USA - La Casa Bianca riafferma l'opposizione alla pena di morte

USA - Biden

20 Giugno 2021 :

USA

La Casa Bianca riafferma l'opposizione alla pena di morte.
Come è noto, ieri (vedi NtC 15/06/2021) si è appreso che il giorno precedente il Dipartimento di Giustizia, in totale continuità con la linea politica di Trump, aveva chiesto alla Corte Suprema di annullare l’annullamento della condanna a morte di Dzhokhar Tsarnaev. Che il Department of Justice, i cui vertici vengono cambiati ogni volta che cambia il presidente, e che quindi almeno in teoria ora dovrebbero rappresentare a pieno la linea politica di Biden, insista per la condanna a morte di un giovane terrorista, e lo faccia utilizzando le stesse argomentazioni retoriche dell’amministrazione precedente, ha suscitato molte polemiche tra i sostenitori di Biden. 
Dzhokhar Tsarnaev non aveva ancora compiuto 20 anni quando, nel 2013, assieme al fratello maggiore Tamerlan, poi ucciso in un conflitto a fuoco, aveva collocato una bomba lungo il percorso della maratona di Boston, uccidendo 3 persone.
Nella serata del 15 giugno Biden, attraverso l’ufficio stampa della Casa Bianca, ha voluto far sapere di confermare la sua opposizione alla pena di morte, e che il Dipartimento ha agito in piena autonomia e indipendenza.
In una e-mail ai giornalisti, il vice addetto stampa della Casa Bianca Andrew Bates ha scritto: "Il presidente Biden ha chiarito di avere profonde preoccupazioni sul fatto che la pena capitale sia coerente con i valori che sono fondamentali per il nostro senso di giustizia ed equità. … Il Presidente ritiene che il Dipartimento dovrebbe tornare alla sua prassi precedente e non compiere esecuzioni”.
Un certo numero di testate liberali ha interpretato l’istanza presentata dal Dipartimento come una marcia indietro rispetto alle promesse della campagna elettorale. "Biden ha infranto la sua promessa e ha fallito clamorosamente il suo primo test sulla pena di morte", ha scritto il professor Austin Sarat su Slate. HuffPost ha commentato: "L’istanza presentata alla Corte Suprema mina ciò che Biden ha detto pubblicamente sulla fine della pena di morte". Fox News evidenzia la discordia interna, descrivendo la dichiarazione dell'ufficio stampa come "l'ultimo di una recente serie di casi in cui la Casa Bianca sembra difendere l’indipendenza del DOJ, mentre la critica apertamente".
Robert Dunham, direttore del Death Penalty Information Center, ha descritto l'incongruenza tra l'azione del Dipartimento di Giustizia e la risposta della Casa Bianca come l'adempimento di una promessa della campagna - ripristinare l'integrità e l'indipendenza del Dipartimento di Giustizia - senza agire sull’altro aspetto, quello della pena di morte. "C'è meno di quanto sembri", ha detto Dunham a The Intercept. Durante le sue udienze di conferma, il procuratore generale Merrick Garland ha indicato che se la Casa Bianca avesse stabilito una linea di condotta sulla pena di morte, il Dipartimento di Giustizia l'avrebbe seguita. "Qual è la politica dell'amministrazione riguardo alla pena di morte federale?" si è chiesto Dunham. "L'amministrazione non ha ancora risposto".
Di conseguenza, il Dipartimento di Giustizia continua a rispondere caso per caso ai procedimenti giudiziari che riguardano la pena di morte. Davanti a una corte d’appello federale il Dipartimento ha difeso la condanna a morte inflitta a Dylann Roof, il killer della chiesa di Charlestown, e davanti alla Corte Suprema ha chiesto di confermare la condanna a morte di Tsarnaev. Ma ha anche preso provvedimenti in senso contrario: ha chiesto a una corte d'appello federale di restituire un importante caso di habeas corpus al Dipartimento di Giustizia in modo che il Dipartimento possa riconsiderare il regolamento dell'amministrazione Trump che attualmente riduce drasticamente l'accesso dei detenuti del braccio della morte dell'Arizona alla revisione federale delle loro condanne, ed ha revocato la richiesta di condanna a morte in una mezza dozzina di casi in cui l'amministrazione Trump stava perseguendo la pena capitale.
Il solo fatto di non compiere più esecuzioni federali non mantiene la promessa elettorale di porre fine alla pena di morte federale, ha detto Dunham. "Si prepara il tavolo per il prossimo presidente a compiere più esecuzioni". Parte del porre fine alla pena di morte, ha detto all'HuffPost a gennaio l'avvocato David Bruck, sarebbe quella di ordinare al Dipartimento di Giustizia di smettere di perseguire nuove condanne e difendere quelle già emesse nei casi federali. Un'altra parte essenziale, dicono gli oppositori della pena di morte, è commutare le sentenze di tutti i detenuti del braccio della morte federale.
"Può farlo oggi, può farlo domani", ha detto Dunham. "Ma più a lungo non fa nulla al riguardo, ... più le sue promesse elettorali sembrano parole vuote".

https://deathpenaltyinfo.org/news/white-house-reasserts-opposition-to-death-penalty-stresses-independence-of-justice-department-as-doj-asks-supreme-court-to-reinstate-death-sentence-in-boston-marathon-bombing

 

altre news