Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Sonia Sotomayor
USA - Sonia Sotomayor
USA - La battaglia solitaria di Sonia Sotomayor alla Corte Suprema

19 aprile 2021:

La battaglia solitaria di Sonia Sotomayor alla Corte Suprema per dare voce ai senza voce.
In 2 nuovi pareri, la giudice costituzionale* continua a fornire una po’ di conforto (a small grace) alle vittime di abusi incostituzionali ignorati dai suoi colleghi.
(* In realtà la Corte Suprema degli Stati Uniti formalmente sarebbe la “corte federale di più alto livello”, ma le sue funzioni sono più simili a quella che in Italia è la Corte Costituzionale, che non la Corte di Cassazione.)
Ogni anno, la Corte Suprema riceve circa 10.000 ricorsi, e accetta di discutere solo circa 80 casi. 4 giudici (sui 9 del plenum) devono votare perché un ricorso venga accettato per la discussione. Questo fa sì che migliaia di ricorsi vengono respinti senza una motivazione, senza un commento, lasciando che sia la decisione del tribunale di grado inferiore a costituire l’ultima parola. L'ingiustizia è al centro della torta: il desiderio della SCOTUS (Supreme Court of the United States) di una gestione ordinata della propria agenda significa che ci sono torti eclatanti che non vengono affrontati semplicemente perché 4 giudici non hanno il coraggio, la larghezza di banda o il desiderio di affrontarli. La maggioranza della corte sembra soddisfatta di questo stato di cose. Non Sonia Sotomayor. Negli ultimi anni, Sotomayor (66 anni, di origine ispanica, newyorkese del Bronx, nominata da Obama nel 2009) è emersa non solo come la coscienza della corte, ma come il cane da guardia della sua agenda. Scrive continuamente opinioni separate, in cui oltre motiva il proprio dissenso su quelli che considera casi di estrema crudeltà, illegalità e, sostanzialmente, ingiustizia. Il suo obiettivo sembra essere quello di sollecitare il pubblico a prestare attenzione alle ingiustizie non risolte dalla Corte Suprema.
Lunedì, la Corte Suprema ha respinto 2 casi, Brown v. Polk County e Whatley v. Warden, con fatti spaventosi, spingendo Sotomayor a scrivere separatamente su ciascuno di essi. Inizia con Brown. Nel 2017, Sharon Brown è stata arrestata per sospetto taccheggio nella contea di Polk, nel Wisconsin. Mentre si trovava nella prigione della contea, 2 detenuti l'hanno accusata di aver nascosto un pacchetto di metanfetamine in una cavità corporea. I funzionari della prigione hanno mandato Brown all'ospedale, dove un medico ha usato uno speculum per esaminare la sua vagina. Non ha trovato corpi estranei, ed ha pensato di inserire lo speculum nell'ano. La lampada frontale del dottore si è spenta, quindi Brown ha dovuto attendere, con lo speculum inserito, che il medico reperisse una torcia. Dopo diversi minuti, ha trovato la torcia e anche nel retto non ha trovato niente.
Brown ha citato in giudizio i funzionari della prigione per aver violato il quarto emendamento contro le perquisizioni irragionevoli. Ha sostenuto che la Costituzione richiede che gli agenti penitenziari ottengano un mandato basato su una causa probabile prima di perquisire le cavità del corpo di un detenuto in attesa di giudizio. (Va notato che i detenuti in attesa di giudizio come Brown non sono stati condannati, e legalmente sono innocenti.) I tribunali di grado inferiore si sono pronunciati contro di lei, sostenendo che per gli agenti fosse sufficiente un “ragionevole sospetto”. Brown ha presentato appello, insistendo che per condurre una perquisizione così invasiva su un detenuto in attesa di giudizio il semplice “ragionevole sospetto” non fosse sufficiente, e servisse un mandato.
SCOTUS ha respinto il caso senza commenti.
Sotomayor ha concordato con la decisione della corte di non accogliere il caso Brown, scrivendo che SCOTUS prima di intervenire dovrebbe attendere l’esito dei ricorsi pendenti presso le corti di grado inferiore. (Secondo una regola informale, la Corte Suprema lascia che le questioni legali "vengano filtrate" nei tribunali inferiori prima di emettere un verdetto.)
Fatto questo gesto di collegialità, tuttavia, Sotomayor ha riepilogato i fatti rivoltanti mettendo in evidenza il razzismo e il sessismo sistemici che gli si celano dietro. Ha citato ampiamente la testimonianza di Brown, osservando che, quando il medico ha rimosso lo speculum dal suo ano, ha detto: "Ho iniziato subito a piangere. Non riuscivo a smettere. Ho pianto fino ad addormentarmi. Ho pianto per tutto il viaggio di ritorno in prigione. Ho pianto per tutto il tempo in cui mi stavo rivestendo."
"Questo trauma ha lasciato Brown con ansia e depressione", ha scritto Sotomayor. “Ha dormito solo 3 ore a notte. Ha sperimentato flashback e temeva di lasciare la casa, terrorizzata che la polizia l'avrebbe fermata e rispedita in prigione. Quasi 2 anni dopo, Brown aveva ancora paura a rimanere sola in una stanza con un uomo. Anche suo fratello."
Sotomayor ha sottolineato che la prigione della contea di Polk ha una politica di credere ai detenuti che accusano un compagno di detenzione di nascondere droghe ed eseguono automaticamente perquisizioni di cavità su questi individui. "Un'accusa non verificata da uno sconosciuto con motivi sconosciuti potrebbe mandare chiunque in ospedale per una perquisizione intima, proprio come Brown", ha scritto. Nel frattempo, "quasi chiunque può essere arrestato per qualcosa" grazie alla drammatica espansione delle leggi penali. «Una cintura di sicurezza slacciata, una marmitta rumorosa, un cane senza guinzaglio: uno qualsiasi degli innumerevoli piccoli reati potrebbe farti finire in prigione.
"Le persone di colore sopportano in modo sproporzionato questi fardelli", ha continuato Sotomayor. “Brown è un membro della Fond du Lac Band del Lago Superiore Chippewa. I nativi americani sono ampiamente sovrarappresentati nelle carceri del Wisconsin ". E, citando una memoria “amicus curiae” allegata al caso, Sotomayor ha sottolineato che le donne native americane "subiscono violenza sessuale a tassi più elevati rispetto a qualsiasi altra popolazione negli Stati Uniti", il che significa che "le ricerche non consensuali della cavità corporea hanno maggiori probabilità di traumatizzare e ritraumatizzare "queste donne" e le loro comunità." (La giudice da lungo tempo presta molta attenzione a due caratteristiche che si riscontrano nei confronti delle minoranze razziali: lo “overpolicing” (presenza e interventi eccessivi della polizia) e la ipercriminalizzazione.)
L'opinione di Sotomayor avrà effetto? Sul pubblico, certamente: ha già attirato l'attenzione (e il disprezzo) sulle odiose politiche di un'oscura prigione di contea, nonché sui loro effetti "degradanti" e "disumanizzanti" sui detenuti. Ma ha anche emesso un avvertimento ai tribunali inferiori: le carceri devono considerare metodi "meno offensivi" e "invasivi" prima di ricorrere a una perquisizione intima. "I tribunali di grado inferiore non hanno considerato tali alternative prima di ritenere che il solo ragionevole sospetto giustifichi questa degradante ricerca nella vagina e nell'ano di Brown", ha ammonito. "I tribunali futuri presumibilmente non faranno lo stesso". Traduzione: giudici delle corti inferiori, non fatelo più.
Le opinioni di Sotomayor danno voce a coloro che sono schiacciati dagli ingranaggi della giustizia penale.
L'altra opinione di Sotomayor lunedì, Whatley v. Warden, è stata un dissenso totale. I fatti del caso sono sbalorditivi. Dopo che una giuria in Georgia ha ritenuto Frederick R. Whatley colpevole di omicidio, il processo è passato alla seconda fase, quella in cui si stabilisce l’entità della pena, e la giuria popolare avrebbe deciso se emettere una condanna a morte. La Corte Suprema ha stabilito che il giusto processo vieta l'inutile e vistoso incatenamento degli imputati durante questa fase del processo perché influenza negativamente la giuria. Eppure l'avvocato di Whatley non è intervenuto, ed ha lasciato che l’imputato si trascinasse fino alla sbarra, dove ha testimoniato per diverse ore, con le catene chiaramente visibili alla giuria. Il pubblico ministero ha quindi ordinato a Whatley di ricostruire il presunto omicidio usando una pistola giocattolo, e nel contempo affiancava ai gesti un commento-telecronaca. ("Voglio che tu punti la pistola contro di me proprio come hai fatto con lui quel giorno.")
Così Sotomayor ha riassunto il caso: "Le catene di Whatley tintinnavano e strusciavano ad ogni mossa, ricordando costantemente alla giuria che la corte apparentemente riteneva che l’imputato avrebbe potuto fare ben altro se fosse stato lasciato senza restrizioni." Eppure il suo difensore ha permesso che tutto questo avvenisse senza obiezioni.
Non sorprende che la giuria abbia condannato a morte Whatley. Il quale ha in seguito sostenuto di non aver ricevuto quella “adeguata assistenza legale” che è prevista dal Sesto Emendamento perché il suo avvocato non si è opposto al suo vistoso incatenamento, anche durante la bizzarra "rievocazione". Ogni tribunale di grado inferiore si è pronunciato contro di lui e la Corte Suprema ha respinto il suo ricorso senza commenti. Sotomayor ha dissentito, scrivendo che avrebbe ordinato una nuova udienza di condanna per Whatley. “Le catene dipingono un imputato come una minaccia immediata. I giurati di fronte a un imputato in catene troveranno più difficile considerare l'imputato nel suo insieme e valutare in modo imparziale le prove attenuanti. Se i giurati pensano che un imputato non sia in grado di controllarsi nemmeno durante il suo processo, è improbabile che si “fidino” di condannarlo all’ergastolo senza condizionale... Le catene di Whatley, fresche nella mente della giuria dallo spettacolo del pomeriggio precedente, hanno corroborato con forza l'argomentazione del pubblico ministero per una condanna a morte. È difficile immaginare un esempio più pregiudizievole di uso inutile dei mezzi di restrizione.”
Parole potenti, ma Sotomayor non è riuscita a convincere nemmeno i colleghi giudici “liberal” Stephen Breyer ed Elena Kagan a unirsi al suo dissenso. Forse non è questo il punto. Opinioni come questa danno voce a chi è stritolato dagli ingranaggi della giustizia penale. L’eco delle sue opinioni, per lo più in dissenso, e solitarie, risuona in casi che toccano la brutalità della polizia, la pena di morte, la condotta scorretta del pubblico ministero, procedure giudiziarie altamente discutibili o addirittura corrotte, le condizioni carcerarie durante il COVID, e i diritti di chi chiede un’attenuazione della pena o clemenza.
Alla fine di quella che negli Stati Uniti è stata chiamata “la frenesia di esecuzioni di Donald Trump”, Sotomayor ha pubblicato un dissenso che ricordava il nome di ogni individuo messo a morte dall'amministrazione, come fosse una testimonianza. A gennaio, Sotomayor ha persino tirato fuori dal mucchio dei ricorsi un'oscura petizione di un immigrato malato di mente che rischiava la deportazione ad Haiti, dove rischiava di essere torturato. Ha rimproverato i suoi colleghi per aver permesso al governo di estradare l'immigrato mentre era ancora pendente il ricorso contro l’ordine di allontanamento, negandogli "la piccola grazia" a cui "ha diritto legalmente".
Forse una "piccola grazia" è ciò che Sotomayor cerca di fornire anche in queste opinioni. Sa di non aver convinto altri tre giudici, per non parlare della maggioranza della corte, a venire dalla sua parte. Sa che i pubblici ministeri, le forze dell'ordine e i tribunali di grado inferiore potrebbero semplicemente ignorare i suoi severi avvertimenti. Ma li scrive comunque, perché crede che sia importante mettere a verbale gli abusi incostituzionali che le persone senza voce affrontano ogni giorno negli Stati Uniti. Con questa corte estremamente conservatrice, potrebbe essere il massimo che lei, o chiunque di noi, possa sperare.

https://slate.com/news-and-politics/2021/04/sonia-sotomayor-supreme-court-injustice-body-cavity-dissent.html

(Fonti: slate.com)

Altre news:
IRAQ: CONDANNA A MORTE CONFERMATA NELLA REGIONE CURDA
ESECUZIONI PER DROGA DIMINUITE NEL MONDO DEL 75% NEL 2020
SINGAPORE: ONG PRODUCE CANZONE SCRITTA DA CONDANNATO A MORTE MALESE
IRAN - Il caso irrisolto del Volo 752 abbattuto dagli iraniani
CONSIGLIO D’EUROPA: RACCOMANDAZIONE CONTRO IL COMMERCIO DI STRUMENTI USATI PER LA PENA DI MORTE O LA TORTURA
IRAN - Le torture e le umiliazioni subite da Ali Younesi
STORIA DELL’ALBERO MARULA, DA FORCA A MONUMENTO ALL’ECCIDIO DELLO ZIMBABWE
VERITÀ PER MIMMO D’INNOCENZO, GIOVANE MORTO DA SOLO IN CELLA
ERGASTOLO OSTATIVO: NESSUNO TOCCHI CAINO, UN ALTRO PASSO VERSO IL DIRITTO ALLA SPERANZA
USA - 24 senatori esortano Biden a chiudere Guantánamo
ERGASTOLO OSTATIVO: NESSUNO TOCCHI CAINO, UN ALTRO PASSO VERSO IL DIRITTO ALLA SPERANZA
TAIWAN: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER INCENDIO CHE PROVOCO’ NOVE MORTI
USA - Arizona. Lo stato ha speso un milione e mezzo di dollari per i farmaci letali
IRAN - Djalali è uscito dall'isolamento
MYANMAR: TRA LE 19 PERSONE CONDANNATE A MORTE CE N’È UNA CHE SOFFRE DI DISTURBI MENTALI
MYANMAR: ALTRE SETTE PERSONE CONDANNATE A MORTE DALLA CORTE MARZIALE
USA - Texas. Annullata la condanna a morte di Raymond Riles
IRAN - La condanna a morte di Arsalan Khodkam commutata in ergastolo
EMIRATI ARABI UNITI: OMICIDA EVITA L’ESECUZIONE GRAZIE AL PREZZO DEL SANGUE
USA - Tennessee. Commissioni approvano disegno di legge sulla disabilità intellettuale
IRAN - Sohrab Masgari giustiziato il 13 aprile
PAKISTAN: UOMO E SUO FIGLIO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
USA - Nevada. La Camera abroga la pena di morte
IRAN - Giustiziati 3 uomini, Merhdad Jalali, Mohsen Madavian e Ramezan Ali Shahroodi
IRAN - Arsalan Moradi giustiziato il 13 aprile nella prigione di Birjand
IRAN - Arsalan Zare giustiziato nella prigione di Shiraz il 12 aprile
IRAN - Mohsen Mahdavian giustiziato nella prigione di Karaj il 12 aprile
IRAN - Hossein Ramezani giustiziato il 12 aprile
IRAN - Ghorban Karimi giustiziato l 12 aprile

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits