Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Plos One
USA - Plos One
USA - Perché le condanne a morte sono concentrate in pochissime contee

1 maggio 2021:

Un nuovo studio spiega perché la maggior parte delle condanne a morte sono concentrate in pochissime contee.
“Learning to kill: Why a small handful of counties generates the bulk of US death sentences”, appena pubblicato su PLOS One, fa luce sul perché la distribuzione geografica delle condanne a morte negli Stati Uniti sia raggruppata in poche giurisdizioni. I risultati indicano che la storia legale e razziale di una contea gioca un ruolo più importante del tasso di omicidi.
"Sono uno scienziato sociale quantitativo e lavoro nel campo della pena di morte da quando ho pubblicato un libro su come vengono inquadrate le argomentazioni sulla pena di morte e sull'impatto della 'cornice dell'innocenza' sull'opinione pubblica", ha detto l'autore dello studio Frank R. Baumgartner, professore di scienze politiche alla UNC (University of North Carolina at Chapel Hill).
Il suo libro, The Decline of the Death Penalty and the Discovery of Innocence” (“Il declino della pena di morte e la scoperta dell'innocenza”, mai tradotto in italiano) è stato pubblicato nel 2008.
"Da allora, ho continuato con vari studi sulla pena di morte e ho costruito un database di tutte le persone giustiziate negli Stati Uniti, inclusa la contea da cui è derivato il caso", ha spiegato Baumgartner. “Una ricorrenza scioccante è che un grandissimo numero di casi sono concentrati in poche contee. Questo era evidente nei miei dati, ma era anche un fatto già noto a coloro che studiavano la materia da prima di me, non è stata una nuova scoperta”
Per il loro ultimo studio, Baumgartner e i suoi colleghi hanno esaminato fattori come la popolazione delle contee, il numero di omicidi, la proporzione tra popolazione e omicidi, ossia il cosiddetto “tasso di omicidi, e altri dati, come il complessivo tasso di “criminalità violenta”, di crimini contro la proprietà, i tassi di povertà, la quota relativa di popolazione non bianca e la storia dei linciaggi.
Ma hanno trovato una relazione sorprendentemente debole tra il numero di omicidi in una contea e il numero di condanne a morte.
Invece, il miglior predittore di condanne a morte era il numero di condanne a morte che una contea aveva inflitto precedentemente. In altre parole, ogni condanna a morte rendeva più probabile un'altra condanna a morte. "I dati sono coerenti con un'ipotesi di ‘apprendimento’, in cui ogni volta che si verifica un evento, si riduce il lasso di tempo prima che si verifichi un evento simile", ha detto Baumgartner a PsyPost. “L'uso più comune di tali modelli è nell'analisi di eventi tipo gli attacchi di cuore o le convulsioni cerebrali. Dato un insieme sottostante di fattori di rischio, avere un attacco di cuore rende più probabile un secondo. Abbiamo utilizzato queste tecniche statistiche e abbiamo dimostrato che un processo simile si è verificato per le contee degli Stati Uniti".
I risultati sono in linea con precedenti ricerche di Baumgartner, che hanno analizzato esecuzioni e condanne a morte.
"Ci sono state circa 9.000 condanne a morte negli Stati Uniti dal 1972, e circa 1.500 esecuzioni. I risultati sono molto netti per quanto riguarda le condanne a morte, anche più forti che nelle mie ricerche precedenti. Quindi il nostro punto non era identificare qualcosa di nuovo; era già nota l'elevata concentrazione dell'uso della pena di morte in poche giurisdizioni. Piuttosto, abbiamo esplorato da dove proviene: l'apprendimento. In alcune contee il meccanismo si roda molto bene, in altre non si avvia mai". Lo studio fornisce la prova che "la pena di morte non viene applicata in modo coerente", ha detto Baumgartner a PsyPost.
"Anche all'interno dello stesso stato, ci sono forti differenze nelle probabilità che un crimine con determinate caratteristiche porti a una condanna a morte", ha detto. “Un fattore chiave è la casualità. È assolutamente lasciato a serie di combinazioni o coincidenza se alcune contee diventano efficienti dispensatrici di condanne a morte, e altre no. Ciò non è coerente con la Costituzione degli Stati Uniti, che garantisce, per il cittadino, "pari protezione davanti alla legge".
I ricercatori hanno anche trovato prove che le dinamiche razziali hanno un ruolo.
“Nella misura in cui, oltre l'aspetto dell'apprendimento, abbiamo potuto individuare delle ricorrenze, abbiamo trovato due modelli principali, uno di minore interesse ma uno molto preoccupante. Il primo è la dimensione della popolazione; contee più grandi hanno più condanne a morte. Non è così interessante, ma è una cosa importante da tenere a mente e da avere come controllo statistico. In pratica, la popolosità di una contea ha una relazione più stretta con e condanne a morte di quanta non ne abbia il numero di omicidi. È piuttosto interessante".
Ben più preoccupante è il ruolo che sembrano avere le dinamiche razziali. “Abbiamo scoperto che la storia di una contea con i linciaggi dell'era di Jim Crow ha ancora un evidente impatto statistico sulle probabilità che un reato porti a una condanna a morte. Quindi possiamo dire che la pena di morte dipende più dalla tradizione razzista, dalle dimensioni della popolazione, da molta casualità e dal pattern dell’apprendimento che non da fattori in qualche modo più ragionevoli, come ad esempio il tasso di omicidi. Sono questi i fattori che sottostanno alle forti disomogeneità territoriali della pena di morte."
Ma lo studio, come tutte le ricerche, include alcuni avvertimenti.
"Penso che abbiamo fatto un buon lavoro nello spiegare la concentrazione dei casi in un piccolo numero di giurisdizioni", ha detto Baumgartner. “Allo stesso tempo, ci sono tendenze complicate, più generali, sia pro che contro l'uso della pena di morte nel tempo, e queste influenzano l'intera nazione. Ad esempio, le condanne a morte sono diventate più comuni nel periodo dal 1976 fino al 1996 circa, e da allora sono diminuite".
"Inoltre ci sarà da valutare cause ed effetti del fatto che in alcune contee “calde” per la pena di morte, siano recentemente stati eletti dei procuratori distrettuali “progressisti”. I nuovi procuratori di Houston, Filadelfia, e Atlanta (e rispettive contee) hanno completamente sospeso l'uso della pena di morte. Quindi le tendenze che descriviamo non sono scolpite nella pietra e ci sono anche altri fattori che contano".
"La professione legale non è tipicamente molto interessata a modelli statistici sofisticati", ha aggiunto Baumgartner. “Per coloro che conoscono bene i numeri, penso che il nostro modello di eventi ripetuti sarà molto convincente e dimostrerà che in alcune zone è veramente difficile parlare di “pari protezione davanti alla legge. Se poi la Corte Suprema degli Stati Uniti se ne renderà conto, questa è un'altra questione!
Lo studio, "Imparare a uccidere: perché una piccola manciata di contee genera la maggior parte delle condanne a morte negli Stati Uniti", è stato scritto da Frank R. Baumgartner, Janet M. Box-Steffensmeier, Benjamin W. Campbell, Christian Caron e Hailey Sherman.
Nessuno tocchi Caino ha più volte riferito di diversi studi del professor Baumgartner incentrati su vari aspetti della pena di morte: 18 aprile 2011 "The Death Penalty in North Carolina: A Summary of the Data and Scientific Studies"; 16 luglio 2015 "The impact of race, gender and geography on Missouri executions"; 20 settembre 2015 "Race-Of-Victim Discrepancies in Homicides and Executions, Louisiana 1976-2015”; 28 gennaio 2016 "The Impact of Race, Gender, and Geography on Ohio Executions”; 28 aprile 2016 "Louisiana Death Sentenced Cases and Their Reversals, 1976-2015", e 3 aprile 2017 “Deadly Justice: A Statistical Portrait of the Death Penalty”.

https://www.psypost.org/2021/05/new-study-explains-why-a-few-counties-generate-most-of-the-death-sentences-in-the-united-states-60317
https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0240401

(Fonte: psypost.org, 01/05/2021)

Altre news:
PAKISTAN: DUE RELIGIOSI CONDANNATI A MORTE PER IL SEQUESTRO E OMICIDIO DI UNO STUDENTE
ARABIA SAUDITA: GIOVANE SCIITA GIUSTIZIATO PER AVER PARTECIPATO A RIVOLTA ANTI-GOVERNATIVA
IRAQ: MEMBRO DI AL-QAEDA CONDANNATO A MORTE
SOMALIA: 17 MEMBRI DI AL-SHABAAB CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND
USA - Esitazioni e contraddizioni di Biden sulla pena di morte
USA - Alabama. "Quasi pronti a giustiziare con l'azoto"
INDIA: 10 CONDANNATI A MORTE IN BIHAR PER L’OMICIDIO DI UN UOMO D’AFFARI
EGITTO: CONDANNE A MORTE DEFINITIVE PER 12 MEMBRI DELLA FRATELLANZA MUSULMANA
USA - Atei e agnostici fortemente più contrari alla pena di morte rispetto ai "religiosi"
BIELORUSSIA: ‘PROBABILMENTE GIUSTIZIATO’ IL PRIGIONIERO DEL BRACCIO DELLA MORTE VIKTAR PAULAU
BOTSWANA: IMPICCATO PER GLI OMICIDI DELLA FIDANZATA E DEL FIGLIO
ETIOPIA: RAGAZZO GIUSTIZIATO IN PUBBLICO IN OROMIA
IL PERDONO DI UN PADRE FERMA IL BOIA: ASSASSINO GRAZIATO IN ARABIA SAUDITA
INDIA: OFFERTA DI LAVORO PER L’UOMO SALVATO DALL’ESECUZIONE NEGLI EAU
OPERAZIONE ‘SPES CONTRA SPEM’, LA DDA USURPA LE PAROLE DI SAN PAOLO
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DI UNA RAGAZZA DISABILE
GAZA: UNA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
USA - Secondo messaggio di Gerald Marshall
IRAN - Legge contro i "cittadini giornalisti"
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato il 9 giugno
TUNISIA: UOMO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN POLIZIOTTO
ZAMBIA: INSEGNANTE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA EX MOGLIE
USA - Texas. Raymond Riles condannato all’ergastolo
COREA DEL NORD: KIM JONG-UN VIETA JEANS E FILM STRANIERI, PENA I CAMPI DI LAVORO E LA MORTE
REGNO UNITO: FAMILIARI DI DUE CONDANNATI A MORTE IN ARABIA SAUDITA CHIEDONO INTERVENTO DI RAAB
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DEL FIGLIO DI 10 ANNI
COREA DEL NORD: FUNZIONARI GIUSTIZIATI PER ORDINE DELLA SORELLA DI KIM JONG UN
IRAN - Sasan Niknafas, attivista civile, morto in carcere
ITALIA - 100 libri donati alla Casa Circondariale di Lecce
IRAN - Shahin Mirkhani giustiziato nella prigione di Shirvan il 6 giugno

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits