Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: EX GIUDICI STATALI E FEDERALI, PUBBLICI MINISTERI, FUNZIONARI DI POLIZIA E PARENTI DELLE VITTIME ESORTANO IL GOVERNO FEDERALE A SOSPENDERE LE ESECUZIONI

22 novembre 2019:

Centinaia di ex giudici statali e federali, pubblici ministeri, funzionari di polizia e penitenziari, e parenti delle vittime di omicidio hanno firmato una serie di lettere per sollecitare il governo federale a fermare le cinque esecuzioni federali previste per dicembre 2019 e gennaio 2020.
In quattro lettere separate indirizzate al presidente Donald Trump e al procuratore generale William Barr, 175 familiari di vittime di omicidio, 65 ex giudici statali e federali, 59 pubblici ministeri statali e federali e funzionari di polizia in servizio o ex, e 26 ex funzionari penitenziari hanno offerto diverse prospettive sul perché le esecuzioni non dovrebbero aver luogo. I familiari delle vittime di omicidio sono il gruppo più numeroso. Quando il procuratore generale Barr ha annunciato il 25 luglio che il governo federale avrebbe ripreso le esecuzioni dopo una pausa di 16 anni, ha tentato di giustificare quella decisione come un servizio alle famiglie delle vittime. Barr all’epoca disse: "È un dovere nei confronti delle vittime e delle loro famiglie portare avanti la pena imposta dal nostro sistema giudiziario". Sono 175 i familiari di vittime che non sono d’accordo, ed hanno preso una posizione collettiva contro il concetto stesso di pena di morte. “La pena di morte non previene la violenza. Non risolve il crimine. Non fornisce servizi a famiglie come la nostra. Non aiuta a risolvere gli oltre 250.000 casi di omicidio irrisolti negli Stati Uniti. Esacerba il trauma di perdere una persona cara e crea un'altra famiglia in lutto. Spreca anche molti milioni di dollari che potrebbero essere meglio investiti in programmi che riducano effettivamente il crimine e la violenza e che rispondano ai bisogni di famiglie come la nostra." Gli altri gruppi non hanno sostenuto l'abolizione della pena di morte, ma hanno criticato i difetti sistemici nella pena di morte federale per come è attualmente amministrata, e hanno affermato che le esecuzioni dovrebbero essere fermate. La lettera dei giudici federali e statali sosteneva che "ci sono troppi problemi con il sistema federale di pena di morte e troppe domande senza risposta sulla procedura di esecuzione recentemente annunciata dal governo, per consentire alle esecuzioni di procedere". I giudici hanno scritto che, in base alla loro esperienza professionale, "il pregiudizio razziale, le disparità geografiche e l’assistenza legale inadeguata hanno inquinato in maniera troppo forte le decisioni di chiedere e imporre la pena di morte". La lettera di funzionari delle forze dell'ordine e pubblici ministeri afferma che "il sistema capitale federale è contrassegnato da molti degli stessi problemi preoccupanti riscontrati nei sistemi statali", confermando le stesse preoccupazioni dei giudici, e aggiungendo un riferimento alla “allarmante frequenza di condanne che poi si rivelano sbagliate”.I funzionari penitenziari hanno parlato direttamente dell'effetto delle esecuzioni sul personale carcerario che le deve eseguire. "Il bilancio psicologico dell'esecuzione di una condanna a morte è ben documentato", hanno scritto. “Quelli di noi che hanno partecipato alle esecuzioni hanno vissuto di persona il trauma, mentre altri hanno visto il peso che ha avuto sui colleghi. Riteniamo che il governo federale stia aggravando il rischio per il personale penitenziario programmando queste esecuzioni così ravvicinate tra loro”. La loro lettera sottolinea il rischio presentato dal nuovo protocollo, la linea temporale accelerata delle esecuzioni e la carenza di personale nelle carceri. “I nostri colleghi sono dei professionisti, ma spetta ai dirigenti evitare di porre i dipendenti pubblici in condizioni in cui affrontano un rischio reale di danni o errori. Ci auguriamo che le esecuzioni programmate vengano riconsiderate per garantire la sicurezza e il benessere dei dipendenti delle prigioni federali". Il governo degli Stati Uniti ha programmato cinque esecuzioni in un periodo di cinque settimane tra il 9 dicembre 2019 e il 15 gennaio 2020, di cui tre previste dal 9 dicembre al 13 dicembre. In una richiesta separata, Earlene Peterson ha chiesto al presidente Trump di commutare la condanna a morte di Daniel Lewis Lee, che dovrebbe essere giustiziato il 9 dicembre per gli omicidi della figlia, del genero e della nipote di Peterson. Un tribunale federale ha sospeso l'esecuzione dell'11 dicembre di Lezmond Mitchell. La lettera dei familiari delle vittime includeva individui in casi di alto profilo - come Bud Welch, la cui figlia, Julie, è stata uccisa nell'attentato di Oklahoma City e diversi familiari di persone uccise negli attacchi terroristici dell'11 settembre - oltre a numerosi familiari delle vittime nei casi in cui i pubblici ministeri non hanno chiesto la pena di morte o in cui l'omicidio rimane irrisolto. La lettera sottolinea che "l'attuale sistema divide le famiglie delle vittime di omicidi in maniera casuale tra chi riceverà molta attenzione e molte risorse dedicate e che, senza un processo capitale, non ne riceverà". Questo, dice, "invia il messaggio offensivo che alcuni omicidi sono peggiori di altri e alcune vittime contano più di altre, anche se la maggior parte di noi non riceve mai i servizi di cui abbiamo bisogno dopo aver subito la violenza". Sia i giudici che i pubblici ministeri hanno esortato il Procuratore Generale a intraprendere una revisione sistematica della pena di morte federale per porre rimedio all'arbitrarietà sistemica nella sua attuazione. I giudici hanno scritto: "Proprio come solo il 2% delle contee americane produce la maggior parte delle condanne a morte degli stati, vediamo la stessa concentrazione geografica nel sistema federale. Solo tre stati - Texas, Missouri e Virginia - rappresentano quasi la metà di tutte le attuali condanne a morte federali. E mentre l'America sta facendo i conti con l'ingiustizia razziale, vediamo che le persone di colore costituiscono il 55% di quelle nel braccio della morte federale.” “La disparità razziale è particolarmente forte negli stati con più condanne a morte federali.” Oltre alle disparità razziali, i giudici hanno evidenziato che, "in modo schiacciante", i condannati a morte nel sistema federale "sono poveri, soffrono di malattie mentali e / o sono stati sottoposti a traumi negli anni dello sviluppo. In altre parole, la pena di morte federale non viene imposta ai "peggiori tra i peggiori". Invece, proprio come negli stati, viene applicata in modo parziale contro le popolazioni più vulnerabili". I pubblici ministeri hanno sollevato preoccupazioni simili e hanno anche messo in dubbio la decisione di spostare le già limitate risorse federali su procedure che comporteranno inevitabilmente costose azioni penali e ricorsi." “I casi di pena di morte sono estremamente costosi", hanno scritto, "richiedono molte più risorse umane e finanziarie rispetto ai casi in cui la pena di morte non viene perseguita. Ci sono domande ragionevoli sul fatto che queste risorse possano essere utilizzate meglio su altre priorità di sicurezza pubblica, come garantire che gli agenti delle forze dell'ordine in tutto il paese abbiano accesso alle attrezzature e alla tecnologia necessarie e espandere le unità dedicate alla risoluzione dei casi irrisolti". I pubblici ministeri hanno affermato di "essere profondamente preoccupati che il governo federale abbia intenzione di procedere con le esecuzioni nonostante le serie domande sull'equità e l'affidabilità del sistema che ha emesso le condanne". Hanno scritto: "Vi esortiamo a prevenire questa ingiustizia revocando le date delle esecuzione programmate e ordinando che non si effettuino esecuzioni federali fino a quando non sarà possibile completare una revisione completa del sistema".
(Fonti: The Washington Post, Reuters, 12/11/2019)

Centinaia di ex giudici statali e federali, pubblici ministeri, funzionari di polizia e penitenziari, e parenti delle vittime di omicidio hanno firmato una serie di lettere per sollecitare il governo federale a fermare le cinque esecuzioni federali previste per dicembre 2019 e gennaio 2020.

Altre news:
ASSOCIAZIONI DEGLI AVVOCATI EUROPEI: PREMIO PER I DIRITTI UMANI 2019 A QUATTRO AVVOCATI IRANIANI
SOMALIA: DUE AL SHABAAB CONDANNATI A MORTE PER TENTATA STRAGE
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
COREA DEL SUD: IMPUTATO SCHIZOFRENICO CONDANNATO A MORTE PER INCENDIO DOLOSO E OMICIDI
VIETNAM: 11 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
AFGHANISTAN: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: DONNA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA BAMBINA
CONVOCAZIONE DELL’VIII° CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO
BANGLADESH: SETTE CONDANNATI A MORTE PER L’ATTACCO CONTRO IL CAFFE’ A DHAKA
MALESIA: ASSOLTA AUSTRALIANA CHE ERA STATA CONDANNATA A MORTE PER DROGA
PAKISTAN: SEI CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO E DROGA
EGITTO: EX MILITARE CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
VIETNAM: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGHE
USA: SONDAGGIO GALLUP, PER LA PRIMA VOLTA LA MAGGIORANZA DEGLI AMERICANI PREFERISCE L’ERGASTOLO ALLA PENA CAPITALE
EGITTO: SETTE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE MEMBRO DI AL SHABAAB
PAKISTAN: EX BRIGADIERE IMPICCATO PER SPIONAGGIO
USA: UNA GIUDICE FEDERALE DI WASHINGTON FERMA LE ESECUZIONI FEDERALI
SINGAPORE: MALESE IMPICCATO PER TRAFFICO DI EROINA
EGITTO: INDIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALI: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN IMAM
ZAMBIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA NONNA
PAKISTAN: SETTE CONDANNATI A MORTE PER IL SEQUESTRO E OMICIDIO DI UN RAGAZZO
NIGERIA: NESSUN GOVERNATORE SOSTIENE LA PENA DI MORTE PER I DISCORSI DI ODIO
LA REPRESSIONE IN IRAN NON E’ SOLO DI QUESTI GIORNI, DURA DA 40 ANNI – di E. Zamparutti
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
THAILANDIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE DI CITTADINO SPAGNOLO
SIERRA LEONE: DICIOTTENNE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
TEXAS (USA): ESECUZIONE DI RODNEY REED RINVIATA A TEMPO INDETERMINATO
ARABIA SAUDITA: CONDANNATO A MORTE TERRORISTA DI DAESH

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits