Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

I GIUDICI HANNO CONDANNATO L’ERGASTOLO, ORA VA ABOLITO

19 giugno 2021:

Matteo Zamboni su Il Riformista del 18 giugno 2021

Il 7 giugno si è aperta dinnanzi al Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europea a Strasburgo la procedura di supervisione dell’esecuzione della sentenza Viola contro Italia del giugno 2019, con la quale la Corte europea dei Diritti dell’Uomo ha sancito che l’ergastolo ostativo viola l’articolo 3 della Convenzione. Abilitato a monitorare lo stato della sua applicazione in concreto, Nessuno tocchi Caino ha inviato aggiornamenti al Comitato, risposto al piano presentato dal (precedente) Governo italiano, sollecitato l’apertura di un dibattito pubblico sulle possibili alternative al regime del carcere ostativo, chiesto al Parlamento di calendarizzare un progetto di riforma dell’art. 4-bis dell’ordinamento penitenziario.
Non è un caso che sia la CEDU sia la Corte costituzionale abbiano demandato al Parlamento il compito di elaborare una riforma dell’art. 4-bis in grado di superare la equiparazione fra collaborazione e ravvedimento, garantendo il bilanciamento di tutti gli interessi in gioco. Come è noto, i giudici della Consulta hanno concesso al Legislatore un anno di tempo per approvare una riforma, rimandando a maggio 2022 la scure della dichiarazione formale di illegittimità costituzionale. La CEDU, invece, non ha il potere di annullare la legge, ma quello di indicare all’Italia, se non altro per evitare condanne a catena, le modifiche necessarie volte a superare le violazioni gravi sofferte dal ricorrente che discendono direttamente dall’applicazione della legge. Le procedure, dunque, sono diverse. Ma è innegabile che siano intimamente connesse.
Per questo Nessuno tocchi Caino ha intrapreso iniziative in entrambi i procedimenti, trasmettendo un intervento amicus curiae alla Consulta e partecipando attivamente alla procedura di supervisione dell’esecuzione della sentenza Viola aperta di fronte al Comitato dei Ministri che “controlla” le misure proposte dai Governi nazionali. Nel caso Viola, Nessuno tocchi Caino ha richiesto al Comitato dei Ministri di “assicurare un dibattito sobrio, aperto e costruttivo” in merito alle possibili alternative al regime ostativo, senza fughe in avanti, ma anche senza rimettere in discussione le decisioni raggiunte dalla CEDU e dalla Corte costituzionale, “nello spirito di massima trasparenza e collaborazione fra istituzioni e società civile”. Inoltre, Nessuno tocchi Caino ha chiesto ai delegati europei di imporre all’Italia un termine preciso entro il quale presentare un progetto di riforma della disciplina. Tali esortazioni sono state di fatto accolte dal Comitato, tant’è che il 9 giugno ha chiesto al Governo di presentare un piano di riforma del regime ostativo entro il 15 dicembre 2021, un termine evidentemente pensato come passaggio interlocutorio per l’approvazione di una legge entro maggio 2022, come chiesto dalla Corte costituzionale.
Il discorso dei diritti umani sta progressivamente spostando l’attenzione dalla fase del contenzioso alla fase dell’esecuzione. In questo ambito, tutti gli studi dimostrano che, se non sono condivisi ai diversi livelli del corpo sociale (dalle istituzioni, alla società civile, ai media, alle scuole e alle Università), i principi sanciti nelle sentenze delle più alte giurisdizioni nazionali e internazionali rimangono lettera morta. Per questo, Nessuno tocchi Caino considera il procedimento di esecuzione della sentenza Viola di fronte al Comitato dei Ministri una ulteriore occasione per portare avanti un serio tentativo di superamento del regime ostativo.
Tutta la giurisprudenza della CEDU e della Corte costituzionale in materia di ergastolo sono basate sul presupposto che non solo le persone cambiano ma che cambiano anche le società stesse, e pratiche che un tempo erano comuni, come per esempio l’esecuzione capitale, da un certo momento in poi diventano inaccettabili. Questo processo di sedimentazione e cambiamento passa anche dalle, ma non si esaurisce nelle, sentenze. Per questo, occorre passare dalla pars destruens alla pars construens, assicurare che le vittorie giuridiche di questi anni portino a un vero cambiamento della realtà, in questo caso, del destino delle oltre 1.700 persone che stanno ancora scontando la pena senza speranza dell’ergastolo ostativo.

Altre news:
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits