Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Navid Afkari
Navid Afkari
IRAN - Shahin Naseri muore nel carcere di Fashafuyeh in circostanze molto sospette

21 settembre 2021:

Shahin Naseri, testimone delle torture su Navid Afkari, muore nel carcere di Fashafuyeh in circostanze sospette
Nella sua testimonianza di 4 pagine, descrive di aver sentito Afkari urlare e di aver visto due agenti in borghese picchiarlo.
Fonti hanno riferito a Iran Human Rights che Shahin Naseri, testimone della tortura di Navid Afkari, è morto in circostanze sospette in isolamento nel penitenziario di Fashafuyeh, noto anche come Great Tehran Penitentiary, o Prigione Centrale di Teheran. Suo fratello ha confermato la sua morte ma non ne ha ricevuto comunicazione ufficiale dai funzionari.
Naseri stava scontando una condanna per reati comuni.
È stato trasferito al Great Tehran Penitentiary in seguito alla sua testimonianza sul caso del prigioniero politico Navid Afkari, prima torturato e poi impiccato nella prigione di Shiraz.
"I suoi amici ci hanno informato della sua morte in isolamento, ma non siamo ancora stati contattati da alcun funzionario", ha detto suo fratello a Iran Human Rights.
Una fonte ha detto a IHR: "Ho visto il cadavere di Shahin Naseri nell'infermeria della prigione. Aveva ripetutamente parlato della tortura di Navid Afkari e delle confessioni che gli erano state estorte”. Nell'anniversario dell'esecuzione di Navid Afkari (12 settembre), lo hanno trasferito dal reparto in un luogo sconosciuto e abbiamo pensato che fosse stato trasferito nel reparto 209 della prigione di Evin. Ma abbiamo scoperto oggi che è stato tenuto in isolamento nella Prigione Centrale di Teheran per impedirgli di fare telefonate e rilasciare interviste alle agenzie di stampa”.
“L'Amministrazione Penitenziaria probabilmente vuole annunciare la sua morte come suicidio. Ma Shahin Naseri non era né depresso né aveva problemi di salute mentale per suicidarsi. Aveva moglie e figli ed era fiducioso per il futuro. Inoltre non può essere morto di morte naturale visto che non soffriva di alcuna malattia", ha aggiunto la fonte.
Le autorità della Repubblica Islamica hanno continuamente negato che Navid Afkari fosse stato sottoposto a tortura e sostenuto che avesse confessato di sua spontanea volontà. Iran Human Rights aveva confutato le affermazioni con documenti del tribunale e aveva citato la testimonianza di Shahin Naseri senza però nominarlo.
Nel suo rapporto sul caso Afkari IHR aveva scritto: “Il testimone era un individuo che era in custodia a Shiraz contemporaneamente a Navid e non aveva precedenti conoscenze o amicizie con lui. Ha fornito una testimonianza ufficiale sulla tortura di Navid (compreso il fatto che fosse stato colpito con una mazza di metallo sulla mano) ma secondo i documenti in possesso di IHR, il giudice del caso ha ignorato la testimonianza e non lo ha chiamato a testimoniare in tribunale". Shahin, un uomo d’affari, ha fornito una descrizione dettagliata della tortura di Navid Afkari. In un verbale di 4 pagine, dice di aver sentito Navid Afkari urlare e di aver visto due agenti in borghese picchiarlo. Shahin in seguito ha rilasciato interviste su ciò a cui aveva assistito.
Navid Afkari è stato giustiziato il 12 settembre 2020.
Estratti della dichiarazione scritta di Shahin Naseri: “L'uomo in piedi sopra di lui (Navid) diceva: 'tutto quello che dico è giusto'. Non so il suo nome, ma penso che avesse gli occhi ‘colorati’ (non marroni/neri) e una carnagione bianca e rossa, spalle larghe e capelli che sembravano trapiantati, o che erano stati spazzolati all’indietro. Navid si copriva la testa con una mano, l’uomo lo ha colpito sulla mano 4 volte imprecando e gridando che "quello che ho detto è giusto".
Navid era sul pavimento, sdraiato su un fianco, tenendosi la testa e implorando di non picchiarlo. Quando siamo entrati nel centro di detenzione, ho visto Navid e la sua mano era gonfia e distrutta. Navid ha detto che il capitano Abbasi gli aveva rotto la mano. Ho assistito al dolore e alla sofferenza che Navid ha sopportato a causa della sua mano rotta nei due mesi che ho trascorso lì, così come avevo assistito a quando la sua mano era stata rotta".
Sul caso Afkari vedi anche NtC 29/08/2020, 07/09/2020, 12/09/2020, 17/12/2020

https://iranhr.net/en/articles/4893/

(Fonte: IHR)

Altre news:
IRAN - Sohrab Naji e Vahab Samadi giustiziati a Shiraz il 25 settembre
INDIA: PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE CON DISTURBI PSICHIATRICI
USA - Alabama. Willie Smith, 51 anni, nero, è stato giustiziato
BANGLADESH: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
GAMBIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
ZIMBABWE: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL DATORE DI LAVORO
COREA DEL SUD: ASSOLTO DALL’ACCUSA DI ESSERE UNA SPIA, MA E’ MORTO SETTE ANNI FA
MALESIA: MADRE DI NOVE FIGLI CONDANNATA A MORTE PER DROGA
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE IN UN CASO DI STUPRO E OMICIDIO
GIORDANIA: CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO D’”ONORE”
GAZA: DUE CONDANNE A MORTE PER COLLABORAZIONE CON ISRAELE
STOP AI COLORI NEL BRACCIO DELLA MORTE, IN GIAPPONE VIETATI PASTELLI E TEMPERAMATITE
QUANTO COSTA FAR MANGIARE I CARCERATI, QUANDO I DETENUTI DIVENTANO UN BUSINESS
AFGHANISTAN: PUNIZIONI PUBBLICHE SOLO SU ORDINE DELLA CORTE SUPREMA
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER DEGLI OMICIDI DI ‘ONORE’
CINA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA EX MOGLIE
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
SINGAPORE: CONFERMATA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER TRAFFICO DI CANNABIS
UE: REVOCARE LE CONDANNE A MORTE, COMPRESE QUELLE DI GIORNALISTI NELLO YEMEN
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Urgente: il giovane Arman Abdolali sarà giustiziato tra 24 ore
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO
IRAN - Omid Sarani giustiziato nella prigione di Birjand l'11 ottobre
IRAQ: ‘GIUDICE DELLA SHARIA’ DEL DAESH CONDANNATO A MORTE
IRAN - IHR ha appreso oggi di 4 esecuzioni avvenute a settembre
SIERRA LEONE: ABOLITA FORMALMENTE L’ ‘INUMANA’ PENA CAPITALE
BANGLADESH: UNA CONDANNA CAPITALE PER TRAFFICO DI COCAINA
CONDIZIONI MIGLIORI PER I DETENUTI, LA LEZIONE DEI GIUDICI USA CHE ‘COMMISSARIANO’ LA POLITICA

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits