Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - IHR
IRAN - IHR
IRAN -

30 aprile 2021:

Iran Human Rights, all’interno del suo “Rapporto Annuale sulla Pena di Morte in Iran nel 2020” (vedi NtC 30 marzo 2021) affronta il tema del “perdono”. Il rapporto fornisce, tra le altre cose, un approfondimento sul tema del movimento abolizionista in Iran, e all’interno di questo, a proposito dei reati “qisas”, la possibilità, per i parenti delle vittime, di “perdonare”.
Come è noto, il concetto di “Qisas” deriva direttamente dal Corano, e in Occidente viene tradotto come “restituzione dello stesso tipo” oppure, più colloquialmente, “punizione in natura” o “legge del taglione”.
È prevista per una serie di reati, compreso l’omicidio. Questo fa sì che ogni omicidio, indipendentemente dal suo “grado”, ossia se sia stato volontario o meno, premeditato oppure d’impeto, viene punito con un altro omicidio: l’impiccagione. Ma, sia prima che dopo il processo, i familiari della vittima possono intervenire per attenuare la punizione. Se i familiari della vittima scelgono di non intervenire, la legge compie il suo percorso e si arriva all’esecuzione. Ma, secondo questo rapporto, in almeno 3 casi su 4, i familiari della vittima esercitano il loro diritto ad esprimere un parere, e questo porta ad una attenuazione della punizione, che in alcuni casi può arrivare fino alla scarcerazione.
In alternativa a “qisas”, infatti, i familiari della vittima possono chiedere un risarcimento, detto “diya”, che letteralmente sarebbe “prezzo del sangue”. Come terza alternativa la famiglia della vittima può concedere il “perdono”.
IHR stila un rapporto sul “perdono” dal 2015. Complessivamente, i rapporti di questi 6 anni mostrano che le famiglie di vittime di omicidio che hanno scelto il perdono o il risarcimento in denaro sono più numerose di quelle che hanno scelto la pena di morte.
Per semplicità, useremo il termine “perdono” indipendentemente dal fatto che ci sia stata una domanda di denaro o meno.
Così come per le esecuzioni, anche per i “perdoni” non tutti i casi vengono annunciati dai media iraniani. Sulla base delle relazioni dei media iraniani e, in misura minore, attraverso la propria rete all'interno dell'Iran, IHR ha identificato 662 casi di perdono nel 2020, più del triplo rispetto alle 211 esecuzioni “qisas” nello stesso periodo. Nel 2019 i casi di perdono erano stati 374, 272 nel 2018, 221 nel 2017, 232 casi nel 2016 e 262 nel 2015.
Come IHR ripete sempre nei suoi rapporti annuali, il numero delle esecuzioni potrebbe essere sottostimato. Solo 1/3 delle esecuzioni che IHR censisce sono riportate da fonti ufficiali iraniane. IHR stima che nei casi di “perdono” la sottostima possa essere ancora maggiore.
La crescente tendenza al perdono in Iran è correlata a un sondaggio condotto nel settembre 2020 che mostra che la maggioranza delle persone preferisce, per il reato di omicidio, pene diverse dalla pena di morte. Solo il 21,5% degli iraniani ha affermato che preferirebbe qisas se un parente stretto venisse assassinato, mentre oltre il 50% ha indicato di preferire la reclusione.
Nel 2020, IHR ha registrato esecuzioni qisas in 24 delle 31 province iraniane, e casi di perdono in 29 province. Solo in una provincia, il Lorestan, le esecuzioni (8) sono state di più dei casi di perdono (7). Nella provincia di Qom ci sono state 2 esecuzioni e 2 casi di perdono, in tutte le altre province i casi di perdono sono stati di più delle esecuzioni. In alcune province il divario è stato nettissimo: nel Kerman 22 perdoni e 0 esecuzioni, nel Bushehr 18 perdoni e 0 esecuzioni, nel Khuzestan 26 perdoni e 1 esecuzione, nel Mazandaran 41 perdoni e 2 esecuzioni, nel Semnan 8 perdoni e 0esecuzioni.
Nel 2020 le carceri nelle aree metropolitane di Teheran e Karaj sono quelle che hanno registrato sia il maggior numero in assoluto di esecuzioni qisas (57) che di perdoni (92).

https://iranhr.net/en/articles/4716/ 

(Fonte: IHR)

Altre news:
MALESIA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALAWI: CORTE SUPREMA DICHIARA INCOSTITUZIONALE LA PENA DI MORTE
INDIA: COMMUTATA IN ERGASTOLO LA CONDANNA CAPITALE EMESSA PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
ARRESTI DEGLI EX TERRORISTI IN FRANCIA, D’ELIA: ‘UNA DECISIONE ANACRONISTICA’
EGITTO: 17 GIUSTIZIATI PER L’ATTACCO CONTRO LA POLIZIA NEL 2013
KENYA: UN DETENUTO LIBERATO DAL BRACCIO DELLA MORTE, UN ALTRO CI RESTA
EGITTO: NOVE GIUSTIZIATI PER L’ATTACCO CONTRO LA POLIZIA NEL 2013
VIETNAM: 19ENNE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA
USA - South Carolina. Commissione Giustizia della Camera approva elettrocuzione e fucilazione
IRAN - “La comunità internazionale deve unirsi contro i processi farsa iraniani
IRAN - Habibullah Sheikh-Hossein giustiziato il 26 aprile nella prigione di Sabzevar
IRAN - Nazanin Zaghari-Ratcliffe condannata a un altro anno di prigione.
USA - Tennessee. Parlamento approva legge sulla disabilità intellettiva
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
EGITTO: GRUPPO LEGATO ALL’ISIS GIUSTIZIA TRE PERSONE ACCUSATE DI SOSTEGNO AL GOVERNO
IRAN - Seyyed Sadrollah Fazeli Zare è il secondo uomo condannato a morte per aver “insultato il profeta”
TAIWAN: L’OBIETTIVO FINALE RESTA L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
IL MIO CORPO È CHIUSO IN QUESTO INFERNO PERÒ LA MIA ANIMA E LA MIA FORZA SONO LÌ CON VOI… IO SONO LIBERO!
I SENATORI ‘LIBERAL’ AMERICANI CHIEDONO A BIDEN DI CHIUDERE GUANTANAMO. PER I ‘DEMOCRATICI’ ITALIANI IL 41 BIS NON SI TOCCA, ANZI, VA COPERTO CON IL SEGRETO DI STATO
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE PER IL TRAFFICO DI 31 KG DI METANFETAMINE
IRAN - Due uomini condannati a morte per aver “insultato Maometto”
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE 5 AL-SHABAB NEL PUNTLAND
INDONESIA: SEI DETENUTI CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI CINQUE POLIZIOTTI
AMNESTY INTERNATIONAL: NEL 2020 ESECUZIONI NEL MONDO DIMINUITE DI UN QUARTO RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE
USA - Texas. L'Amministrazione modifica il protocollo di esecuzione
NIGERIA: DETENUTO SENZA ACCUSE UOMO CHE SI DEFINISCE ATEO
IRAQ: CONDANNA A MORTE CONFERMATA NELLA REGIONE CURDA
INDIA: DETENUTO NEL BRACCIO DELLA MORTE MUORE DI COVID-19
IRAN - Iran al 174° posto nel mondo, su 180, quanto a libertà di stampa
ESECUZIONI PER DROGA DIMINUITE NEL MONDO DEL 75% NEL 2020

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits