Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - 5 sentenced to death
IRAN - 5 sentenced to death
IRAN - Informazioni su 5 condannati a morte per le proteste

30 dicembre 2022:

IRAN

Informazioni su 5 condannati a morte per le proteste
Attore, medico, ingegnere: storie di iraniani condannati a morte per un’uccisione durante le proteste.
Cinque uomini apparentemente scollegati tra di loro sono stati probabilmente costretti a rendere false confessioni
Un attore, un radiologo, un impiegato di un'azienda avicola, un campione di karate, un ingegnere: sono cinque uomini condannati a morte in Iran per presunti reati legati alle proteste contro il regime. Le accuse sollevate contro di loro includevano l'omicidio. Con le udienze tenute in gran parte in segreto, i loro processi sono stati ampiamente condannati come una farsa.
Dovrebbero essere giustiziati in relazione all'uccisione di un agente delle temute forze paramilitari del paese, i Basij. Il tribunale afferma che Ruhollah Ajamian, 27 anni, è stato denudato e assassinato il 3 novembre. Ma le circostanze della morte di Ajamian sono opache. Il presunto attacco è avvenuto durante una protesta per commemorare un manifestante, Hadis Najafi, che era stato ucciso dalle forze di sicurezza durante una manifestazione che chiedeva diritti per le donne.
Teheran ha represso con la forza le proteste pacifiche scoppiate a settembre e i gruppi per i diritti accusano le unità filo-regime di aver ucciso centinaia di manifestanti disarmati. I funzionari cercano di ritrarre i raduni come violenti "rivolte" in cui sono state arruolate le forze di sicurezza.
Le informazioni verificate sono scarse. Le autorità hanno fatto fortissime pressioni per mettere a tacere le famiglie e gli amici di coloro che si trovavano nel braccio della morte, mettendoli in guardia dal parlare apertamente. Ma alcuni pensano che stare zitti potrebbe essere peggio.
The Guardian ha parlato con le famiglie e gli amici di tutti e cinque gli uomini accusati di aver ucciso Ajamian. Le loro testimonianze suggeriscono che i cinque - nessuno dei quali sembra si conoscesse – sono stati verosimilmente costretti a rendere false confessioni.
Hamid Ghare-Hasanlou, 53 anni
Il dottor Hamid Ghare-Hasanlou, un radiologo di Karaj, è stato accusato nel caso Ajamian di "corruzione sulla terra", un termine usato dai tribunali della Repubblica islamica. Sua moglie, Farzaneh, è stata condannata a 25 anni di carcere. Amnesty International ha affermato che Farzaneh è stata costretta a rilasciare false dichiarazioni incriminanti contro suo marito.
Il fratello di Ghare-Hasanlou, Hasan, ha detto che suo fratello e sua cognata avevano protestato pacificamente e sono stati arrestati dalla polizia alle 2 del mattino del giorno successivo. "Li hanno arrestati e hanno picchiato Hamid davanti alla loro figlia di 13 anni", ha detto Hasan. “Adesso è traumatizzata, e con quello che è successo in queste settimane e la condanna a morte di suo padre, non è in buone condizioni mentali. In poche ore la loro vita è completamente cambiata.
“Sappiamo che è stato torturato anche in custodia. Ha cinque costole rotte per le torture per costringerlo a confessare ciò che non aveva fatto. Il polmone sinistro è perforato e ha iniziato a sanguinare. Hanno tardato a portarlo in ospedale, quindi si è formato un coagulo di sangue nel suo polmone”.
Parlando a condizione di anonimato, un caro amico di Ghare-Hasanlou ha detto: “Al momento dell’arresto, davanti a sua figlia, gli hanno messo un coltello sotto la gola. Hanno minacciato sua figlia che avrebbero ucciso i suoi genitori se avesse raccontato a qualcuno quello che era successo prima dell'alba. Hanno anche un figlio che studia all'università di medicina. Ha 20 anni ed è in fuga, passando da una casa sicura all'altra in modo che non lo arrestino per fare più pressione sui suoi genitori.
Mohammad Mehdi Karami, 22 anni
«Sono un venditore ambulante. Vendo cose per strada”, ha detto sconvolto Mashallah Karami, il padre del 22enne Mehdi Karami, un altro degli accusati. Stava parlando in un video diffuso dal quotidiano riformista Etemad, chiedendo alle autorità di liberare suo figlio. "Chiedo e supplico di rimuovere la pena di morte dal fascicolo di mio figlio".
Karami, un campione di karate, era stato condannato per “corruzione sulla terra” da un tribunale della provincia di Alborz il 5 dicembre. Oltre alle cinque persone condannate a morte per presunta uccisione di Ajamian, altre 11 persone hanno ricevuto pene detentive. I gruppi iraniani per i diritti umani e Amnesty International lo hanno liquidato come un processo farsa, affermando che il tribunale non ha nemmeno specificato il presunto ruolo che avrebbero avuto i singoli imputati.
Nell’articolo di Etemad il padre ha detto che non è stato consentito alla famiglia di nominare un avvocato di fiducia.
Hossein Mohammadi, 26 anni
Anche Hossein Mohammadi, attore di teatro, è stato condannato nel caso Ajamian. "La sua famiglia e gli amici intimi hanno deciso di annunciare pubblicamente la sua condanna a morte cinque giorni dopo averne saputo", ha detto al Guardian un caro amico di Mohammadi. Hanno impiegato così tanto tempo, ha detto la persona, perché "avevano paura di parlarne pubblicamente" dopo che gli avvocati d’ufficio nominati dal governo li avevano messi in guardia, dicendo che avrebbe potuto influire negativamente sul suo caso.
Mohammadi ama l'astronomia e Interstellar è il suo film preferito, ha detto l'amico. "Hossein è una persona molto emotiva e adora recitare", ha detto l'amico. "Non ci sono molti soldi nella recitazione teatrale, quindi per sbarcare il lunario ha lavorato in un ufficio postale".
Seyyed Mohammad Hosseini, 39 anni
Impiegato di un'azienda avicola, Mohammad Hosseini era in viaggio per rendere omaggio ai suoi defunti genitori presso le loro tombe il 3 novembre. Si è imbattuto in un folto gruppo di manifestanti che stavano marciando in memoria di Najafi, ha detto un caro amico.
La fonte ha detto che Seyyed ha combattuto problemi di salute mentale da quando i suoi genitori sono morti circa 15 anni fa. È l'unico capofamiglia, con la responsabilità di provvedere a suo fratello, che ha una tossicodipendenza.
“Seyyed voleva andare alla tomba dei suoi genitori come faceva sempre il giovedì sera. Poi sabato non è venuto a lavorare, e credo che lunedì lo abbiamo visto alla tv di stato”, ha raccontato l'amico.
La magistratura iraniana ha affermato che Mohammad Hosseini ha confessato di aver accoltellato Ajamian. “Seyyed è un uomo tranquillo e di buon carattere, amato da molti. Non riusciva nemmeno a stare in piedi prima di prendere 7-8 pillole al giorno per l'ansia. Quei coltelli che aveva portato quel giorno erano per lo sport poiché era un insegnante di arti marziali… dava lezioni ai bambini gratuitamente. Seyyed non ha nessuno in questo mondo e guadagna solo circa $ 190 al mese.
Il caso di Mohammad Hosseini è stato seguito da vicino dalla diaspora iraniana. Darya Safai, parlamentare belga di origine iraniana, ha annunciato la “sponsorizzazione politica” di Mohammad Hosseini, seguendo personalmente il suo caso.
Ex prigioniera politica che è stata arrestata e imprigionata in Iran durante le proteste del 1999, Safai ha detto di essere fortemente interessata al caso. “So che un prigioniero continua a pensare ‘il mondo esterno si dimenticherà di me’. Sento che è una responsabilità per noi sostenere questi prigionieri ", ha detto. “L'ho scelto per poter essere la sua famiglia. Spero che sappia che ora ha una grande famiglia nel mondo”.
Un avvocato indipendente, Ali Sharifzadeh Ardakani, non è stato autorizzato a difendere Mohammad Hosseini, ma ha studiato il caso e ha cercato di aiutarlo. Ha detto su Twitter che gli è stato permesso di incontrare Mohammad Hosseini. “La sua storia è stata devastante: dalla tortura al pestaggio con gli occhi chiusi e mani e piedi legati, ai calci in testa fino al punto di svenire. Dalle verghe di ferro usate per picchiarlo sulla pianta dei piedi e botte in diverse parti del corpo. Le dichiarazioni usate in tribunale sono state rese sotto tortura e non hanno basi legali", ha detto.
Il giudice capo della provincia di Alborz, Hossein Fazeli Harikandi, ha negato le accuse di tortura.
Reza Aria, 43 anni
Reza Arya non è stato ufficialmente annunciato come la quinta persona ad aver ricevuto una condanna a morte in relazione al caso Ajamian, ma un parente stretto ha detto al Guardian che lo è.
Il parente ha detto che Arya era impiegato presso l’azienza elettrica statale, e che la sua famiglia ama la musica. Arya suona il santoor a corde, mentre suo figlio e sua moglie suonano la batteria.
Arya stava guidando per visitare i parenti il giorno della protesta, ha detto la fonte. “Il traffico intenso ha bloccato la strada, quindi Reza è sceso dall'auto per vedere cosa stava succedendo. Questo assembramento si era formato attorno al punto dove era stato ucciso l’agente, ma quando Reza è sopraggiunto, era già tutto accaduto.»
Alireza Akhondi, un parlamentare svedese di origine iraniana, ha sponsorizzato il caso di Arya. "In questa difficile situazione e nell'oppressione che il popolo iraniano sta affrontando negli ultimi 43 anni, è davvero importante che facciamo tutto il possibile per queste persone", ha affermato. "Queste esecuzioni non si basano su nulla".
Akhondi ha affermato che i tentativi di comunicare con i funzionari iraniani in merito al caso sono falliti. “Vogliono dimostrare che a loro non importa… Stanno giocando a giochi politici che sono troppo familiari per noi politici. È evidente che il regime è spaventato. Penso che questa sia la prima volta che il regime si accorge che la situazione è molto grave”.
Il parente ha detto che Arya è stato arrestato sul posto di lavoro due settimane dopo il presunto crimine e che ora era in isolamento. Gli era stato permesso di chiamare la sua famiglia dal carcere solo per dire che sarebbe stato giustiziato.
“I bambini non vanno più a scuola”, ha detto il parente. “I suoi poveri genitori sono entrambi molto anziani e religiosi. Continuano a piangere ogni giorno. Hanno detto che se viene giustiziato, perderanno tutta la loro fede nell'Islam".

https://deathpenaltynews.blogspot.com/2022/12/iran-actor-doctor-engineer-stories-of.html
Actor, doctor, engineer: stories of Iranians sentenced to death over killing at protest | Global development | The Guardian

(Fonte: The Guardian)

Altre news:
MILANO: LABORATORIO E CONSIGLIO DIRETTIVO DI NTC NEL CARCERE DI OPERA
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE MILIZIANO AL-SHABAAB
IRAN - Yousef Mirza-Beigi giustiziato a Qazvin il 15 dicembre
IRAN - Sonia Sharifi, 17 anni, rischia la pena di morte
IRAN - Ahmad Shariati giustiziato a Kerman “a metà dicembre”
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER STUPRO E DUPLICE OMICIDIO
MYANMAR: TRIBUNALE MILITARE EMETTE TRE CONDANNE CAPITALI
IRAN - Mehdi Khoshbakht e Hamed Nobakht giustiziati ad Hamadan il 14 dicembre
IRAN - L'ONU espelle l'Iran dall'organismo per i diritti delle donne
IRAN - Cinque uomini non identificati giustiziati a Rajai-Shahr il 14 dicembre
KUWAIT: STALKER CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA
USA - Nevada. Il governatore Sisolak vorrebbe commutare tutte le condanne a morte
USA - Mississippi. Thomas Edwin Loden, 58 anni, bianco, è stato giustiziato
TAIWAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMESSO CHE GLI AVEVA CHIESTO DI INDOSSARE LA MASCHERINA
TASK FORCE MINISTERO ESTERI - SOCIETÀ CIVILE IN VISTA DEL VOTO ALL’ONU SULLA MORATORIA
IRAN - Reza Tajik giustiziato a Karaj il 14 dicembre
NIGERIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA STUDENTESSA UNIVERSITARIA
IRAN - 4 baluchi giustiziati il 10 dicembre
USA - Oregon. La governatrice Kate Brown ha commutato tutte le 17 condanne a morte dello stato
IRAN - Cinque manifestanti in attesa di esecuzione a Karaj
ETIOPIA: AGENTE DI POLIZIA FEDERALE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - 5 uomini giustiziati ad Arak il 12 dicembre
IRAN - Payam Nourollahi giustiziato a Gorgan il 12 dicembre
IRAN - Isa Narouei giustiziato a Zahedan il 12 dicembre
IRAN - Vahid Narouei giustiziato a Shiraz il 12 dicembre
IRAN - Asghar Alizadeh ed Ebrahim Broujerdi giustiziati a Khorramabad il 12 dicembre
IRAN - Abbas Hosseini e Ali Seyyedkhani giustiziati a Qazvin il 12 dicembre
IRAN - Majidreza Rahnavard giustiziato in pubblico a Mashhad il 12 dicembre
IRAN - Hassan Ghasemizadeh giustiziato a Taybad l'11 dicembre
MACCHÉ RIEDUCAZIONE, LIBERATE SUBITO QUEI VECCHIETTI!

[<< Prec] 1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits