Prefazione al Rapporto 2003 di Nessuno tocchi Caino

07 Luglio 2003 :

Cinque anni fa, quando facevo la campagna elettorale per diventare Governatore dell´Illinois, non avrei mai pensato di dovere fare i conti un giorno con l´ingiustizia del nostro sistema della pena capitale. Di sicuro, non immaginavo mai che avrei espresso le mie opinioni su una moratoria per fermare le esecuzioni nel mondo nel rapporto annuale di una organizzazione in difesa dei diritti umani come Nessuno tocchi Caino.
Ma non si sa mai cosa la vita ed il Buon Dio abbiano in serbo per te.
Nel gennaio del 1999, ebbi davvero la buona sorte di prestare giuramento per la carica di Governatore dell´Illinois.
Nel giro di poche settimane ho dovuto fare i conti con il peggiore degli incubi, il caso di un uomo innocente sul punto di essere ucciso per un crimine che non aveva commesso.
Dovevo giungere alla carica pi alta dello stato dell´Illinois per capire che se sei povero e appartieni a una minoranza, come Anthony Porter, il sistema schierato contro di te.
Ho rimesso in discussione tutte le mie convinzioni sul nostro sistema giudiziario penale. Avevo sempre pensato che prendessimo i cattivi ragazzi e li mettessimo dentro. Credevo che l´innocente mandato nel braccio della morte fosse solo un´invenzione di Hollywood.
Poi, nel febbraio del 1999, alcuni studenti di giornalismo che collaboravano con un detective privato hanno ridato la libert ad un uomo. Se non fosse stato per loro, Anthony Porter oggi potrebbe essere morto. Meno di 48 ore lo separavano dall´esecuzione. Aveva gi ordinato il suo ultimo pasto e gli erano state prese le misure per il vestito con cui essere sepolto.
Mi aveva fatto davvero impressione.
Ma nonostante le richieste, mi ero opposto ad una moratoria.
Poco dopo la liberazione di Porter, arriv sulla mia scrivania il mio primo caso capitale. Andrew Korkorales era stato condannato per un crimine mostruoso, indescrivibile. Con la sua banda aveva sequestrato delle ragazze per strada, le aveva torturate, mutilate, stuprate. Poi le aveva uccise.
Dopo aver visto come il sistema aveva fallito nel caso di Porter, volevo essere sicuro di prendere la decisione giusta.
Il caso di Korkorales sembrava uno di quelli per cui stata pensata la pena di morte.
E se fosse innocente, mi chiedevo.
Cos ho esaminato i documenti della commissione di revisione sui detenuti e ho concluso che avevo bisogno di altre informazioni. Ho chiesto altri documenti relativi al suo caso. Ho parlato con gli avvocati della difesa. Ho parlato con i pubblici ministeri. Ho parlato con gli investigatori del caso e ho incontrato i rappresentanti eletti della comunit in cui una delle sue giovani vittime era cresciuta. Mi hanno detto che in nome della giustizia Korkorales doveva essere ucciso.
Ho ascoltato i leader religiosi, contrari all´esecuzione di Korkorales per ragioni etiche.
In fin dei conti, ho fatto la parte di Dio. Mi sono impancato a giudice e nel marzo del 1999 ho autorizzato l´esecuzione di Korkorales.
Ero sicuro della sua colpevolezza, per un crimine che va oltre ogni immaginazione.
Tuttavia mi sentivo scosso e svuotato.
Ricadeva tutto su di me. E´ il compito pi duro che un Governatore USA possa affrontare. Ho preso la decisione di togliere la vita a un altro uomo.
Quella sensazione mi avrebbe tormentato ancora di pi nei mesi successivi mentre emergevano altre prove a dimostrazione che il sistema della pena capitale dell´Illinois fosse gravemente difettoso.
Altri tre uomini erano stati liberati dal braccio della morte dopo esservi rimasti a lungo per crimini che non avevano commesso.
Nel novembre del 1999, il quotidiano che ero solito leggere mi ha fornito le cifre che mi hanno dimostrato ci che cominciavo a pensare: il nostro sistema di pena capitale aveva fatto fallimento.
33 dei nostri condannati a morte erano stati difesi nel processo da avvocati che in seguito erano stati radiati o sospesi dalla pratica legale.
Come era potuto accadere?
Degli oltre 160 detenuti nel braccio della morte, 35 erano afro-americani processati da giurie composte esclusivamente da bianchi.
Pi dei due terzi dei detenuti nel braccio della morte erano afro-americani.
Era giustizia quella? Leggendo quei dati mi sono chiesto se si riferissero al sistema giudiziario del Sudafrica all´epoca dell´Apartheid.
46 prigionieri erano stati condannati a morte sulla base di testimonianze rese da informatori detenuti. La pi inverosimile forma di testimonianza che io possa immaginare.
Si trattava, come da allora vado dicendo, di dati vergognosi.
A gennaio 2000, anniversario del mio primo anno nel ruolo di Governatore, il sistema giudiziario del mio stato aveva esonerato pi condannati a morte di quanti non ne avesse giustiziati. 13 esonerati, 12 giustiziati.
L´Illinois aveva radiato dall´albo avvocati difensori di imputati poveri che avevano rischiato l´esecuzione. Mentre giurie composte esclusivamente da bianchi condannavano a morte dei neri.
I delatori della prigione stringevano accordi con i pubblici ministeri per essere liberati in cambio della collaborazione a mandare qualcuno nel braccio della morte.
Era giustizia? No. Assolutamente no.
Era imparzialit?
No. Nemmeno gli si avvicinava.
Prima di entrare nell´amministrazione facevo il farmacista. Ho passato la vita a fornire alla gente medicine, per curarla, forse anche per salvargli la vita. Sia io che mio fratello abbiamo seguito nostro padre nel mestiere perch era un modo per mettere le nostre vite al servizio degli altri.
Ma adesso, da Governatore, ero la persona che doveva dare l´ordine finale al boia affinch iniettasse la dose letale di veleno nelle vene di un uomo. Ero io a decidere se un´iniezione letale dovesse o no essere somministrata ad un condannato perch morisse su un lettino in una fredda e asettica camera della morte, davanti ad una stanza piena di spettatori.
Alla luce di quanto appreso nel gennaio 2000, ho fatto la sola cosa che potessi fare. Ho fermato la macchina della morte in Illinois.
Era la cosa giusta da fare. Come potevo far proseguire un sistema che decideva chi dovesse vivere o morire lanciando in aria una moneta?
Testa o croce, sei colpevole oppure innocente. Devi vivere o morire?
Ma fermare le esecuzioni stato solo l´inizio.
Poco dopo aver dichiarato la moratoria, ho nominato 13 tra i pi dotati e impegnati cittadini perch rivedessero l´intero sistema della pena capitale per trovare cosa determinasse tanti tragici errori.
Hanno rivisto ogni caso relativo a condannati nel braccio della morte. Ogni caso.
Hanno rivisto tutti i casi di persone innocenti che erano state esonerate.
Ci sono voluti due anni di accurato lavoro.
Nella primavera del 2002 hanno presentato un dossier straordinario.
Era un rapporto sull´intero sistema dell´Illinois. E faceva 85 raccomandazioni per riformarlo. Nessuna di quelle raccomandazioni stata trasformata in legge mentre ero in carica. La nuova legislatura in Illinois sta prendendo in considerazione alcune delle riforme, ma il sistema dello stato con le sue magagne resta ampiamente in vigore.
All´inizio di quest´anno, ho detto ai cittadini dell´Illinois che la situazione era ancora peggio di quel che avessi pensato.
Ho scoperto che quattro uomini, Aaron Patterson, Leroy Orange, Stanley Howard e Madison Hobley, erano stati torturati da detective della polizia e costretti a rendere una confessione. Era accaduto circa 20 anni fa. Tutti e quattro hanno raccontato storie simili di abusi che avevano subito in tempi diversi.
Tutti e quattro erano stati picchiati e soffocati fino a farli svenire incappucciando la loro testa con le buste di copertura delle macchine da scrivere. Leroy Orange era stato torturato con un pungolo elettrico usato per il bestiame.
Gli atti relativi al processo d´appello dicono che Aaron Patterson abbia invocato il padre mentre veniva torturato. Come in molti altri casi, era chiaro che Aaron Patterson non fosse uno stinco di santo. Aveva avuto problemi con la legge, era affiliato a delle bande.
Ma non c´era prova che avesse commesso l´omicidio per il quale era stato condannato a morte. Aaron Patterson ha detto di essere stato minacciato con una pistola. Ha detto di essere stato picchiato e soffocato. Con una graffetta aveva inciso frasi in cui si proclamava innocente sul tavolo e sulla porta della stanza per gli interrogatori.
Possiamo immaginare quale incubo sia stato!
A Stanley Howard erano stati negati incontri con la sua famiglia. Inoltre aveva subito percosse.
Il testimone che aveva fatto il suo nome in relazione a una sparatoria beveva pesantemente e lo aveva identificato, con delle esitazioni, addirittura sei mesi dopo l´omicidio. La sua colpevolezza era stata contraddetta da prove balistiche, ma aveva confessato in seguito a torture.
Madison Hobley era stato torturato ma si era rifiutato di confessare la sua responsabilit per un incendio in cui sua moglie e suo figlio erano arsi vivi. Non aveva potuto nemmeno piangere la morte dei suoi cari, era stato arrestato, accusato, processato e condannato in base a prove molte labili. Un agente di polizia membro della sua giuria avrebbe estratto la pistola e l´avrebbe posta sul tavolo della camera di consiglio, annunciando che in giornata si sarebbe giunti a un verdetto.
Abbiamo studiato per tre anni i casi dei condannati a morte. Giunti a questi quattro casi, mi stato detto che i loro appelli dovevano ancora concludersi, che ancora avevano una speranza di giustizia.Mentre si avvicinava il mio momento di decidere cosa fare di un sistema che nessuno voleva riformare, ho rivisto i loro casi ancora una volta.
Mi sono convinto che non fossero pi vicini ad avere giustizia di quanto lo fossero stati 20 anni prima. Le corti che si erano succedute avevano usato tecnicismi per evitare un pronunciamento sulla regolarit della condanna a morte di questi uomini. Per non arrivare a una decisione sulla questione principale, la regolarit dei processi, i giudici hanno pi volte argomentato che i condannati avevano rinunciato a rivendicare i loro diritti. Mi rivolgevo agli avvocati del mio staff e chiedevo loro dove fosse finita la correttezza. Dove fosse finita la giustizia. Perch c´ voluto cos tanto tempo perch qualcuno dicesse cosa giustizia e onest dovessero realmente essere?
Quando ho graziato questi uomini, condannati solo in base alle false confessioni rese dopo essere stati picchiati, soffocati, minacciati con le armi e torturati con l´elettricit, il procuratore locale ha detto che avevo liberato degli assassini.
E´ giustizia questa?
Su mio mandato, sono iniziate la dolorosa scoperta e la revisione delle enormi magagne del nostro sistema sulla pena capitale.
Alla fine, ho sentito che era mio dovere fare qualunque cosa in mio potere da Governatore per evitare che queste ingiustizie si ripetessero.
Ho studiato personalmente da capo a fondo tutti i casi dei prigionieri nel braccio della morte, dopo che il mio staff li aveva esaminati uno ad uno pi volte.
Sono giunto alla conclusione che, come nel caso dei 17 che avevamo esonerato, non ci fosse alcun criterio affidabile per distinguere i colpevoli dagli innocenti.
Mi sono anche convinto che anche nei casi in cui c´era stato un piccolo dubbio o addirittura nessun dubbio sulla loro colpevolezza, ci fossero attenuanti tali che portavano a risparmiargli la condanna a morte.
E´ stato un altro passo in avanti nel mio percorso da sostenitore della pena capitale verso qualcuno che si era convinto che il sistema non pu funzionare correttamente.
Cos ho adottato le parole del famoso giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, Harry Blackmun. Anch´io ho detto che non sarei stato l ad armeggiare intorno alla macchina della morte per cercare di ripararla.
Il sistema era marcio fino al midollo. Era arbitrario, era capriccioso, era iniquo, era razzista, era disonesto nei confronti dei poveri e aveva anche trattato male le famiglie delle vittime. Era tutto questo e ancora non si vedeva alcun segnale di riforma.
Cos ho commutato le condanne di tutti i prigionieri del braccio della morte. Mentre scrivo queste righe, la mia decisione ancora contestata dai procuratori in Illinois. Ero convinto che sarebbe stata discussa molto a lungo nel tempo.
Lentamente ma con decisione sono arrivato alle conclusioni cui Nessuno tocchi Caino era giunto gi da molto tempo. Non c´ giustizia nel sistema della pena capitale per come lo conosciamo negli Stati Uniti. Sono stato costretto a confrontarmi con gli aspetti morali. Ho dovuto fare i conti con l´ingiustizia.
Chiunque uccida un altro essere umano non pu essere proprio sano di mente. Alcuni di questi assassini hanno commesso crimini orribili, come quello commesso dall´uomo la cui esecuzione avevo autorizzato, Andrew Korkorales. Ho cominciato a chiedermi: possiamo giustiziare malati di mente? E´ umano? E questo pu portare beneficio al migliore sistema giuridico del pi grande paese del mondo?
Ma pi ponderavo l´imponderabile, i profondi interrogativi filosofici sulla pena capitale, pi mi convincevo che l´ergastolo senza condizionale fosse la condanna pi dura per chi ha ucciso.
Da Cristiano, ma questo vale per ogni altra fede che io conosca, ritengo che la morte sia una ricompensa. Stiamo forse ricompensando degli assassini spietati? Uno del braccio della morte, Danny Edwards, della cui colpevolezza sono certo, nei giorni delle mie decisioni mi invi una lettera implorandomi di scarcerarlo oppure di consentire venisse giustiziato. Trascorrere il resto della vita in prigione, mi disse, un destino peggiore della morte.
Oggi sta subendo quel destino.
Sono tempi difficili per chi solleva interrogativi sulla moralit, la giustizia e la correttezza della pena capitale. Ma sono convinto che questo il momento di essere per il mondo un segnale luminoso. Non ci sarebbe momento migliore per concepire un sistema di giustizia migliore.
Questa esattamente la visione di Nessuno tocchi Caino. Sono donne e uomini impegnati nella battaglia per la giustizia nel nome dell´umanit. Sono convinti che nessuno debba versare il sangue delle sorelle e dei fratelli. Avendo personalmente sopportato la pesante responsabilit di decidere chi del braccio della morte dovesse vivere o morire, posso dire di avere seri dubbi sulla capacit di qualsiasi uomo o donna di tollerare un carico simile. Come possiamo noi decidere a chi tocca fare la parte di Dio?
L´Illinois la terra del pi grande Presidente americano, Abraham Lincoln, che ha salvato l´Unione nella sua prova pi difficile, la Guerra Civile. Pi di ogni altro leader nella storia del Mondo Occidentale, nel liberare gli schiavi ha promosso giustizia e libert, e messo fine ad un doloroso capitolo della storia Americana. Il Presidente Lincoln ha detto una volta: "Ho sempre creduto che la clemenza produca frutti migliori della giustizia spietata."
A distanza di centoquaranta anni, le parole del Presidente Lincoln costituiscono una luce morale che fa da guida a tutti noi.