Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI¬į CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PI√ô IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI¬į Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI¬į Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI¬į Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Lettera ai dissidenti sovietici Vladimir Bukovskij, Vladimir Maksimov e Leonid Pljusc, partecipanti al convegno ‚ÄúDiritti umani e dissenso nell'era di Gorbaciov‚ÄĚ tenutosi a Roma il 10 e 11 aprile 1987

¬† (Di Maurice Bignami e Sergio D‚ÄôElia)¬†¬†  


Roma, Rebibbia aprile 1987 ¬† ¬† ¬† ¬†  

Vi scriviamo liberamente dal carcere. Vi scriviamo per esprimere un desiderio di conoscenza e per dare corpo ad un impegno.
Siamo detenuti, ma certo non è per questo che intendiamo forzare un parallelismo tra la nostra condizione attuale e la vostra passata per arrivare a un incontro. Peraltro ci appare assai triste e di cattivo gusto organizzare riunioni tra detenuti ed ex! Né ci viene in mente di paragonare la nostra e la vostra galera.
Questa lettera se non altro può partire, può veicolare un invito, può fissare un appuntamento in cui poi magari discutere di nulla. Per voi invece, in carcere, non era proprio il caso... di aprire una fitta corrispondenza con il Kgb.
Siamo ex terroristi, ma non ci sogniamo neanche di provocare un'analogia tra la nostra violenza e la vostra dissidenza. Eppure oggi ci piace considerarci come voi, approdati alla libertà, esuli dal terrore e dal comunismo.
Voi l'avete capito per primi, e ve ne siete andati. Noi l'abbiamo capito pi√Ļ tardi, ma scappare dal comunismo non √© mai troppo tardi.
Per voi fin dall'inizio il sogno è stato la libertà e la democrazia. Noi, per sognare, siamo passati attraverso l'abiura, atto coraggioso e nobile quanto altri mai, almeno nel campo di vita degli egualitarismi.
Siamo radicali, ed è forse questo che ci permette di provare oggi un'affinità con voi.
Per strade diverse, voi da Est e noi da Ovest, siamo finalmente arrivati alla democrazia. Non sappiamo se allora vi è parsa una democrazia da amare e odiare nell'indifferenza, da tollerare perché non vi è di meglio, da vivere senza passione.
A noi, privati della libertà e dei diritti politici, il gesto simbolico del dono di una tessera e l'accoglimento dentro la vita di un partito hanno permesso di scoprire il gioco non indifferente delle qualità, l'unico gioco che appassiona veramente in politica come in amore, l'unico per cui tutto sommato valga la pena di rispettare le regole e impegnarsi alla tolleranza.
Ognuno di noi, con la sua testimonianza, con la sua speranza, ha partecipato alla Convention democratica promossa dal Congresso radicale, e lì ha sperimentato una grande affinità ricca di varia e contrastante umanità, comunque formata di non indifferenza e animata di compassione.
In quell'occasione, noi abbiamo ripreso un grido di allarme, quindi abbiamo espresso una promessa: "L'anno prossimo a Gerusalemme'".
Per noi non è solo un augurio rituale, non è solo un saluto, ma un impegno su cui intendiamo giocarci la nostra libertà. Una solidarietà profonda e spregiudicata ci accomuna ai prigionieri di Sion congelati in Unione Sovietica.
Una solidarietà fraterna ci spinge ad agire per chi non può.
Potervi incontrare è dar vita all'impegno, è già esercitare la promessa.
Una promessa che ci obbliga: diritto all'informazione e alla comunicazione, al migrare degli uomini e delle idee.
Alla necessità, così cara ai comunisti, di dover cambiare la natura umana non si può rispondere con la pretesa degli occidentali di voler per forza e ingenuamente rimodellare l'altra faccia dell'Europa.
E' pi√Ļ facile pensare che esistano in giro per l'Europa uomini non dimezzati dalle ideologie, dai nazionalismi e dai razzismi, bens√¨ uomini completi che vogliano incontrarsi con altri uomini, con le loro diversit√† e con le loro affinit√†, vale a dire con tutta la loro umanit√†.
Si tratta di immaginare uno spazio giuridico autentico dell'Europa - di quella dell'Est come di quella dell'Ovest - dove l'informazione circoli liberamente, veicoli conoscenza sui gradi reali di pericolo, permetta un'opinione sulla vasta gamma di opzioni possibili.
Uno spazio in cui sia riconosciuto il diritto alla scelta: cambiare il sistema in cui si vive, se si vuole e se è possibile; in ogni caso, poter partire.
Incontriamoci, quando venite a Roma.
Se mai è possibile, vi offriamo la nostra ospitalità. Noi, al posto vostro non ci sogneremmo neanche di venire in galera... ma poi, questa, è una galera?

indietro
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL‚ÄôEVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‚ÄėNASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI‚Äô  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits