MYANMAR: DUE NOTI ATTIVISTI CONDANNATI A MORTE DALLA GIUNTA MILITARE

Phyo Zeyar Thaw

24 Gennaio 2022 :

Due noti attivisti politici del Myanmar sono stati condannati a morte dai tribunali della giunta militare con l'accusa di essere coinvolti in attività terroristiche, ha riferito una stazione televisiva dei militari il 21 gennaio 2022.
Myawaddy TV ha detto in un telegiornale che Kyaw Min Yu, noto anche come Ko Jimmy, e Phyo Zeyar Thaw, noto anche come Maung Kyaw, sono stati riconosciuti colpevoli di diversi crimini, inclusi attentati esplosivi e finanziamento del terrorismo e condannati ai sensi della legge nazionale antiterrorismo.
Entrambi sono detenuti dal momento del loro arresto, impossibilitati a esprimersi in marito alle accuse mosse contro di loro, inoltre nessun avvocato ha commentato a loro nome. La moglie di Min Yu, Nyler Tain, ha negato le accuse presentate contro suo marito lo scorso ottobre.
I dettagli dei loro procedimenti non sono disponibili poiché si sono svolti in tribunali militari, a porte chiuse.
Non è chiaro se i due casi siano correlati.
I due sono tra gli attivisti più importanti condannati a morte nel Paese da quando i militari hanno sottratto il potere al governo eletto di Aung San Suu Kyi lo scorso febbraio.
Il colpo di stato ha innescato una protesta ampia e popolare, che da allora si è trasformata in rivolta dopo che le proteste non violente hanno incontrato la durissima reazione delle forze di sicurezza. Si stima che circa 1.500 civili siano stati uccisi e più di 11.000 siano stati arrestati per crimini politici.
Alcune fazioni della resistenza hanno commesso omicidi, sparatorie e attentati esplosivi nelle aree urbane. Le organizzazioni di opposizione tradizionali generalmente negano tali attività e sostengono la resistenza armata nelle aree rurali, che sono spesso teatro di brutali attacchi da parte dei militari.
Kyaw Min Yu è uno dei leader dell'88th Generation Student Group, veterano di una rivolta popolare che non riuscì a togliere il potere alla precedente giunta militare.
Da allora è stato politicamente attivo e ha trascorso più di 12 anni dietro le sbarre.
Il suo arresto il 23 ottobre a Yangon è stato reso noto dalla moglie, un'attivista che in passato è stata incarcerata.
Entrambi si sono nascosti dopo il colpo di stato di febbraio e si ritiene che la donna sia ancora nascosta.
Due settimane dopo l'arresto, una dichiarazione dei militari lo ha accusato di "aver compiuto atti terroristici, compresi attacchi con mine, per danneggiare la stabilità della nazione" e di aver capeggiato un gruppo chiamato "Operazione Moonlight" per fare guerriglia urbana.
Era già nella lista dei ricercati per dei post sui social media in cui invitava alla rivolta.
Il secondo dei condannati a morte, Phyo Zeyar Thaw, è un ex membro della Lega Nazionale per la Democrazia di Suu Kyi. Era un musicista hip-hop prima di entrare a far parte dei Generation Wave, un movimento politico formatosi nel 2007.
È stato arrestato il 18 novembre con armi e munizioni, secondo una dichiarazione delle autorità.
Sempre secondo la dichiarazione, Phyo Zeyar Thaw è stato arrestato sulla base di informazioni fornite da persone arrestate il ​​giorno prima per aver sparato a una guardia di sicurezza.
I militari lo hanno accusato di essere una figura chiave in una rete di decine di persone che avrebbero compiuto un attacco “terroristico” a Yangon.

 

altre news