Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Mozione Camera dei Deputati

Mozione 1-00016 presentata da Sergio D'Elia, giovedì 27 luglio 2006 nella seduta n.033

La Camera,
premesso che:
l'Italia ha abolito la pena di morte per crimini ordinari con la Costituzione del 1948 e, con l'approvazione della legge n. 589 del 1994, l'ha cancellata anche nei casi previsti dalle leggi militari di guerra;
con l'abolizione dai codici militari, l'Italia ha iniziato un percorso che l'ha portata a essere il Paese che più ha preso posizione a livello internazionale contro la pena di morte e che più è intervenuto nei confronti di Paesi mantenitori per fermare esecuzioni capitali;
nel 1994, su iniziativa del Governo Berlusconi, per la prima volta l'Assemblea generale dell'Onu ha discusso e votato su una proposta di risoluzione per la moratoria universale delle esecuzioni capitali, che fu battuta per soli otto voti;
nel 1997, su iniziativa del Governo Prodi, la Commissione dell'Onu per i diritti umani ha approvato a maggioranza assoluta una risoluzione che considera l'abolizione della pena di morte «un rafforzamento della dignità umana e un progresso dei diritti umani fondamentali» e, per questo, chiede «una moratoria delle esecuzioni capitali, in vista della completa abolizione della pena di morte»;
da allora, ogni anno, la risoluzione è stata regolarmente approvata dalla Commissione di Ginevra e, grazie anche a questo, la situazione della pena di morte nel mondo è oggi radicalmente cambiata, tanto è che i Paesi membri dell'Onu mantenitori della pena capitale, che nel 1994 erano 97, si sono ridotti oggi a 52, 45 in meno;
la moratoria si è rivelata essere una via ragionevolmente pragmatica ed efficace contro la pena di morte, che ha consentito a molti Paesi mantenitori di guadagnare il tempo necessario per cambiare le legislazioni interne nel senso dell'abolizione completa, come è accaduto in quasi tutti i Paesi dell'Est europeo e in Sudafrica;
le abolizioni e le moratorie legali e di fatto intervenute in questi anni hanno potuto salvare dal patibolo migliaia di persone, sebbene oltre cinquemila condannati a morte continuino a essere giustiziati ogni anno in varie parti del mondo, la quasi totalità dei quali in regimi illiberali come la Cina, l'Iran e l'Arabia Saudita, che sono stati i primi tre Paesi nella classifica mondiale delle esecuzioni registrate nel 2005;
dal 1997 a oggi, dei 192 Paesi membri dell'Onu 93 hanno già cosponsorizzato una risoluzione per la moratoria in sede Onu, altri 8 Stati, che non hanno mai cosponsorizzato la risoluzione, hanno comunque sempre votato a favore, mentre altri Stati, che hanno nel frattempo abolito la pena di morte, come, ad esempio, Figi, Tuvalu, Senegal, Tagikistan e Liberia, potrebbero cosponsorizzarla o votare a favore;
una decisione a favore della moratoria da parte dell'Assemblea generale dell'Onu, l'organismo maggiormente rappresentativo della comunità internazionale, seppure presa a maggioranza, avrebbe un valore politico e d'indirizzo straordinario e l'indiscutibile effetto di consolidare l'opinione mondiale della necessità di mettere al bando le esecuzioni capitali, così contribuendo allo sviluppo dell'intero sistema dei diritti umani;
gli statuti dei tribunali penali internazionali istituiti dall'Onu per giudicare i crimini di guerra e contro l'umanità escludono il ricorso alla pena di morte;
il 23 maggio 2006, in sede di replica al dibattito sulla fiducia alla Camera dei deputati, il Presidente del Consiglio dei ministri Romano Prodi ha affermato di ritenere «opportuno riprendere l'iniziativa italiana riguardo la moratoria della pena di morte, che è uno dei punti fermi della nostra cultura e della nostra civiltà»;
un impegno in tal senso era stato espresso il 2 luglio 2003 al Parlamento europeo anche dall'allora Presidente del Consiglio dei ministri Silvio Berlusconi;
è ormai maturo il tempo per portare a compimento l'iniziativa italiana per la moratoria Onu delle esecuzioni, promossa dodici anni fa da «Nessuno tocchi Caino» e sulla quale vi è stata in questi anni una convergenza straordinaria in Parlamento, sia della maggioranza che dell'opposizione; impegna il Governo: a presentare alla prossima Assemblea generale delle Nazioni Unite, in consultazione con i partner dell'Unione europea, una proposta di risoluzione per la moratoria universale delle esecuzioni capitali in vista dell'abolizione completa della pena di morte;
ad operare in modo tale da assicurare alla risoluzione Onu la copromozione di Paesi Stati membri dell'Unione europea e il sostegno di Paesi rappresentativi di tutti i continenti, mettendo in atto sin da subito iniziative a livello bilaterale nei confronti dei Paesi che in Assemblea generale potrebbero decidere di cosponsorizzare, votare a favore o, in certi casi, almeno astenersi sulla risoluzione per la moratoria.

«D'Elia, Villetti, Bonelli, Donadi, Migliore, Maroni, Turci, Bandoli, Beltrandi, Bressa, Buemi, Buglio, Capezzone, Cioffi, Costa, Crema, Dato, Del Bue, Di Gioia, D'Antona, Fitto, Forlani, Francescato, Giachetti, Allam, Lazzari, Lo Monte, Mancini, Reina, Mellano, Oliva, Leoluca Orlando, Pecorella, Mario Pepe, Angelo Piazza, Pisicchio, Poretti, Raisi, Rao, Ronchi, Santelli, Schietroma, Sereni, Turco, Venier, Zacchera, Piscitello, Boato, Balducci, De Zulueta, Fundarò, Lion, Pellegrino, Trepiccione, Zanella, Buffo, Barani, Nardi, Nicchi, Cassola, Poletti, Ruggeri».  

indietro
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
  DIRITTI UMANI: MANIFESTAZIONE PARTITO RADICALE DAVANTI AMBASCIATA IRANIANA 14 FEBBRAIO ORE 15  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits