Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2015)
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Sintesi del Rapporto 2015 di Nessuno tocchi Caino
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
DISCORSO di Papa Francesco
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne
DOSSIER IRAN

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN: 250 IMPICCAGIONI DA INIZIO 2016

26 luglio 2016: secondo un rapporto pubblicato da Iran Human Rights (IHR), le autorità iraniane hanno giustiziato almeno 250 persone tra il 1° gennaio e il 20 luglio di quest'anno, il che rappresenta una media di più di una esecuzione al giorno. I numeri delle esecuzioni praticate finora nel 2016 sono comunque sensibilmente inferiori rispetto allo stesso periodo del 2015.
L'anno scorso, le autorità iraniane hanno giustiziato più di 700 persone nei primi sette mesi dell'anno. Il numero delle esecuzioni per l'intero anno fu superiore a 969, il più alto in più di 25 anni.
"Nonostante la significativa riduzione del numero di esecuzioni rispetto agli ultimi due anni, l’Iran rimane in cima alla lista dei carnefici dopo la Cina. Inoltre, non vi è alcuna indicazione che la riduzione del numero di esecuzioni sia dovuta ad un cambiamento della politica da parte delle autorità iraniane. I numeri sono più bassi rispetto allo scorso anno molto probabilmente a causa delle elezioni politiche nel febbraio e marzo di quest'anno e al mese islamico del Ramadan a giugno", ha dichiarato Mahmood Amiry-Moghaddam, portavoce di Iran Human Rights.
Le analisi di IHR mostrano che il numero di esecuzioni in Iran è normalmente molto basso nel mese del Ramadan, nelle settimane intorno al Capodanno iraniano (20 marzo) e nelle settimane prima delle elezioni parlamentari e presidenziali. "Più di 40 esecuzioni sono state effettuate nelle prime tre settimane di luglio, e temiamo che le esecuzioni aumenteranno ulteriormente nei prossimi mesi. Facciamo appello alla comunità internazionale e a tutti i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con l'Iran affinché pongano la questione della pena di morte in Iran in cima all'agenda nei colloqui bilaterali con le autorità iraniane", ha detto Amiry-Moghaddam.
Secondo il rapporto di IHR, come negli anni passati, la maggior parte delle esecuzioni effettuate finora quest'anno sono per reati di droga e omicidi. Le autorità iraniane continuano a giustiziare persone nei luoghi pubblici di fronte a comuni cittadini, compresi i bambini. Ci sono anche diversi possibili minorenni tra i giustiziati finora nel 2016; IHR sta indagando ulteriormente su questi casi.
Alcuni dati dal recente rapporto di IHR sulle esecuzioni tra 1° gennaio e 20 luglio 2016 evidenziano che:
Il 45% delle esecuzioni sono state riportate da fonti iraniane ufficiali;
Il 47% delle esecuzioni sono legate a reati di droga;
Il 39% delle esecuzioni sono per omicidio;
19 persone sono state impiccate in pubblico;
E' importante sottolineare che IHR sta ancora indagando su alcune notizie di esecuzione, che non sono state incluse nel rapporto a causa della mancanza di sufficienti dettagli. (Fonti: Iran Human Rights, 26/07/2016)

Altre news:
PAKISTAN: DUE PRIGIONIERI IMPICCATI PER OMICIDIO
PAKISTAN: IMPICCAGIONE NEL CARCERE DI SIALKOT
IRAN: GIUSTIZIATO IN PUBBLICO NELLA PROVINCIA DI KERMANSHAH
ARABIA SAUDITA: DUE PRIGIONIERI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
SOMALILAND: TRIBUNALE MILITARE EMETTE OTTO CONDANNE A MORTE
ARABIA SAUDITA: QUATTRO GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
IRAN: TRE IMPICCATI IN CARCERE
SUD SUDAN: DUE SOLDATI FUCILATI PER OMICIDIO
GIAPPONE: CONDANNA A MORTE CONFERMATA DALLA CORTE SUPREMA
PENA DI MORTE: RIUNIONE TASK FORCE ALLA FARNESINA
IRAN: 10 PRIGIONIERI IMPICCATI IN GRUPPO NEL CARCERE DI RAJAI SHAHR
ARABIA SAUDITA: 99 PRIGIONIERI GIUSTIZIATI DA INIZIO 2016
ARABIA SAUDITA: SAUDITA E PAKISTANO GIUSTIZIATI, 98 ESECUZIONI DA INIZIO ANNO
BANGLADESH: DUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEL DOTT. SHAFIQUL ISLAM
GAZA: CONDANNATI A MORTE TRE INFORMATORI DI ISRAELE
Archivio News
USA: CORTE D’APPELLO MILITARE ORDINA NUOVA SENTENZA PER ANDREW PAUL WITT
  CALIFORNIA (USA): SILICON VALLEY FINANZIA REFERENDUM ABOLIZIONISTA  
  QATAR: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER DUE INDIANI  
  CALIFORNIA (USA): VICE-GOVERNATORE FAVOREVOLE ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE  
  CONSIGLIO D’EUROPA: LA TURCHIA NON RIPRISTINI LA PENA DI MORTE  
  PAKISTAN: DUE IMPICCATI PER OMICIDIO NEL CARCERE DI ADIALA  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits