Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2015)
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Sintesi del Rapporto 2015 di Nessuno tocchi Caino
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
DISCORSO di Papa Francesco
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne
DOSSIER IRAN

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

PENA MORTE: PRESENTATO RAPPORTO 2007 DI NESSUNO TOCCHI CAINO

30 agosto 2007: i boia, nel mondo, hanno ancora molto da fare. A poche settimane dalla presentazione di una risoluzione sulla moratoria universale della pena di morte all'Assemblea generale delle Nazioni Unite da parte dell'Unione europea e su ispirazione dell'Italia, e' agghiacciante il quadro tracciato dal Rapporto 2007 di Nessuno tocchi Caino sulle esecuzioni capitali.
Nonostante proteste e iniziative umanitarie, in molti Paesi del mondo ad essere giustiziati sono anche i bambini. E nel 2006 sono aumentati gli Stati che hanno fatto ricorso alla pena di morte - 27 contro i 24 del 2005 - e il numero delle esecuzioni esecuzioni è di almeno 5628 contro le 5494 dell'anno precedente. Il mestiere del boia e' ancora di attualita' in molti regimi islamici, in alcune democrazie, perfino in un Paese dell'Europa (la Bielorussia). E le classiche forme di messa a morte dei condannati testimoniano una barbarie che rimane radicata: fucilazione, sedia elettrica, decapitazione, impiccagione, iniezione letale, lapidazione, spesso precedute e accompagnate da torture fisiche e psicologiche.
Cina, Iran e Pakistan, tra i 51 Stati che mantengono la pena capitale, detengono il primato delle condanne a morte eseguite: rispettivamente almeno 5000, 215 e 82. In Iran, nel 2006 sono stati giustiziati sette minori. Gli Stati Uniti hanno messo a morte 53 persone, in lieve calo rispetto all'anno precedente.
Tra il 30 giugno 2005 e il 30 giugno 2006 ci sono state in Bielorussia cinque esecuzioni.
La sorpresa, invece, arriva dall'Africa, dal continente delle lotte tribali e dei genocidi incontrollabili. Se e' vero che nel 2006 le esecuzioni documentate sono state 80,in netto aumento rispetto alle 19 del 2005, e' anche vero che sono numerosi i Paesi che si sono schierati a favore della risoluzione sulla pena di morte, come ha rilevato il premier Romano Prodi nell'introduzione al Rapporto di Nessuno tocchi Caino.
Il presidente del Consiglio definisce 'straordinario' l'impegno dell'Africa. E cita il Sudafrica, il Mozambico, l'Angola, il Senegal, la Liberia, la Repubblica democratica del Congo e il Ruanda 'che nella loro storia recente hanno conosciuto le piu' gravi violazioni al diritto umanitario internazionale' e che 'si sono uniti alla nostra campagna globale'. A conferma, il riconoscimento tributato a Paul Kagame, presidente del Ruanda, con il Premio 'L'abolizionista dell'Anno 2007', promosso da Nessuno tocchi Caino quale riconoscimento alla personalita' che piu' di ogni altra si e' impegnata sul fronte della moratoria delle esecuzioni capitali e dell'abolizione della pena di morte.
Kagame e' anche autore della Prefazione del Rapporto, nella quale ricorda che 'i ruandesi hanno sconfitto la leadership responsabile del genocidio (gli hutu, ndr), il suo Stato e la cultura dell'impunita' '.
Secondo Nessuno tocchi Caino, 'l'abolizione della pena di morte e l'adesione alla campagna per la moratoria universale delle esecuzioni capitali sono atti dallo straordinario valore simbolico, con i quali il Ruanda dimostra emblematicamente al mondo che si puo' porre fine all'assurdo ciclo della vendetta e che le istanze di giustizia e legalita' non si risolvono con la pena capitale'. (Fonti: Ansa, 30/08/2007)

Altre news:
OSLO: CONCLUSO IL 6° CONGRESSO MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE
OSLO: SECONDA GIORNATA DEL 6° CONGRESSO MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE
OSLO: AL VIA 6° CONGRESSO MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE
ROMA: 26 GIUGNO CONCERTO DELLA MISERICORDIA
SUDAN: QUATTRO CONDANNATI A MORTE E ALL’ERGASTOLO NEL SUD DARFUR
SRI LANKA: MINISTRO DEGLI ESTERI INVITA AD AVERE CORAGGIO DI ABOLIRE LA PENA DI MORTE
NIGERIA: OMICIDA CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE NELLO STATO DI KANO
IRAQ: SETTE CONDANNE A MORTE E CINQUE ERGASTOLI PER TERRORISMO
PAPA FRANCESCO: PENA DI MORTE INAMMISSIBILE, NON FA GIUSTIZIA
TAIWAN: ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE OBIETTIVO A LUNGO TERMINE
TAIWAN: CORTE SUPREMA COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
IRAQ: GIUSTIZIATI 12 ACCUSATI DI TERRORISMO
CINA: ESPIANTO DI ORGANI DEI PRIGIONIERI CONTINUA SU LARGA SCALA (RAPPORTO)
CALIFORNIA (USA): PIÙ VICINO REFERENDUM SULL’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
SOMALIA: 43 AL SHABAB CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND
Archivio News
EGITTO: MURSI CONDANNATO A 40 ANNI, ALTRI SEI IMPUTATI CONDANNATI A MORTE
  TUNISIA: CONDANNA A MORTE PER CAPO DI UN GRUPPO SALAFITA  
  PAKISTAN: CORTE SUPREMA RIPRISTINA CONDANNA CAPITALE  
  REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO: CORTE MARZIALE CONDANNA A MORTE 31 PERSONE  
  IRAN: ALMENO TRE GIUSTIZIATI PER DROGA A BANDAR ABBAS  
  UTAH (USA): OGNI CONDANNATO A MORTE COSTA AL CONTRIBUENTE 1,66 MILIONI DI DOLLARI DI PIÙ RISPETTO AD UN CONDANNATO ALL’ERGASTOLO SENZA CONDIZIONALE  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits