Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: SOPRAVVISSUTO ALL’INIEZIONE LETALE MUORE DI CANCRO, IL DRAMMA DI HAMM

4 dicembre 2021:

Valerio Fioravanti su Il Riformista del 3 dicembre 2021

Un film giapponese del 1968, “L’Impiccagione”, raccontava la storia di un uomo che veniva impiccato, e una volta tirato già dal patibolo si scopre che il cuore batteva ancora. Lo fanno rinvenire e vogliono impiccarlo di nuovo. L’uomo però ha perso la memoria, non ricorda il crimine che ha commesso e, quindi, si crea il dilemma: si può giustiziare un uomo una seconda volta, soprattutto se non ha più memoria di quello che ha fatto?
Nel 2013 Nessuno tocchi Caino aveva riportato che una cosa molto simile era accaduta in Iran: Alireza, impiccato per reati di droga, al momento del funerale si era risvegliato e anche in quel caso le autorità, d’impulso, sostenevano che andasse impiccato di nuovo, perché, si disse, lo Stato deve essere inflessibile. Montarono forti polemiche e l’uomo, che comunque stava molto male, venne risparmiato “per motivi umanitari”.
Sempre in Iran, nel febbraio di quest’anno, portarono una donna al patibolo. Prima di lei avevano impiccato altre persone e Zahra Esmaili, mentre attendeva il suo turno, morì per infarto. Nessuno ritenne di avere l’autorità di disattendere un ordine del tribunale e la donna fu impiccata lo stesso, anche se era già morta. E anche un mese fa, sui siti che seguono la difficile situazione dei diritti umani in Iran, era comparsa una notizia, non ben delineata, di un uomo che sembra fosse stato trovato vivo dopo la sua impiccagione.
Il 28 novembre mattina, in Alabama, in una nazione che ritiene di essere molto più civile dell’Iran, è morto di cancro un uomo, Doyle Hamm, 64 anni, bianco, che tre anni fa era sopravvissuto alla sua esecuzione per iniezione letale. Non che lui fosse particolarmente forte, anzi. Erano i suoi “giustizieri” ad aver sbagliato tutto. Hamm era un tossicodipendente, ed aveva ucciso un uomo durante una rapina. Aveva ammesso il fatto, limitandosi a chiedere le attenuanti per un’infanzia sventurata e le ridotte capacità mentali aggravate dall’abuso di sostanze.
Il lungo passato di tossico e due chemioterapie per un cancro al cranio e un linfoma in fase terminale avevano indotto molti a prevedere che le vene di Hamm sarebbero collassate prima di riuscire a veicolare il cloruro di potassio dentro il cuore, per fermarlo definitivamente.
Il procuratore generale ha disatteso il parere di tutti i medici consultati, limitandosi a sostenere che nel corpo umano le vene sono tante e una adatta doveva pur esserci. In fin dei conti doveva resistere, la vena, solo due o tre minuti. E a chi consigliava allo Stato che sarebbe stato più semplice attendere l’ormai imminente morte naturale del reo, le corti di grado più alto risposero che quello non era un argomento “giuridico” e, quindi, non sospesero il mandato di esecuzione.
Alle 9 di sera, il 22 febbraio 2018, Hamm è stato legato a una barella e gli agenti hanno iniziato a inserire aghi nelle sue vene, vene che regolarmente si rompevano, riempiendo il condannato di ematomi, ma soprattutto rendendo chiaro che i 3 farmaci, prima un narcotico leggero, poi uno pesante e infine il veleno, non avrebbero circolato. Dopo 2 ore e mezzo, dopo aver perforato per sbaglio anche la vescica, dopo aver danneggiato tutte le vene, gli agenti hanno mostrato segni di fortissimo stress (così narrano le cronache, che non accennano a un altro stress che si presume non fosse lieve, quello di Hamm), ed è intervenuto un funzionario: la mezzanotte era ormai prossima e la legge vuole che il condannato muoia nel giorno prefissato, non in un altro. L’esecuzione è stata sospesa, o come dicono in America, “abortita”.
Un gruppo di giornali ha fatto causa allo Stato, chiedendo di avere più informazioni su come viene selezionato e formato il personale, ed altre cose che invece le amministrazioni preferiscono tenere segrete. Una giudice federale assegnò il primo round della contesa ai media: “Il modo in cui l’Alabama compie le sue esecuzioni è una questione di grande interesse pubblico, e, valutando le leggi del nostro stato, il diritto che ha l’opinione pubblica di conoscere è superiore al diritto dell’Amministrazione di nascondere”.
Lo Stato, in difficoltà, ha raggiunto un accordo “informale” con i media: per Hamm si sarebbe attesa la morte naturale e loro, almeno per un po’, avrebbero smesso di fare domande scomode. I giornali, che almeno loro hanno mostrato un poco di pietà per Hamm, avevano accettato il compromesso. Ma dalle ultime parole di Hamm capiamo che qualcun altro aveva avuto compassione: la dottoressa Connie Uzel, l’oncologa, paracadutista, canoista, madre di tre figlie, che Hamm ha voluto ringraziare per averlo assistito gratuitamente in questi ultimi anni. E, così come Pannella avrebbe ringraziato quel giudice che ha scritto che il diritto a conoscere è superiore al diritto a nascondere, Nessuno tocchi Caino ringrazia, qui, la dottoressa Uzel, in parte per la sua scienza, ma molto di più per la sua coscienza.

Altre news:
A POGGIOREALE PER VISITARE ANCHE I CAINI DI FORZA NUOVA
INDIA: ALTA CORTE DI BOMBAY COMMUTA IN ERGASTOLO LE CONDANNE A MORTE DI DUE SORELLE
NEL REGNO DI BIN SALMAN TORNANO A ROTOLARE TESTE
PAPUA NUOVA GUINEA ABOLISCE LA PENA CAPITALE 30 ANNI DOPO LA SUA REINTRODUZIONE
PAKISTAN: RAGAZZA CONDANNATA A MORTE PER AVER INVIATO CON WHATSAPP CARICATURE DI MAOMETTO
IRAN - Eshagh Mohammadamin giustiziato nella prigione di Isfahan il 20 gennaio
IRAN - 6 uomini giustiziati nella prigione di Zahedan il 20 gennaio
IRAN - Tre uomini giustiziati nella prigione di Zabol il 20 gennaio
IRAN - Ali Yazdani giustiziato nella prigione di Rasht il 20 gennaio
IRAN- 3 uomini giustiziati a Zabol il 20 gennaio 2022
IRAN - Edris Gomshad-Zehi giustiziato nella prigione di Zahedan il 20 gennaio
EAU: CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA CONDANNA CAPITALE
SOMALIA: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER LE UCCISIONI DI DUE FRATELLI
IRAN - Eghbal Mastoufi e Houshang Khan Mohammadi giustiziati a Khorramabad il 19 gennaio
IRAN - Ali Jomeh Mohammadi giustiziato il 19 gennaio 2022
CINA: DUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - 3 uomini giustiziati a Ilam il 19 gennaio 2022
NIGERIA: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA
IRAN - Shahrokh Khodadadi, 16 anni, ucciso dopo un'esecuzione
IRAN - Premi Nobel chiedono rilascio di Ali Younesi e Amirhossein Moradi
IRAN - Parviz Khodadadi giustiziato a Dehdasht il 18 gennaio
IRAN - Sajjad (cognome indeterminato) giustiziato nella prigione di Adelabad il 18 gennaio 2022
NIGERIA: IN 10 STATI DETENUTO L’80% DEI CONDANNATI A MORTE NEL PAESE
PAPUA NUOVA GUINEA: VERSO L’ELIMINAZIONE DELLA PENA CAPITALE
SOMALIA: EX POLIZIOTTO GIUSTIZIATO PER L’UCCISIONE DI UN CIVILE
IRAN - Abdolghafar Cheshmdam-Gargij giustiziato a Zahedan il 17 gennaio
IRAN - Valijan Rahmi giustiziato nella prigione di Qom il 17 gennaio
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato nella prigione di Karaj in data imprecisata
PAKISTAN: CINQUE CONDANNATI A MORTE IN UN CASO DI SEQUESTRO
TUNISIA: NOVE ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MILITARE

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits