Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN: LE ESECUZIONI AUMENTANO E I FINANZIAMENTI EUROPEI CONTINUANO

2 luglio 2015: una nuova analisi pubblicata dalla ONG Iran Human Rights mostra che più dei due terzi delle 570 persone giustiziate finora quest’anno in Iran erano state condannate per reati legati alla droga. Queste esecuzioni possono essere collegate ai finanziamenti per i programmi di lotta al narcotraffico stanziati tramite l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC) e finanziati dai Paesi europei, inclusi Francia e Germania.
La ricerca della ong per i diritti umani Reprieve mostra che la Francia ha fornito più di 1 milione di euro alla Polizia Anti Narcotici dell'Iran (ANP) negli ultimi anni; mentre la Germania ha contribuito ad un progetto da 5 milioni di euro dell’UNODC che ha fornito alla ANP formazione e  attrezzature.
I progetti dell’UNODC mirano ad incrementare il numero delle persone arrestate e condannate per droga, ma non impongono condizioni efficaci per garantire che il sostegno finanziario non contribuisca ad incrementare il numero di impiccagioni. Con l'Iran che attualmente pratica esecuzioni ad un ritmo così elevato e con il 69% delle esecuzioni legate a reati di droga, Reprieve invita l'UNODC ed i suoi finanziatori ad agire con urgenza per introdurre condizioni sul sostegno che essi forniscono.
Un certo numero di altri Stati europei, tra cui Regno Unito, Danimarca e Irlanda, hanno già ritirato i finanziamenti ad analoghi programmi UNODC in Iran, con il governo danese che ha riconosciuto come questi “portino ad esecuzioni". Tuttavia Francia e Germania si sono rifiutate di assumere impegni analoghi, e non hanno escluso di contribuire ad un nuovo stanziamento riservato di fondi Onu per l'ANP iraniana.
L'UNODC sta attualmente negoziando questo accordo della durata di cinque anni, e il capo dell'UNODC Yury Fedotov si è recato in Iran nel febbraio di quest'anno promettendo che un accordo sarebbe stato finalizzato "nei prossimi due mesi". Ha aggiunto che "nessun Paese può competere con l'Iran per quanto riguarda la quantità di stupefacenti scoperti e sequestrati." La ricerca di Reprieve ha scoperto che almeno 15 milioni di euro del sostegno europeo possono essere direttamente collegati ad arresti e impiccagioni di migliaia di persone - tra cui donne, minori e un certo numero di cittadini europei. In un caso del 2014, un ragazzo 15enne afgano, Jannat Mir, è stato impiccato con l'accusa di traffico di eroina attraverso il confine tra Afghanistan e Iran, nel periodo in cui l'UNODC sovrintendeva ad un'operazione sul confine da 5 milioni di euro.
Le linee guida sui diritti umani dell’UNODC prevedono che se le esecuzioni per reati legati alla droga continuano, l’organismo dovrebbe "assumere un blocco temporaneo o il ritiro del sostegno".
Maya Foa, responsabile del team sulla pena di morte di Reprieve, ha dichiarato:
"Anche se in Iran il tasso di esecuzioni arriva alle stelle, i Paesi europei come Francia e Germania continuano a finanziare le incursioni brutali da parte della polizia iraniana che inviano regolarmente persone nel braccio della morte per reati non violenti. In Iran 7 impiccati su 10 quest'anno sono stati catturati in questo tipo di operazioni, ma i finanziatori europei e l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine continuano a chiudere un occhio, e stanno anche considerando un nuovo finanziamento.
"E' un’ipocrisia insostenibile per i paesi europei e per l’UNODC quella di rivendicare opposizione alla pena di morte in tutte le circostanze pur permettendola e incoraggiandola all'estero. Se i loro impegni in materia di pena di morte valgono qualcosa, dovrebbero imporre condizioni efficaci e trasparenti per garantire che il loro aiuto non porti a esecuzioni." (Fonti: Reprieve, 02/07/2015)

Altre news:
COREA DEL SUD: DDL BIPARTISAN PER L’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
IRAN: GRAZIATE DUE DONNE CHE ERANO STATE CONDANNATE A MORTE
GAMBIA: AMNISTIA CONCESSA DAL PRESIDENTE JAMMEH
EAU: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO CONFERMATA DALLA CORTE DI CASSAZIONE
EGITTO: UNA CONDANNA A MORTE E UNA ALL’ERGASTOLO PER TERRORISMO
KENYA: DUE CONDANNE A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
AFGHANISTAN: ANNULLATE QUATTRO CONDANNE A MORTE PER L’UCCISIONE DI FARKHUNDA
SRI LANKA: TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
ZAMBIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
TANZANIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN RAGAZZO ALBINO

[<< Prec] 1 2 3
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits