Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: SONDAGGIO GALLUP, PER LA PRIMA VOLTA LA MAGGIORANZA DEGLI AMERICANI PREFERISCE L’ERGASTOLO ALLA PENA CAPITALE

26 novembre 2019:

Per la prima volta da quando Gallup ha iniziato a porre la domanda nel 1985, la maggioranza degli americani ora afferma che l'ergastolo è un approccio migliore per punire l'omicidio piuttosto che la pena di morte. La pena di morte rimane però preferita "a livello teorico". Non è la prima volta che un sondaggio dia questo risultato, ma è la prima volta che il "sorpasso" viene registrato da Gallup, che è una società di sondaggi particolarmente prestigiosa. Secondo il sondaggio sulla pena di morte di Gallup del 2019, il 60% degli americani a cui è stato chiesto se, per punire l’omicidio, fosse più opportuno l’ergastolo senza condizionale o la pena di morte, ha scelto l'opzione di ergastolo SC. Il 36% ha scelto la pena di morte. La risposta riflette uno spostamento di 15 punti percentuali nelle opinioni degli americani verso la pena capitale in soli cinque anni. Nel 2014, l'ultima volta che Gallup ha posto la domanda, il 50% aveva dichiarato di preferire la pena di morte, mentre il 45% aveva optato per l’ergastolo. "Questo è un cambiamento di opinione piuttosto vistoso", ha detto al Tulsa World il senior editor della Gallup Dr. Jeffrey Jones, che ha condotto il sondaggio. L’allontanamento dalla pena capitale ha superato la tradizionale divisione politica tra Repubblicani e Democratici, anche se la differenza tra i due schieramenti rimane pronunciata. Nella sua analisi, Jones ha scritto, “tutti i sottogruppi chiave mostrano maggior preferenza per l'ergastolo SC: 19 punti tra i Democratici, 16 punti tra gli Indipendenti e 10 punti tra i Repubblicani”. Gallup ha anche esaminato le opinioni degli americani sulla pena di morte in astratto, ponendo agli intervistati la domanda sì o no: "Sei favorevole alla pena di morte per una persona condannata per omicidio?" Per il secondo anno consecutivo, il 56% ha dichiarato di preferire la pena di morte, mentre quelli che si oppongono alla pena di morte aumentano di un punto percentuale al 42%. È stato il secondo livello più basso di supporto per la pena di morte in 47 anni, un punto sopra il 55% dell'ottobre 2017. Il sostegno alla pena capitale ha toccato l'80% nel 1994 ed era stato del 60% o superiore ogni anno dal 1976 al 2016. Invece il livello minimo di favore alla pena di morte era stato toccato nel marzo 1972, poco prima che la Corte Suprema degli Stati Uniti, con la sentenza Furman v. Georgia, dichiarasse incostituzionali le leggi capitali allora in vigore nei vari stati. Il sondaggio del 2019 ha mostrato un'ampia preferenza demografica per l’ergastolo SC. La maggioranza è stata raggiunta sia tra gli uomini che tra le donne, tra i bianchi e i non bianchi, tra tutte le età e livelli di istruzione. La maggioranza è particolarmente netta tra i non bianchi (72%), i giovani di età compresa tra 18 e 34 anni (68%), le donne (66%) e i laureati (65%). Per quanto riguarda le affiliazioni politiche, il 79% dei Democratici e il 60% degli Indipendenti ha scelto l’ergastolo senza condizionale come approccio migliore della pena di morte. Il 19% dei Democratici e il 35% degli Indipendenti ha preferito la pena di morte. Il 58% dei Repubblicani ha preferito la pena di morte, mentre il 38% ha preferito l’ergastolo SC. Quelli che si consideravano liberali o moderati preferivano l'opzione di ergastolo SC con ampi margini (rispettivamente dal 77% al 20% e dal 65% al 32%). I conservatori erano divisi, preferendo di poco la pena di morte, 51% contro 46%. Ci sono state differenze significative in ciascuna categoria demografica sulla questione del sostegno alla pena di morte “in astratto”. Il 62% degli uomini, ma solo il 50% delle donne ha dichiarato di essere favorevole alla pena di morte. Il 61% degli intervistati bianchi era a favore della pena capitale, mentre il 53% dei non bianchi era contrario. Una leggera maggioranza di giovani adulti, di età compresa tra 18 e 34 anni, si è dichiarata contraria alla pena di morte (50% -49%), mentre il 58% delle persone di età compresa tra 35 e 54 anni e il 59% di quelle di età superiore ai 55 anni erano favorevoli. I laureati si sono espressamente opposti alla pena di morte (51% -48%), mentre il 59% di coloro che hanno un'istruzione universitaria parziale o assente ha dichiarato di preferirla. Le opinioni sulla pena di morte variano ampiamente lungo le linee politiche e ideologiche. I Repubblicani sostengono fortemente la pena di morte, 80% contro 18%. Tuttavia, un quarto di quelli che si identificano come Conservatori dichiarano di essere contrari alla pena di morte, riflettendo la crescente opposizione alla pena capitale tra i Conservatori. I Democratici e quelli che si considerano Liberali sono contrari alla pena di morte (61% contro 39% e 65% contro 34%, rispettivamente), mentre gli Indipendenti e quelli che si identificano come Moderati sono favorevoli alla pena di morte 53% - 43%. Il calo di 24 punti percentuali del sostegno pubblico alla pena di morte coincide con un forte calo del numero di nuove condanne a morte emesse negli Stati Uniti. Le nuove condanne a morte sono diminuite dell'85% dalla metà degli anni '90, quando erano state comminate più di 300 nuove condanne a morte per tre anni consecutivi. Le esecuzioni annuali sono diminuite di circa il 75% da quando avevano raggiunto il picco di 98 nel 1999. Sia le condanne a morte che le esecuzioni sono diminuite della metà dall'inizio di questo decennio. Il sondaggio Gallup 2019 è stato realizzato in due tempi. Dall'1 al 13 ottobre, Gallup ha posto a un campione casuale di 1.526 americani la domanda se fossero a favore della pena di morte. Dal 14 al 31 ottobre, Gallup ha chiesto a un campione casuale di 1.506 americani quale dei due approcci alla punizione per omicidio ritenessero migliore. Nel 2018, Gallup aveva chiesto agli americani se ritenevano che la pena capitale fosse applicata in modo equo negli Stati Uniti. Per la prima volta da quando aveva iniziato a porre tale domanda nel 2000, meno della metà degli intervistati aveva dichiarato di ritenere che la pena di morte fosse stata applicata in modo equo. Gallup non ha incluso questa domanda nel sondaggio del 2019.

(Fonti: Gallup, Washington Post, Tulsa World, 25/11/2019)

Altre news:
SOMALIA: DUE AL SHABAAB CONDANNATI A MORTE PER TENTATA STRAGE
COREA DEL SUD: IMPUTATO SCHIZOFRENICO CONDANNATO A MORTE PER INCENDIO DOLOSO E OMICIDI
ASSOCIAZIONI DEGLI AVVOCATI EUROPEI: PREMIO PER I DIRITTI UMANI 2019 A QUATTRO AVVOCATI IRANIANI
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
AFGHANISTAN: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: DONNA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA BAMBINA
VIETNAM: 11 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
BANGLADESH: SETTE CONDANNATI A MORTE PER L’ATTACCO CONTRO IL CAFFE’ A DHAKA
MALESIA: ASSOLTA AUSTRALIANA CHE ERA STATA CONDANNATA A MORTE PER DROGA
PAKISTAN: SEI CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO E DROGA
CONVOCAZIONE DELL’VIII° CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO
EGITTO: EX MILITARE CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE MEMBRO DI AL SHABAAB
VIETNAM: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGHE
EGITTO: SETTE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
PAKISTAN: EX BRIGADIERE IMPICCATO PER SPIONAGGIO
USA: UNA GIUDICE FEDERALE DI WASHINGTON FERMA LE ESECUZIONI FEDERALI
SINGAPORE: MALESE IMPICCATO PER TRAFFICO DI EROINA
USA: EX GIUDICI STATALI E FEDERALI, PUBBLICI MINISTERI, FUNZIONARI DI POLIZIA E PARENTI DELLE VITTIME ESORTANO IL GOVERNO FEDERALE A SOSPENDERE LE ESECUZIONI
EGITTO: INDIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALI: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN IMAM
NIGERIA: NESSUN GOVERNATORE SOSTIENE LA PENA DI MORTE PER I DISCORSI DI ODIO
PAKISTAN: SETTE CONDANNATI A MORTE PER IL SEQUESTRO E OMICIDIO DI UN RAGAZZO
ZAMBIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA NONNA
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
THAILANDIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE DI CITTADINO SPAGNOLO
SIERRA LEONE: DICIOTTENNE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
LA REPRESSIONE IN IRAN NON E’ SOLO DI QUESTI GIORNI, DURA DA 40 ANNI – di E. Zamparutti
ARABIA SAUDITA: CONDANNATO A MORTE TERRORISTA DI DAESH
TEXAS (USA): ESECUZIONE DI RODNEY REED RINVIATA A TEMPO INDETERMINATO

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits