Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Hengaw 2023 Annual Report
IRAN - Hengaw 2023 Annual Report
IRAN - Rapporto annuale di Hengaw: 823 esecuzioni nel 2023

31 dicembre 2023:

31/12/2023 - Rapporto annuale di Hengaw: 823 esecuzioni
L'Organizzazione per i Diritti Umani Hengaw pubblica il suo rapporto statistico che evidenzia lo stato preoccupante dei diritti umani e la crescente violazione dei diritti fondamentali in Iran.
Secondo i dati meticolosamente documentati dal Centro di Statistica e Documentazione di Hengaw, l'anno 2023 è stato caratterizzato da cifre sconfortanti. In particolare, 823 prigionieri del braccio della morte e 333 Kolbar (i Kolbar sono dei “portatori di montagna”, che camminando sui sentieri di montagna nelle zone di confine trasportano merci, anche di contrabbando) hanno subito morti o feriti, mentre 27 persone sono state vittime di mine ed esplosivi collocati dalle forze dell’ordine nelle zone di confine. Inoltre, 34 prigionieri hanno perso la vita nelle carceri iraniane. In modo inquietante, 21 attivisti politici e manifestanti sono stati condannati a morte e 547 attivisti hanno dovuto scontare una pena detentiva cumulativa di 2.094 anni e 8 mesi, oltre a 94 anni di detenzione sospesa e 2.547 fustigazioni. Tragicamente, almeno 122 donne sono state uccise all’interno delle loro famiglie.
Le molte esecuzioni capitali, gli arresti arbitrari e l'intensificarsi delle violenze contro i gruppi vulnerabili, tra cui i kolbar e gli attivisti civili, dipingono un quadro sconvolgente di violazioni pervasive dei diritti umani. Inoltre, i casi di discriminazione nazionale e religiosa, insieme alla presa di mira di attivisti politici e civili, rivelano una preoccupante assenza di giustizia e libertà di espressione. Questa situazione rende necessaria una maggiore attenzione e pressione da parte della comunità internazionale e delle istituzioni che difendono i diritti umani, per sollecitare riforme fondamentali, in linea con la dottrina della "responsabilità di proteggere" i diritti dei cittadini iraniani.
La politica della Repubblica islamica nei confronti delle donne riflette una sistematica violazione dei loro diritti, estesa anche alle minoranze sessuali e di genere. Questa svalutazione è evidente non solo nella sfera politica e governativa, ma anche nel contesto sociale. La facilità con cui le donne vengono prese di mira, unita alla quasi totale mancanza di sanzioni, sottolinea una tendenza inquietante. Lo stesso governo della Repubblica islamica perpetua l'omicidio delle donne e crea formidabili barriere per le donne che lavorano in questo campo. Di conseguenza, il numero effettivo di femminicidi supera quello riportato dai giornali e dai media. Hengaw mette in guardia dal normalizzare l'uccisione delle donne nella società, sottolineando l'importanza di riconoscere il dilagare degli arresti e delle torture nei confronti degli attivisti che lavorano per denunciare la violenza sessuale e di genere organizzata. Inoltre, Hengaw evidenzia l'allarmante assenza di statistiche documentate sulla violenza politica e sociale contro le minoranze sessuali e di genere in Iran, sottolineando la necessità di attenzione e intervento immediati.
823 esecuzioni
Hengaw riferisce che nel 2023 sono stati giustiziati ben 823 prigionieri in varie prigioni dell'Iran. Di questo numero, Hengaw ha verificato l'identità completa di 667 persone.
Tra i prigionieri giustiziati, 31 hanno subito la pena capitale per accuse legate ad attività politiche e religiose, partecipazione a proteste e coinvolgimento nei movimenti di Jin, Jiyan, Azadi (Donna-Vita_Liberta’) e nelle proteste del novembre 2019. 9 di loro erano prigionieri curdi.
Scomponendo le cifre, lo scorso anno sono stati giustiziati 179 prigionieri di etnia baluca, che rappresentano il 21,5% del totale, e 151 prigionieri curdi, che rappresentano il 18,5% dei prigionieri giustiziati. Inoltre, 54 prigionieri turchi, 48 prigionieri Lor e 28 prigionieri afghani hanno subito lo stesso destino.
L'anno scorso in Iran sono stati giustiziate almeno 22 donne e 5 minorenni, che non avevano ancora compiuto 18 anni quando hanno commesso i reati.
Le condanne a morte di 468 persone, pari al 57% del totale, sono state eseguite per accuse legate a reati di droga. Inoltre, 284 prigionieri sono stati giustiziati per accuse associate all'omicidio.
Almeno 333 Kolbar uccisi o feriti
Nel 2023, Hengaw ha documentato una notevole escalation di morti e feriti tra i Kolbar, superando gli anni precedenti in termini di incidenti, con 41 Kolbar che hanno perso la vita e almeno 292 feriti nel corso dell'anno.
Sul totale dei Kolbar colpiti, uno sconcertante 86,5% (27 morti e 259 feriti) è stato vittima del fuoco diretto delle forze armate della Repubblica islamica dell'Iran, mentre i restanti casi sono stati causati dall'esplosione di mine e da disastri naturali come valanghe e congelamento.
Inoltre, un Kolbar di 16 anni è stato colpito mortalmente dalle forze armate della Repubblica islamica dell'Iran e altri 25 minorenni Kolbar hanno subito lesioni lo scorso anno.
Dal punto di vista geografico, il bilancio più alto si è registrato ai confini della provincia di Sanandaj, dove 179 Kolbar sono stati uccisi o feriti, seguita dalla provincia di Kermanshah con 138 vittime.
Esplosioni di mine
Nel 2023, almeno 27 persone hanno perso la vita in Iran a causa di mine e residui esplosivi della guerra Iran-Iraq. Tra le vittime, 26 erano curdi e un arabo è rimasto tragicamente vittima nella città di Shush.
Scomponendo le statistiche, sette delle vittime delle mine hanno perso la vita, mentre 14 casi riguardavano persone comuni e 12 erano lavoratori e Kolbar. Inoltre, un membro delle forze militari della Repubblica Islamica ha perso la vita nell'esplosione di una mina. Secondo questo rapporto, tra le vittime ci sono almeno quattro bambini e una donna, che rappresentano il 18,5% di tutte le vittime delle mine in Iran lo scorso anno.
Condizioni delle carceri
Almeno 34 prigionieri hanno perso la vita nelle carceri iraniane. 11 di loro sono morti sotto tortura, tra cui 8 curdi, 2 baluchi e un bakhtiari.
Inoltre, 7 prigionieri sono morti prematuramente a causa di fattori quali cure mediche inadeguate, ritardi nel trasferimento ai centri medici, avvelenamento, suicidio e conflitti con altri prigionieri.
Oltre il 27% dei prigionieri deceduti, per un totale di 9 casi, erano prigionieri politici. Tra questi, cinque prigionieri curdi, due prigionieri baluchi e la perdita di due persone, Lor Bakhtiari e Gilek.
Arresti illegali e arbitrari
Il Centro di Statistica e Documentazione di Hengaw ha registrato un minimo di 2.342 persone, con identità verificata per Hengaw, che sono state sottoposte ad arresto o sparizione forzata da parte delle istituzioni di sicurezza della Repubblica Islamica dell'Iran. Scomponendo le cifre, il 42% degli arrestati (1.025 persone) erano curdi, mentre il 26% (607 persone) erano baluchi. Inoltre, lo scorso anno sono state arrestate 94 persone di etnia Lor e 87 di etnia turca.
Un aspetto particolarmente preoccupante è la detenzione di 214 minori e adolescenti di età inferiore ai 18 anni, tra cui 142 baluchi, 54 curdi e 16 provenienti da altre regioni dell'Iran.
Altre statistiche rivelano l'arresto di 323 donne, 63 insegnanti e professori universitari, 45 studenti e 109 familiari delle vittime delle proteste dello scorso anno.
Anche gli attivisti religiosi hanno dovuto affrontare la repressione, con almeno 184 persone arrestate, tra cui 90 attivisti baha'i e attivisti sunniti in Kurdistan, Ahvaz e Baluchistan. Tra gli arrestati figurano anche persone di fede cristiana, ebraica e yarsan.
Persecuzione legale degli attivisti
Nel 2023, almeno 568 attivisti politici, religiosi e civili hanno affrontato processi nel sistema giudiziario della Repubblica islamica dell'Iran, con sentenze che vanno dalla reclusione all'esecuzione o alla fustigazione. Tra questi, 21 persone sono state condannate a morte.
Tra i condannati a morte, la Corte Suprema ha annullato le sentenze di due prigionieri di Gilak, Mehdi Mohammadi Fard e Javad Rohi. Javad Rohi è poi morto in modo sospetto in prigione. Sette delle restanti 18 condanne a morte sono state inflitte a prigionieri politici curdi, e la prigioniera politica turca Nasreen Namazi ha rischiato l'esecuzione negli ultimi giorni del 2023.
Inoltre, 13 persone sono state condannate a morte per il loro coinvolgimento nel movimento Jin, Jiyan, Azadi, con due sentenze annullate e sei eseguite.
Le statistiche di Hengaw rivelano anche che 547 attivisti politici, civili e religiosi sono stati condannati al carcere, alla fustigazione e alla privazione sociale dal sistema giudiziario. Oltre il 40% degli attivisti condannati erano curdi (216 casi), mentre 104 persone rappresentavano altre minoranze nazionali ed etniche, tra cui turco-azeri, baluchi, arabi, lor bakhtiari e gilak. Tra le minoranze religiose, gli aderenti alla religione Bahai hanno rappresentato 64 casi.
Questi 547 attivisti hanno ricevuto una condanna cumulativa di 2094 anni e 8 mesi di carcere per le loro diverse attività. In particolare, 50 di loro, tra cui 37 attivisti curdi, hanno subito un totale di 2.547 frustate. Inoltre, 30 persone hanno ricevuto un totale di 94 anni di detenzione sospesa, oltre alla servitù penale e alla fustigazione.
Il 2023 ha visto anche la condanna di almeno cinque minorenni curdi alla reclusione e alla fustigazione, mentre 144 donne, che rappresentano il 25,5% di tutti gli attivisti condannati, hanno dovuto affrontare la reclusione e la fustigazione.
122 donne uccise
Nel 2023, almeno 122 donne sono state uccise in tutto l'Iran. Il 32% di questi casi, pari a 39, è stato attribuito ai cosiddetti delitti d'onore.
Dal punto di vista geografico, le province di Teheran, Alborz, Azarbaijan occidentale (Urmia), Kermanshah e Fars hanno registrato il maggior numero di questi tragici incidenti.
La maggior parte delle donne è stata uccisa da mariti, ex mariti, padri, fratelli o altri familiari stretti.

https://hengaw.net/en/news/2023/12/hengaws-comprehensive-report-on-human-rights-in-iran-for-the-year-2023

(Fonte: Hengaw)

Altre news:
AMNISTIA E INDULTO, PAROLE ERETICHE CHE BISOGNA TORNARE A PRONUNCIARE
IRAN - 6 uomini giustiziati a Birjand il 31 dicembre
IL NOSTRO CONGRESSO E LA GATTA CHE I DETENUTI CREDONO SIA PANNELLA
ARABIA SAUDITA: QUATTRO GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
IRAN - Nur Ahmad Ghalandarzahi giustiziato a Shiraz il 31 dicembre
IRAN - Abdul Shawali giustiziato a Karaj il 30 dicembre
PAKISTAN: COMMISSIONE DIRITTI UMANI DEL SENATO VOTA CONTRO LE ESECUZIONI PUBBLICHE
IRAN - 2 cittadini afghani giustiziati a Karaj il 30 dicembre
GIAPPONE: NESSUNA ESECUZIONE NEL 2023
NIGERIA: GOVERNATORE DI LAGOS COMMUTA IN ERGASTOLO 39 CONDANNE CAPITALI
QATAR: COMMUTATE LE CONDANNE CAPITALI DI 8 EX MARINAI INDIANI
IRAN - Asghar Abdullah Parikhani e Abbas Faraj Oghli giustiziati a Meshgin Shahr
BURUNDI: IL PRESIDENTE DICE CHE I GAY DOVREBBERO ESSERE LAPIDATI NEGLI STADI
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO COMMESSO DURANTE UNA RAPINA IN BANCA
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato a Yazd il 28 dicembre
IRAN - Reza Eyvazi giustiziato a Kashan il 28 dicembre
IRAN - 4 prigionieri politici giustiziati a Urmia il 28 dicembre
IRAN - Karim Aminikhah giustiziato a Bandar Abbas il 28 dicembre
IRAN - Hassan Rahbar giustiziato a Gorgan il 28 dicembre
IRAN - 3 uomini "recentemente" giustiziati a Karaj
IRAN - 3 uomini giustiziati a Birjand il 27 dicembre
IRAN - Mansour Salamat ucciso sotto le torture degli agenti di sicurezza il 27 dicembre
IRAN - 4 uomini giustiziati ad Ardabil il 27 dicembre
IRAN - HRANA: Rapporto annuale sui diritti umani in Iran nel 2023
VIETNAM: PRESIDENTE COMMUTA 18 CONDANNE CAPITALI
IRAN - Ramin Faghiri giustiziato ad Hamedan il 27 dicembre
IRAN - Ismaeil Ghader Magham (Barahoei) giustiziato a Birjand il 27 dicembre
IRAN - Mehdi Dahmardeh giustiziato a Birjand il 27 dicembre
IRAN - 3 donne e 1 uomo giustiziati a Birjand il 27 dicembre
IRAN - Mohammad Reza Mehraban giustiziato a Sanandaj il 26 dicembre

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits