Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2015)
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Sintesi del Rapporto 2015 di Nessuno tocchi Caino
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
DISCORSO di Papa Francesco
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne
DOSSIER IRAN

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla Moratoria Universale delle esecuzioni capitali

Sessantaduesima sessione

Promozione e protezione dei diritti umani
Risoluzione 62/149
Approvata a New York il 18 dicembre 2007 con 104 voti a favore, 54 contrari e 29 astenuti
 
Moratoria sull’uso della pena di morte
 
L’Assemblea Generale,
 
     In conformità con gli scopi e i principi contenuti nella Carta delle Nazioni Unite;
     Richiamando la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici e la Convenzione sui Diritti del Fanciullo;
     Richiamando anche le risoluzioni sulla questione della pena di morte adottate nell’ultimo decennio dalla Commissione per i Diritti Umani in tutte le sue sessioni, l'ultima essendo la risoluzione 2005/59, con cui la Commissione ha invitato gli Stati che ancora mantengono la pena di morte ad abolirla completamente e, nel frattempo, a stabilire una moratoria delle esecuzioni;
     Richiamando inoltre gli importanti risultati conseguiti dall’ex Commissione per i Diritti Umani sulla questione della pena di morte, e prevedendo che il Consiglio Diritti Umani possa continuare a lavorare su questo tema;
     Considerando che l’uso della pena di morte mina la dignità umana, nella convinzione che una moratoria sull’uso della pena di morte contribuisca a migliorare e sviluppare progressivamente i diritti umani, che non esiste alcuna prova decisiva che dimostri il valore deterrente della pena di morte e che eventuali errori od omissioni giudiziari nell’applicazione della pena di morte siano irreversibili e irreparabili;
     Accogliendo con favore le decisioni prese da un numero crescente di paesi di applicare una moratoria delle esecuzioni, a cui ha fatto seguito in molti casi l’abolizione della pena di morte;
 
1. Esprime la sua profonda preoccupazione per il continuo uso della pena di morte;
 
2. Invita tutti gli Stati che ancora hanno la pena di morte a:
     (a) rispettare gli standard internazionali che prevedono salvaguardie che consentono la protezione dei diritti di chi rischia la pena di morte, in particolare gli standard minimi, come stabiliti nell’allegato alla risoluzione 1984/50 del 25 maggio 1984 del Consiglio Economico e Sociale;
     (b) fornire al Segretario Generale ogni informazione relativa all’uso della pena capitale e al rispetto delle salvaguardie poste a tutela dei diritti degli imputati in processi capitali;
     (c) limitare progressivamente l’uso della pena di morte e ridurre il numero dei reati per i quali può essere comminata;
     (d) stabilire una moratoria delle esecuzioni nella prospettiva dell’abolizione della pena di morte;
 
3 Invita gli Stati che hanno abolito la pena di morte a non re-introdurla;
 
4 Chiede al Segretario Generale di riferire all’Assemblea Generale nella sua sessantatreesima sessione sull’applicazione di questa risoluzione;
 
5 Decide di continuare la discussione sulla questione alla sessantatreesima sessione sotto lo stesso punto all’ordine del giorno.

indietro
DAL 1 AL 3 SETTEMBRE IL 40° CONGRESSO DEL PARTITO RADICALE NEL LUOGO SIMBOLO DELLE LOTTE PANNELLIANE: REBIBBIA
  IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, ITALIA NON ESTRADI IL BLOGGER KHOSRAVI  
  VIETNAM: NOVE CONDANNATI A MORTE E DUE ALL’ERGASTOLO PER TRAFFICO DI EROINA  
  COREA DEL NORD: KIM JONG-UN RAFFORZA IL SUO REGNO DI TERRORE  
  BANGLADESH: EX PARLAMENTARE CONDANNATO A MORTE PER CRIMINI DI GUERRA  
  IRAN: CINQUE IMPICCATI NEL CARCERE DI ORUMIEH  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits