Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: GUANTANAMO È COSTATA AL CONTRIBUENTE 6 MILIARDI DI DOLLARI E I PROCESSI NON SONO NEANCHE COMINCIATI

24 settembre 2019:

Mentre i contribuenti statunitensi ricevono un conto di oltre 6 miliardi di dollari, destinati ad aumentare, ex alti funzionari coinvolti nei casi di pena di morte della commissione militare contro i detenuti di Guantánamo criticano i tribunali militari per spreco, cattiva gestione e inefficacia.
In un servizio in occasione del 18° anniversario degli attacchi dell'11 settembre, National Public Radio ha riportato gli attacchi di Gary Brown, colonnello in pensione ed ex consulente legale dei vertici delle “military commissions“ (tribunali militari) di Guantánamo. Brown ha presentato quello che si chiama “whistleblower complaint”, ossia quel tipo di denuncia di irregolarità che viene effettuata dal cosiddetto “whistleblower”, uno che “soffia nel fischietto” e segnala irregolarità o casi di corruzione all’interno della struttura per cui lavora.  Secondo Brown chi ha gestito i tribunali militari e la struttura di detenzione della baia di Guantánamo è responsabile di "ingenti sprechi finanziari" e "pessima gestione". Morris Davis, procuratore capo di Guantánamo dal 2005 al 2007, ha dichiarato a NPR "A Guantanamo sono stati spesi miliardi di dollari che erano totalmente inutili" e ha criticato i tribunali militari come "un fallimento travolgente"“.
Un’inchiesta del New York Times del 16 settembre 2019, in collaborazione con il Pulitzer Center on Crisis Reporting, ha rivelato che la prigione e i tribunali militari della baia di Guantánamo costano ai contribuenti "circa $ 13 milioni per ciascuno dei 40 prigionieri detenuti" o un totale di $ 540 milioni nel solo 2018. Sebbene non abbia offerto alcuna soluzione al problema, il presidente Donald Trump ha dichiarato il 18 settembre che il costo annuale di 13 milioni di dollari per detenuto era "folle".
Attualmente, otto prigionieri di Guantanamo sono stati accusati di terrorismo o crimini di guerra e sei di loro sono passibili di condanne a morte.
Il procedimento preliminare nel processo capitale di Abd al-Rahim al-Nashiri, accusato di aver organizzato l’attacco con un motoscafo-kamikaze contro la nave da guerra americana USS Cole, si era interrotto dopo che l'intero pool difensivo si era dimesso dopo aver accusato i vertici militari di aver intercettato illegalmente i colloqui tra avvocati e imputato.
Pochi mesi fa una corte d'appello federale ha annullato le ordinanze giudiziarie preliminari dal 2015 al 2018 perché il giudice militare che le aveva emesse aveva da tempo fatto richiesta di assunzione come giudice federale (più precisamente, giudice dell’immigrazione), e trovandosi quindi in chiaro conflitto di interessi. Avrebbe infatti lavorato per il Department of Justice (il ministero della giustizia statunitense), che è l’autorità che muove le accuse a Al-Nashiri, e nella figura del Procuratore Generale (Attorney General) ne chiede la condanna a morte. Nel servizio del NYT Morris Davis ricordava di essersi dimesso nel 2007 per le troppe pressioni da parte dei suoi superiori perché utilizzasse le prove che erano state ottenute dalla Cia interrogando gli imputati con metodi di tortura. Dopo le sue dimissione un giudice militare stabilì che in effetti le prove estorte con la tortura non potevano essere utilizzate nei processi, nemmeno nei processi “speciali” di Guantanamo.
Come è noto, l’amministrazione Usa ha deciso di detenere i sospetti terroristi islamici e di farli processare in una zona fuori dal suolo degli Usa, cercando di tenere i processi ancorati alle corti marziali e non alle corti federali “normali”. Lo scopo principale è rispettare almeno formalmente il dettato costituzionale che i processi devono essere pubblici, ma al tempo stesso si cerca di circoscrivere la circolazione di notizie, che sono state quasi tutte ottenute da fonti segrete che i servizi segreti vorrebbero non divulgare. Guantanamo è stata individuata all’epoca come “soluzione di compromesso”, ma si tratta di procedure mai utilizzate in precedenza, che stanno presentando molti problemi.
Nel suo “whistleblower complaint”, Brown sosteneva che lui e Harvey Rishikof, all'epoca il supervisore delle commissioni militari, erano stati licenziati nel febbraio 2018 perché stavano negoziando accordi con Khalid Sheikh Mohammed e gli altri 4 accusati negli attacchi dell'11 settembre, per ottenere una loro parziale collaborazione al processo in cambio della rinuncia a chiedere la pena di morte.
Secondo NPR le operazioni statunitensi a Guantanamo sono costate complessivamente 6 miliardi di dollari da quando gli Stati Uniti hanno iniziato a utilizzare il centro di detenzione nel 2002. "Ci sono stati miliardi di dollari spesi per Guantanamo che erano totalmente inutili", ha detto Davis. Michel Paradis, un avvocato difensore di Guantánamo che rappresenta Al-Nashiri, ha dichiarato che "è un orribile spreco di denaro. È un catastrofico spreco di denaro ... Non importa se sei di quelli che vorrebbero questa gente fucilata per strada o se sei tra quelli che pensano che Guantánamo stessa sia un'aberrazione che avrebbe dovuto essere chiusa ieri - qualunque sia il tuo obiettivo, le commissioni militari hanno fallito."
Brown ha affermato che le trattative non solo avrebbero risparmiato denaro, ma “avrebbero portato sollievo ai familiari delle vittime, che era la nostra principale preoccupazione, e avrebbe potenzialmente portato sollievo anche a quella ferita che Guantánamo costituisce per la sicurezza degli Stati Uniti”. L'accordo avrebbe anche posto fine al lungo e costoso processo legale, ha affermato: gli imputati dell'11 settembre sono a Guantanamo dal 2003 e i loro processi non sono ancora iniziati. "Non hanno avuto successo. Si sono bloccati. Sono incredibilmente costosi", ha detto Brown. "Invece, non sarebbe meglio se dicessimo semplicemente "Sai cosa? Questa volta non hanno funzionato".
"Il 3 ottobre sarà il 12° anniversario del giorno in cui mi sono dimesso", ha detto Davis, "e se guardi cosa è successo negli ultimi 12 anni, penso che potresti riassumerlo come "non molto". Secondo me avrebbero dovuto trasferire questi casi a una corte federale, dove sarebbero stati chiusi anni fa e avrebbero risparmiato un sacco di soldi dei contribuenti.” Cheryl Bormann, avvocato di Walid bin Attash, accusato di aver addestrato gli attentatori dell'11 settembre, ha detto delle commissioni militari, “Questo è ridicolo. Non c'è motivo per questo. Avremmo potuto rinchiudere per sempre questi uomini e garantirci che nessun altro venga mai colpito a costi molto più bassi."
L'elaborata procedura legale ha anche messo a dura prova coloro i cui cari sono stati uccisi l'11 settembre. Glenn Morgan ha perso suo padre, Richard Morgan, ed è andato due volte fino a Guantanamo per assistere al processo. Ha detto che secondo lui gli imputati dovrebbero essere giustiziati, ma, visto l’andamento del processo, un patteggiamento sarebbe stato meglio di niente, e avrebbe portato almeno un po’ di sollievo. "Non sto dicendo che lo sostengo, ma quando qualcuno nella tua famiglia viene ucciso in questo modo e tua madre viene lasciata a combattere il cancro da sola senza suo marito, la tua definizione di soddisfatto viene modificata", ha detto. “Quindi sarei soddisfatto se ci fossero delle conclusioni. Non voglio che non ci siano conclusioni." Ha detto di essere preoccupato che "i prigionieri moriranno prima di essere giudicati colpevoli", e questa sarebbe una beffa. "Non sarebbero stati giudicati colpevoli. Non saranno mai stati giudicati colpevoli di omicidio e hanno ucciso oltre 2.900 persone. E quindi sarebbe un'ingiustizia."

(Fonti: DPIC, 24/09/2019)

Altre news:
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE SCIITI
EGITTO: SETTE CONDANNATI A MORTE PER ATTENTATO TERRORISTICO
IRAN: IMPICCATO A ISFAHAN PER OMICIDIO
NIGERIA: PADRE E FIGLIO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: IMPICCATA PER L’OMICIDIO DEL MARITO
INDIA: UNA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
EGITTO: CORTE DI CASSAZIONE ANNULLA OTTO CONDANNE CAPITALI PER TERRORISMO
TEXAS: ROBERT SPARKS GIUSTIZIATO
IRAN: CINQUE PERSONE IMPICCATE NELLA PRIGIONE DI RAJAI-SHAHR
IRAN: IMPICCATO IN CARCERE A MARAGHEH PER OMICIDIO
INDIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA STUDENTESSA
THAILANDIA: EX PARLAMENTARE CONDANNATO A MORTE COME MANDANTE DI UN OMICIDIO
IRAQ: SEI MILIZIANI DELL’ISIS CONDANNATI A MORTE PER ATTACCO TERRORISTICO
KUWAIT: INDIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO NELLO STATO DI ONDO
MALAWI: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN ALBINO
INDIA: CONDANNATO A MORTE NELL’ODISHA PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
CINA: INTELLETTUALE UIGURO RISCHIA ESECUZIONE
SUDAN: CONDANNE A MORTE ANNULLATE PER OTTO RIBELLI DEL DARFUR
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI MADRE E FIGLIO
VIETNAM: DONNA CONDANNATA A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
PAKISTAN: CONDANNATA A MORTE 5 VOLTE PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA FIGLIA
ONU: LA FRANCIA RIMPATRI E PROCESSI SUOI CITTADINI NEL BRACCIO DELLA MORTE IRACHENO
SINGAPORE: COPPIA SOTTO INCHIESTA PER AVER INDOSSATO MAGLIETTE ANTI-PENA DI MORTE
UGANDA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA NIPOTE
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATE FINORA QUEST’ANNO 134 PERSONE
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONFERMA TRE CONDANNE A MORTE

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits