Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

SINGAPORE: DISABILE MENTALE GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI DROGA

30 aprile 2022:

Nagaenthran Dharmalingam, un malese con disabilità mentale che era stato condannato per traffico di droga nel 2010, è stato giustiziato il 27 aprile 2022 nella prigione di Changi a Singapore.
Nagaenthran, che era stato arrestato dopo che la polizia aveva trovato una confezione contenente 42,7 g di eroina legata alla sua coscia, è stato impiccato poco prima dell'alba, ha detto la sua famiglia.
Navin Kumar, fratello di Nagaenthran, ha detto all'agenzia di stampa Reuters che il corpo del 33enne sarebbe stato riportato in Malesia per i funerali, nella città settentrionale di Ipoh.
L'esecuzione del malese è giunta dopo che la Corte d'Appello ha respinto il tentativo della madre di Nagaenthran di fermare l'esecuzione. I giudici hanno definito come “irritante” il suo appello dell'ultimo minuto.
Il mese scorso, la Corte aveva definito gli sforzi legali per salvare la vita di Naga un "abuso palese e oltraggioso" del processo legale, inoltre secondo la Corte era "improprio impegnarsi o incoraggiare gli ultimi tentativi disperati" per ritardare o fermare un'esecuzione.
Il caso di Nagaenthran ha attirato l'attenzione internazionale sull'uso perdurante della pena di morte da parte di Singapore, in particolare nei casi di traffico di droga, e ha riacceso il dibattito nella stessa città-stato.
La famiglia di Nagaenthran sosteneva che il giovane avesse un QI di 69, tuttavia i tribunali della città-stato hanno stabilito che l’imputato sapesse cosa stava facendo al momento del reato. Inoltre, aggiungono i tribunali, non sono state presentate prove aggiuntive per dimostrare il basso livello delle sue capacità intellettive.
M Ravi, un avvocato che in precedenza aveva assistito Nagaenthran, ha espresso il suo dolore per l'esecuzione su Twitter, dicendo: "Om Shanti, che la tua anima riposi in pace".
Ha aggiunto: “Potete spezzarci, ma non sconfiggerci. La nostra lotta contro la pena di morte continua”.
Il 25 aprile, alcune centinaia di persone si erano radunate per manifestare la loro opposizione alla pena di morte a Hong Lim Park, una piccola area nel centro della città in cui il governo di Singapore consente le assemblee pubbliche. Ci sono state anche piccole proteste davanti all'Alta Commissione di Singapore nella capitale malese, Kuala Lumpur.
Anche il governo malese, gli esperti delle Nazioni Unite, l'Unione Europea, gruppi della società civile e celebrità tra cui l'imprenditore britannico Richard Branson, avevano chiesto che la vita di Nagaenthran fosse risparmiata.
In una dichiarazione rilasciata dopo l'esecuzione del 27 aprile, il ministero degli Affari esteri della Malesia ha affermato che il primo ministro e il ministro degli Esteri questa settimana avevano nuovamente inviato una lettera alle controparti di Singapore chiedendo loro di riconsiderare la condanna di Nagaenthran, suggerendo inoltre di utilizzare l'accordo di trasferimento dei prigionieri tra i due Paesi.
"L'uso della pena di morte per reati legati alla droga è incompatibile con il diritto internazionale sui diritti umani", aveva scritto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani in una dichiarazione, chiedendo a Singapore di fermare l'esecuzione di Naga. “I Paesi che non hanno ancora abolito la pena di morte possono imporla solo per i “crimini più gravi”, che vengono interpretati come crimini di estrema gravità che comportano uccisioni intenzionali”.
Nagaenthran doveva essere impiccato a novembre, ma la sua esecuzione era stata posticipata in attesa degli appelli del tribunale, a loro volta rinviati avendo il giovane contratto il COVID-19.
Anche una richiesta di clemenza al presidente di Singapore è stata respinta e, alla fine dell'udienza del 26 aprile, Nagaenthran ha chiesto che gli fosse permesso di tenere le mani di sua madre e di altri parenti un'ultima volta, ha riferito il Sydney Morning Herald. Mentre si allungavano attraverso una fessura nel pannello di vetro per tenersi l'un l'altro, i familiari piangevano. Il giornale ha detto che in seguito è stato permesso ai familiari di trascorrere del tempo con lui nelle celle di detenzione sotto il tribunale, sebbene senza contatto fisico.
In una dichiarazione, il direttore di Amnesty International per l'Asia-Pacifico, Erwin van der Borght, ha descritto l'esecuzione di Nagaenthran come un "atto vergognoso del governo di Singapore" e come "perseguimento di un percorso crudele che è gravemente in contrasto con la tendenza globale verso l’abolizione della pena di morte."
La città-stato ha modificato le linee guida sulle condanne consentendo ai giudici di condannare all’ergastolo piuttosto che imporre la condanna a morte obbligatoria in alcuni casi di traffico di droga, a condizione che l'imputato soddisfi determinate condizioni. Singapore applica una delle leggi sulla droga più dure al mondo e sostiene che la pena di morte funzioni da deterrente.
Secondo le Nazioni Unite, più di 50 persone si trovano nel braccio della morte a Singapore. Le autorità di Singapore solitamente non commentano casi capitali.
"Questo deterrente è stato ripetutamente screditato e non ci sono prove che la pena di morte sia più efficace nel ridurre il crimine dell'ergastolo", ha affermato van der Borght di Amnesty. "Le politiche punitive sulla droga che impongono punizioni dure hanno dimostrato di danneggiare, piuttosto che proteggere, le persone dai problemi causati dalla droga".
Anche Malesia e Indonesia impongono la pena di morte per reati di droga, tuttavia la Malesia sta riesaminando il suo uso in questi casi e attualmente ha una moratoria sulle esecuzioni.

(Fonti: Aljazeera, 27/04/2022)

Altre news:
DAGLI STATI DI EMERGENZA ALLO STATO DI DIRITTO
SULLE STRAGI IN UCRAINA IMPARIAMO DA MANDELA
USA - Oklahoma. Giuria raccomanda condanna a morte per David Ware
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
ZAMBIA: DUE POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN SOSPETTO
IRAN - IHR ha pubblicato il suo 14° Rapporto Annuale sulla Pena di Morte in Iran
IRAQ: ‘TERRORISTA ‘ CONDANNATO A MORTE A DHI QAR
ANCHE IN TEXAS, NELLA TERRA DELLE COSE IMMUTABILI E DEI DANNATI A MORTE, POSSONO ACCADERE DEI MIRACOLI
GLI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
IRAN - Fakhreddin Waledi e Hossein Joushan stati giustiziati a Isfahan il 27 aprile
USA - Florida. Timothy Wayne Fletcher condannato a morte
USA - Il Presidente Biden concede clemenza a 78 persone
THAILANDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNO STUDENTE
USA - South Carolina. Sospese le esecuzioni per vagliare la costituzionalità del plotone di esecuzione e della sedia elettrica
IRAN - Ali Younesi e Amir Hossein Moradi condannati a 16 anni
USA - Texas. La Corte d’Appello sospende l’esecuzione di Melissa Lucio
I PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
CINA: CITTADINO USA CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
PER AZZERARE I SUICIDI IN CELLA VA AZZERATO ANCHE IL CARCERE
UN GRIDO NEL FEROCE TEXAS: ‘SALVATE MELISSA LUCIO’
USA - California. Corte Suprema annulla la condanna a morte di Robert Bloom
USA - Texas. Carl Wayne Buntion giustiziato il 21 aprile
I PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
EMIRATI ARABI UNITI: PAKISTANO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA COPPIA
GIORDANIA: CASSAZIONE CONFERMA CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
I PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
PAKISTAN: SEI DIPENDENTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MANAGER CHE ACCUSAVANO DI BLASFEMIA
IRAN - Morto in carcere il manifestante Mehdi Salehi Ghaleh Shahrokhi
USA - Texas. 19 dei 31 senatori chiedono di fermare l'esecuzione di Melissa Lucio
GLI APPUNTAMENTI DI APRILE DI NESSUNO TOCCHI CAINO

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits