Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI¬į CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PI√ô IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI¬į Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI¬į Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI¬į Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Stralci dal documento ‚ÄúIl muro‚ÄĚ, redatto nel giugno 1983 durante il processo di Torino a Prima Linea


‚ÄúForse si comincia a non riconoscersi solo tra simili‚ÄĚ.
 
‚Äú... portando tutta la consapevolezza della sconfitta (...) ma anche la chiarezza di idee a proposito di quanto questa esperienza [lotta armata] fosse debitrice alla tradizione ed alla prassi viva della sinistra intera‚ÄĚ.
 
‚Äú... abbiamo deciso di affrontare il mare aperto, anche se le carte erano quelle di un mondo passato‚ÄĚ.
 
‚ÄúDissociazione ed irriducibilismo (...) muovono dalle tesi di una sconfitta epocale del movimento di rivoluzione e di trasformazione positiva della societ√†. (...) Noi invece vogliamo partire dalla constatazione della sconfitta delle forme assestate, politiche e politico-militari‚ÄĚ.
 
‚ÄúPer noi questi anni trascorsi non vanno n√© rigettati col disprezzo e l'orrore di facciata dei dissociati, anche se abbiamo davanti tutti i nostri errori e peggio, n√© incensati e giustificati con la logica di tradizione staliniana di riscrittura accomodata della storia. Per noi all'opposto √® centrale il nodo della memoria, strumento prioritario di ogni opzione critica‚ÄĚ.
 
‚ÄúTragica [√®] l'endemizzazione ormai raggiunta dai frantumi di lotta armata, grottesca la stupidit√† dell'individuazione del nuovo 'cuore' del progetto imperialista. (...) Noi quindi riteniamo oggi delegittimata socialmente la pratica di LOTTA ARMATA per il comunismo in Italia. (...) Non si tratta di un giudizio storico ma pertinentemente politico, immediato, efficace‚ÄĚ.
 
‚ÄúLa posta in gioco √® la ripresa adeguata di un processo rivoluzionario finalmente sgravato da ogni tesi totalizzante che dapauperi l'enorme ricchezza e complessit√† delle pratiche antagoniste‚ÄĚ.
 
‚ÄúOltre alla lotta armata per il comunismo √® andato in saturazione un altro pilastro: (...) LA GRANDE LOTTA ECONOMICA. [Un] travaglio profondo ha portato a consunzione lo Stato Sociale (o Assistenziale) e la pratica di mediazione conflittuale nel campo economico. [E‚Äô in atto] la crisi prima latente e ora esplosiva del contrattualismo‚ÄĚ.
 
‚ÄúIl problema della pace e della guerra, il problema ecologico (...) hanno un impatto drammatico sulla vita degli uomini prima per la loro carica politica e solo dopo come determinazioni economico-strutturali. Non si tratta pi√Ļ di ragionare sul grado di politicit√† delle lotte economiche ma, al massimo, sul grado di contaminazione economica di lotte politiche settoriali‚ÄĚ.
 
‚ÄúDa qui, ancora e ancora, il nostro rifiuto a frammischiare la nostra lotta di liberazione con questa guerra per bande [ha appena accennato alla situazione italiana dei primi 80, uccisioni Calvi, Pecorelli, P2..., NdR]. Tutti i riferimenti e le categorie della sinistra cominciano a essere obsoleti, in primo luogo il riferimento alla giustizia economica‚ÄĚ.
 
‚ÄúSi tratta proprio di rovesciare tutto il sistema di pensiero e operativo basato sulla giustizia come valore affermativo, si tratta di capire il desiderio profondo di libert√†, delle libert√† personali e collettive che percorre il corpo della societ√†‚ÄĚ.
 
‚ÄúTutti hanno giocato pesante su di noi, caricandoci addosso le responsabilit√† della precipitazione degli scenari‚ÄĚ.
 
‚ÄúSe la lotta armata negli ultimi anni non √® stato strumento utile alle lotte di massa, ancora pi√Ļ grave √® la responsabilit√† di chi ha rimosso l'orizzonte del conflitto di classe per sostituirlo con la disarmante pratica del patteggio istituzionale, qualificandosi come gendarmeria nei confronti di qualsiasi lotta e comportamento non compatibile con i precari equilibri perseguiti dal compromesso storico‚ÄĚ.
 
‚ÄúL'emergenza non √® una semplice escrescenza repressiva (...). essa si configura come strategia complessa che vorrebbe dare vita ad un sistema sociale fortemente corporato ed informatizzato‚ÄĚ.
 
‚ÄúL'emergenza √® un ostacolo formidabile per la possibilit√† di ripresa ampia dei movimenti di lotta, (...) chiude ogni spazio di iniziativa, lavora a quell'essenza di lotta che sembra pace e invece √® soltanto deserto di vita e di idee‚ÄĚ.
 
‚ÄúLa fine dell'emergenza [√®] preliminare alla ripresa di qualsiasi progetto di trasformazione di questo paese‚ÄĚ.
 
‚ÄúI movimenti [dei primi anni 80, NdR] cercano di affermarsi per nuovi spazi di vita, affermarsi come possibilit√† generale, non semplicemente economica‚ÄĚ
 
‚ÄúVive oggi una sostanziale ambivalenza dei movimenti che (...) compiono incursioni, attraversamenti, intrecci con l'assetto istituzionale della societ√†, portando anche al suo interno critica radicale, interagendo con esso per reimporre modificazioni o 'estorcere vittorie'. (...) √ą il caso delle grandi opzioni popolari in tema di libert√† sociali e di destini umani, aborto, divorzio, centrali nucleari, ecc.‚ÄĚ.

indietro
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL‚ÄôEVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‚ÄėNASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI‚Äô  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits