Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
La situazione nel mondo al 30 giugno 2014
Esecuzioni nel 2013
Sintesi del Rapporto 2014 di Nessuno tocchi Caino
Prefazione al Rapporto 2014 di Boni Yayi, Presidente della Repubblica del Benin
Introduzione al Rapporto 2014 di Elisabetta Zamparutti
Storia di Ben Crair, Editorialista del
Esegesi di Padre Guido Bertagna
Premio L'Abolizionista dell'Anno 2014
MOZIONE GENERALE DEL V° CONGRESSO DI NTC
Messaggio di Napolitano al V° Congresso di NtC
Saluto del Ministro della Giustizia Cancellieri
Messaggio del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia
Relazione di Sergio D'Elia al V° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al V° Congresso di NtC
Relazione di Sergio Segio al V° Congresso di NtC
Relazione di Maria Antonietta Farina Coscioni al V° Congresso di NtC
Intervento di F. Mambro al V° Congresso di NtC
Traccia della Relazione di Davide Galliani al V° Congresso di NtC
Intervento di Carmelo Musumeci al V° Congresso di NtC
Intervento di F. Radicioni al V° Congresso di NtC
Prefazione al Rapporto 2013 di Umberto Veronesi
Dedica a Martin O’Malley Governatore del Maryland
La situazione nel mondo ad oggi
ANALISI E OBIETTIVI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
Intervento di Padre Bertagna al V° Congresso di NtC
Rapporto 2013 di Nessuno tocchi Caino
Testimonianza per l’abolizione della pena capitale, di Martin O’Malley, Governatore del Maryland
ESECUZIONI 2012
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RISOLUZIONE ONU 2012
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014
Le sedi

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE


I video
RISOLUZIONE ONU 2010
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Dossier Iraq 2003

VIDEO MISSIONE IN CIAD

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
Gli obiettivi

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

Appello dei PREMI NOBEL
Abbiamo fatto
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

Adesioni Comuni, Province, Regioni

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA
Organi Dirigenti

DEDUCIBILITA' FISCALE

RISOLUZIONE ONU 2008
RISOLUZIONE ONU 2007

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
DOSSIER LIBIA
DOSSIER IRAN
DOSSIER GIAPPONE
DOSSIER USA 2011

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Scarica l'appello per la moratoria

MARCIA DI NATALE PER L’AMNISTIA, LA GIUSTIZIA E LA LIBERTÀ

23 dicembre 2005: La marcia si svolgerà la mattina del 25 dicembre 2005 a Roma, con partenza da Castel Sant’Angelo (ore 10.00) e arrivo in Via 24 Maggio (Quirinale).
E’ la prima volta che in Italia si manifesta - e si manifesta per - quella che consideriamo la più grande questione sociale del nostro paese, determinata dalla non-amministrazione della giustizia e dalla disastrosa situazione delle carceri, fatti per cui lo stato italiano è stato condannato dalla giustizia europea, sin dal 1980 e ripetutamente, per violazione di diritti umani fondamentali.
Non si tratta solo della condizione delle carceri nelle quali 60.000 detenuti sono ammassati in celle che potrebbero ospitarne al massimo 42.000, si tratta anche e soprattutto della vita di almeno 18 milioni di cittadini italiani e delle loro famiglie che sono parti in causa negli attuali 9 milioni di processi pendenti, molti dei quali destinati a risolversi per prescrizione (come è accaduto a 1 milione di processi negli ultimi cinque anni). Secondo il recente rapporto del Consiglio d’Europa, circa il 30% della popolazione italiana è in attesa di una decisione giudiziaria.
Obiettivi della Marcia sono un’amnistia, la più ampia possibile, e un indulto, di almeno due anni.
Una amnistia, la più ampia possibile, che possa immediatamente ridurre di almeno un terzo il carico processuale della Amministrazione della Giustizia perchè essa possa, liberata da processi meno gravi, proficuamente impegnarsi a concludere quelli più gravi.
Un indulto, di almeno due anni, che possa sgravare di un terzo il carico umano che soffre - in tutte le sue componenti, i detenuti, il personale amministrativo e di custodia - la condizione disastrosa delle prigioni.
Dopo 5 anni dal Giubileo e 3 anni da quando il Parlamento applaudì ripetutamente Giovanni Paolo II mentre invocava un atto di clemenza, atto che in Italia non viene promulgato da ormai 15 anni, è ora di cominciare a dare risposta alla massima crisi istituzionale, sociale e politica del nostro paese.
La Marcia parte da Castel Sant’Angelo alle ore 10 e passando davanti al Carcere di Regina Coeli, il Senato, la Camera dei Deputati, Palazzo Chigi e Santissimi Apostoli, arriva in Via 24 Maggio (Quirinale).
Il Comitato promotore della Marcia è presieduto da Don Antonio Mazzi e ne fanno parte i Senatori a vita Andreotti, Colombo, Cossiga, Levi-Montalcini, Napolitano, Pininfarina, i Presidenti Emeriti della Corte Costituzionale Baldassarre e Vassalli, numerose associazioni del mondo cattolico e del volontariato sociale tra cui Comunità di Sant’Egidio, Gruppo Abele, Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, Antigone, Arci, Legambiente, Forum delle comunità straniere in Italia, le associazioni radicali “Nessuno tocchi Caino”, “Il Detenuto ignoto”, “Luca Coscioni”, “Radicali Italiani” e numerosi esponenti del mondo politico sia della maggioranza sia dell’opposizione.
Oltre a Don Antonio Mazzi e Marco Pannella, la Marcia di Natale sarà aperta dai Senatori a vita Francesco Cossiga e Giorgio Napolitano. In prima fila, sfileranno anche Giuliano Ferrara, Lucia Annunziata, Stefano Rodotà, Cesare Salvi, Emma Bonino ed Enrico Boselli.
Seguiranno i Gonfaloni delle città, province e regioni italiane che hanno aderito alla Marcia.
Ti chiediamo di partecipare alla Marcia di Natale per l’Amnistia, la Giustizia e la Libertà, e di invitare altre persone facendo il ‘passaparola’ con la rete dei tuoi contatti. (Fonti: NtC, 23/12/2005)

Altre news:
ARABIA SAUDITA: L’ONDATA DI ESECUZIONI PROSEGUE, ALTRI QUATTRO DECAPITATI PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: DUE SORELLE POTREBBERO DIVENTARE LE PRIME DONNE A ESSERE IMPICCATE NEL PAESE
REGNO UNITO: IL 45% DEI BRITANNICI VUOLE RIPRISTINARE LA PENA DI MORTE - 50 ANNI DOPO L’ULTIMA ESECUZIONE
USA: MORATORIA IN OHIO PROROGATA FINO AL PROSSIMO GENNAIO
CINA: FUNZIONARIO DELLE FERROVIE CONDANNATO A MORTE PER CORRUZIONE
ARABIA SAUDITA: 3 MILITANTI CONDANNATI A MORTE, 26 A PENE DETENTIVE PER TERRORISMO
ARABIA SAUDITA: UN ALTRO PRIGIONIERO DECAPITATO PER OMICIDIO
UCRAINA: I SEPARATISTI DI DONETSK INTRODUCONO LA PENA DI MORTE PER TRADIMENTO
IRAN: UNDICI PERSONE GIUSTIZIATE A KARAJ, UN UOMO IMPICCATO IN PUBBLICO A MIANEH
ARABIA SAUDITA: DUE UOMINI DECAPITATI PER OMICIDIO
INDONESIA: GOVERNO SALVA 190 CITTADINI DA CONDANNA A MORTE
ARABIA SAUDITA: DUE PERSONE DECAPITATE PER TRAFFICO DI DROGA E OMICIDIO
IRAN: QUATTRO IMPICCATI AD AMOL E BANDAR ABBAS
IRAN: RAGAZZO DI 22 ANNI IMPICCATO A BIRJAND
GIAPPONE: GRUPPO DI PARLAMENTARI CONTRO LA PENA DI MORTE PRONTO A RIPRENDERE LE ATTIVITÀ
Archivio News
IRAN: ALMENO NOVE PRIGIONIERI GIUSTIZIATI A RASHT E ZAHEDAN, TRA CUI UN IMPUTATO MINORENNE IMPICCATO INSIEME ALLA MADRE
  IRAN: SEI IMPICCATI A SHIRAZ E KARAJ  
  SOMALIA: EX SOLDATO DELL’ESERCITO CONDANNATO A MORTE NEL SOMALILAND  
  AFGHANISTAN: CINQUE CIVILI IMPICCATI DAI TALEBANI NELLA PROVINCIA DI HELMAND  
  VIETNAM: 6 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA  
  ARABIA SAUDITA: NARCOTRAFFICANTE SIRIANO DECAPITATO NELLA REGIONE DI AL-JAWF  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
credits