La situazione nel mondo (al 30 giugno 2016)


Abolizionisti: 104
Albania, Andorra, Angola, Argentina, Armenia, Australia, Austria, Azerbaigian, Belgio, Benin, Bermuda*, Bhutan, Bolivia, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Burundi, Cambogia, Canada, Capo Verde, Cipro, Città del Vaticano*, Colombia, Costa d’Avorio, Costarica, Croazia, Danimarca, Ecuador, Estonia, Figi, Filippine, Finlandia, Francia, Gabon, Georgia, Germania, Gibuti, Grecia, Guinea Bissau, Haiti, Honduras, Irlanda, Islanda, Isole Cook*, Isole Marshall, Isole Salomone, Italia, Kirghizistan, Kiribati, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macedonia (Ex Repubblica Iugoslava di), Madagascar, Malta, Mauritius, Messico, Micronesia (Stati Federati della), Moldova, Monaco, Mongolia, Montenegro, Mozambico, Namibia, Nauru, Nepal, Nicaragua, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Palau, Panama, Paraguay, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Dominicana, Romania, Ruanda, Samoa, San Marino, São Tomé e Principe, Senegal, Serbia, Seychelles, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Sudafrica, Suriname, Svezia, Svizzera, Timor Est, Togo, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Ungheria, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu e Venezuela.

Abolizionisti per crimini ordinari: 6
Brasile, Cile, El Salvador, Israele, Kazakistan e Perù.

Abolizionisti di fatto (non eseguono sentenze capitali da almeno 10 anni, tra parentesi l’anno dell’ultima esecuzione, oppure Paesi vincolati a livello internazionale a non applicare la pena capitale): 44
Antigua e Barbuda (1991), Bahamas (2000), Barbados (1984), Belize (1985), Birmania (1988), Brunei Darussalam (1957), Burkina Faso (1988), Camerun (1997), Comore (1997), Congo (1982), Corea del Sud (1997), Cuba (2003), Dominica (1986), Eritrea (non risultano esecuzioni dall’indipendenza del paese nel 1993), Ghana (1993), Giamaica (1988), Grenada (1978), Guinea (2001), Guyana (1997), Kenia (1987), Laos (1989), Lesotho (1995), Libano (2004), Liberia (2000), Malawi (1992), Maldive (1953), Marocco (1993), Mauritania (1987), Niger (nessuna esecuzione né condanna a morte dal 1976), Papua Nuova Guinea (1957), Qatar (2003), Repubblica Centroafricana (1981), Repubblica Democratica del Congo (2003), Santa Lucia (1995), Saint Vincent e Grenadine (1995), Sierra Leone (1998), Sri Lanka (1976), Swaziland (1982), Tanzania (1994), Tonga (1982), Trinidad e Tobago (1999), Tunisia (1991), Zambia (1997) e Zimbabwe (2005).

Paesi che attuano una moratoria delle esecuzioni: 6
Algeria, Guatemala, Guinea Equatoriale, Mali, Russia e Tagikistan.

Mantenitori: 38
Afghanistan, Arabia Saudita, Bahrein, Bangladesh, Bielorussia, Botswana, Ciad, Cina, Corea del Nord, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Etiopia, Gambia, Giappone, Giordania, India, Indonesia, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Malesia, Nigeria, Oman, Pakistan, Palestina*, Saint Kitts e Nevis, Singapore, Siria, Somalia, Stati Uniti d’America, Sudan, Sudan del Sud, Taiwan*, Thailandia, Uganda, Vietnam e Yemen.

Fonte: Nessuno tocchi Caino

Sottolineati, i Paesi (2) impegnati a livello internazionale a non applicare la pena di morte
In grassetto, le democrazie liberali1 (6) che mantengono la pena di morte
In corsivo, le novità (6) rispetto al 2014

* Stati non membri dell’ONU
1 La classificazione “democrazia liberale” si basa sui criteri analitici usati in “Libertà nel mondo 2016”, il rapporto annuale di Freedom House sulla situazione dei diritti politici e delle libertà civili Paese per Paese (www.freedomhouse.org) .