani hanno denunciato questa amnistia come una farsa. Numerose voci si sono levate, ad esempio, per chiedere conto a Saddam della sorte di migliaia di Kurdi fayli, dai 7 ai 10.000, inghiottiti dalle prigioni del regime e il Kuwait ha accusato l´Iraq di non dare notizie su pił di 600 kuwaitiani e cittadini di altri paesi scomparsi durante la Guerra del Golfo del 1991. In alternativa alle amnistie, il regime iracheno ha spesso messo in atto "campagne di pulizia delle prigioni" che consistono nello svuotamento di quelle sovraffollate tramite l´esecuzione di centinaia di detenuti alla volta. La prima "campagna di pulizia" č avvenuta nel 1984: circa 4000 persone sono state giustiziate nella prigione di Abu Ghraib. Due giorni alla settimana, il mercoledģ e la domenica, sono dedicati a queste operazioni che hanno continuato a svolgersi negli anni ´90 sotto la supervisione del secondogenito di Saddam, Qsay Hussein. 3000 persone sono state eliminate nella prigione di Mahjar tra il 1993 e il 1998 e circa 2500 nella prigione di Abu Ghraib tra il 1997 e il 1999. Ra´id Qadir Agha, un membro dell´Unione Patriottica del Kurdistan, ha rivelato che il giorno dopo l´attentato al primogenito di Saddam, Uday, avvenuto nel dicembre 1996, circa 2000 detenuti sono stati giustiziati in una sola notte in una prigione di Baghdad dove era detenuto. Per l´occasione fu portata in carcere una ghigliottina in grado di decapitare dodici persone alla volta. Secondo un ex capitano della polizia segreta irachena, Khaled Sajed Al-Janabi, fuggito in Giordania nel giugno del ´99, circa 2000 persone sono state giustiziate in un solo giorno, il 21 marzo 1998, nella prigione di Abu Ghraib. L´esecuzione ha avuto inizio alle 6 del mattino. I prigionieri sono stati condotti in gruppi alla fucilazione in diversi ambienti interni. Altri detenuti sono stati portati in una speciale "stanza di impiccagione". Nell´eliminazione selvaggia di detenuti nelle prigioni del regime, nel novembre 2001 ve ne č stata una di 15 tramite gas letale alla quale Qusay Saddam Hussein ha supervisionato. L´esecuzione č stata effettuata riunendo i detenuti in una camera e aprendo i rubinetti del gas letale. Almeno 128 detenuti sono stati giustiziati a pił riprese ad Abu Ghraib nel 2001. Esecuzioni in massa di detenuti si sono verificate anche nel 2002. Nell´atto d´accusa pronunciato il 7 febbraio 2003 davanti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro Saddam Hussein e la presenza in Iraq di armi di distruzione di massa, il Segretario di Stato americano Colin Powell ha richiamato il fatto che scienziati di Saddam avevano testato armi chimiche e batteriologiche direttamente sui detenuti, 1600 dei quali nel 1995 erano stati trasferiti dal braccio della morte in una speciale unitą di sperimentazione.

indietro
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALLā€™EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ā€˜NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVIā€™  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits