Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Onu - Human Rights Committee
IRAN - Dialogo Interattivo del Terzo Comitato delle Nazioni Unite sulla Situazione dei Diritti Umani in Iran

26 ottobre 2020:

Il 26 ottobre si è tenuto (in videoconferenza) il Dialogo Interattivo del Terzo Comitato delle Nazioni Unite sulla Situazione dei Diritti Umani in Iran (United Nations Third Committee Interactive Dialogue on the Situation of Human Rights in Iran), che ha esaminato il nuovo rapporto di Javaid Rehman, il Relatore Speciale sulla Situazione dei Diritti Umani in Iran. A questo evento hanno partecipato i rappresentanti di dozzine di Stati membri delle Nazioni Unite.
Nel suo ultimo rapporto, Rehman ha espresso preoccupazione per le continue violazioni dei diritti umani in Iran. Ha espresso in particolare le sue preoccupazioni per l'uso della violenza da parte del regime contro i manifestanti detenuti dopo gli arresti che hanno seguito le massicce proteste popolari in Iran nel gennaio 2018 e novembre 2019. Rehman ha condannato la recente esecuzione del campione di wrestling iraniano, Navid Afkari, che era stato arrestato durante la rivolta popolare nel 2018.
Nel suo discorso all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Rehman ha affermato che "sta emergendo un chiaro modello di tentativo di mettere a tacere il dissenso pubblico sulla situazione sociale, economica e politica in Iran. Negli ultimi mesi ci sono state condanne a morte ed esecuzioni contro individui sospettati di aver preso parte alle proteste".
Ha aggiunto che “Un caso emblematico è stata l'esecuzione arbitraria di Navid Afkari il 12 settembre 2020 in relazione al suo coinvolgimento nelle proteste dell'agosto 2018. Questa grave violazione del diritto alla vita è l'ultima esecuzione di una serie di condanne a morte legate alle proteste, nonostante le accuse di confessioni forzate indotte dalla tortura e altre gravi violazioni del giusto processo ".
L'esecuzione di Afkari ha scatenato un movimento globale chiamato "United for Navid" e la campagna vorrebbe che fosse vietato all’Iran di partecipare alle Olimpiadi del 2021 in Giappone.
I fratelli di Navid, Vahid e Habib, sono attualmente detenuti in isolamento. Sono stati condannati rispettivamente a 56 anni e 6 mesi di carcere, a 24 anni e 3 mesi di carcere e 74 frustate ciascuno.
Gli Stati Uniti hanno emesso sanzioni contro i funzionari della prigione e della magistratura coinvolti nell'esecuzione di Navid. Né l'ONU né l'UE hanno imposto sanzioni contro il regime per l'omicidio extragiudiziale, che ha avuto grande visibilità, di Navid.
Rehman ha affermato che “Il rapporto che presento delinea le mie gravi preoccupazioni riguardo alla situazione dei diritti umani in Iran, caratterizzata da violazioni sistematiche dei diritti umani e dalla continua impunità. Queste conclusioni provengono dalla mia indagine sulla violenta repressione del governo contro le proteste di novembre 2019 e gennaio 2020, l'uso della tortura, le dure condanne contro coloro che hanno protestato, le persecuzioni contro chi chiede giustizia, e la totale impunità dei responsabili".
Ha continuato dicendo che “la forza eccessiva e letale usata dalle forze di sicurezza contro le proteste a livello nazionale è stata il peggior incidente di violenza di Stato in Iran da decenni. I funzionari della sicurezza statale hanno usato intenzionalmente munizioni vere contro i manifestanti, spesso mirate alla testa o agli organi vitali, provocando oltre 300 morti accertate, comprese donne e bambini, sebbene il bilancio delle vittime sia probabilmente più alto".
La Reuters ha riferito l'anno scorso che il regime iraniano ha ucciso circa 1.500 persone durante le proteste che sono durate meno di 2 settimane nel 2019. In risposta ai diffusi disordini sociali e politici nel paese, il leader supremo dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei, ha detto alle sue forze di sicurezza: "Fate tutto il necessario per porvi fine".
Il dossier di 28 pagine del relatore speciale descrive in dettaglio la sanguinosa repressione dei disordini del 2019.
"Nonostante la forte evidenza di questo palese disprezzo per l'obbligo dell'Iran di proteggere il diritto alla vita e di proteggere la libertà di espressione e di riunione pacifica, non è stata fornita alcuna informazione che sia stata condotta un'indagine coerente con gli standard internazionali per individuare e sanzionare i responsabili, e quasi un anno dopo, non è stato fatto alcun annuncio ufficiale riguardo al numero di morti e feriti”, ha scritto Rehman.
Ha aggiunto che "Inoltre, le famiglie delle vittime che hanno chiesto giustizia hanno subito intimidazioni e arresti da parte delle autorità, o sono state sottoposte a pressioni per accettare un risarcimento in denaro e far cadere le loro richieste di giustizia. Esorto il governo iraniano a lavorare con le famiglie, non contro di loro, e ad assicurare alla giustizia i responsabili delle morti e dei feriti".
La Press TV controllata dallo stato della Repubblica Islamica ha riferito che il rappresentante dell'Iran al Terzo Comitato dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Mohammad Zare'iyan, ha dichiarato: "Coloro che hanno redatto questo rapporto, hanno manipolato le questioni dei diritti umani contro il mio governo per distorcere la nostra realtà attraverso l’informazione. Non è un segreto che trarre vantaggio dalle "cosiddette questioni relative ai diritti umani fa parte della strategia di "massima pressione" degli Stati Uniti contro gli iraniani".

https://www.jpost.com/international/un-rapporteur-slams-irans-regime-for-execution-of-wrestler-647055 
https://www.ncr-iran.org/en/news/human-rights/un-third-committee-session-makes-addressing-human-rights-violations-in-iran-imperative/ https://www.un.org/press/en/2020/gashc4302.doc.htm 
https://undocs.org/en/A/75/213 

(Fonte: Jerusalem Post, ncr-iran.org)

Altre news:
Roma, annullato l'evento "Colpevole di cosa..." del 30 ottobre
IRAN - Quattro esecuzioni a Urmia, e un suicidio, il 29 ottobre 2020.
IRAN - Quattro prigionieri impiccati nella prigione centrale di Orumiyeh (Urmia).
VIETNAM: CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER TRAFFICO DI COCAINA
MALI: DUE CONDANNATI A MORTE PER ATTENTATI CONTRO HOTEL E RISTORANTI
SOMALIA: GIUSTIZIATO DAL TRIBUNALE MILITARE PER OMICIDIO
IRAN - Hadi Hosseini giustiziato nella prigione di Ardabil il 28 ottobre.
CINA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN BAMBINO DI DUE ANNI
INDIA: CONDANNATO A MORTE NELLO STATO DI TELANGANA PER NOVE OMICIDI
SUD SUDAN: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER GLI OMICIDI DI TRE SORELLINE
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE DEL PUNTLAND CONDANNA A MORTE DUE MEMBRI DELLO STATO ISLAMICO
VIETNAM: CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER TRAFFICO DI DROGHE
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN POLIZIOTTO
IRAN - Condannati a pesanti pene per aver postato video sull'educazione sessuale dei bambini
IRAN - Foto femminili rimosse dalle tombe.
IRAN - Peyman Safaei giustiziato nella prigione di Aligudarz il 26 ottobre.
SOMALIA: MILIZIANO DI AL-SHABAAB CONDANNATO A MORTE IN CONTUMACIA
MAROCCO: CONDANNATO A MORTE DOPO L’ESTRADIZIONE DALLA DANIMARCA
IRAN - Altri 6 suicidi nel carcere di Urmia.
IRAQ: SEI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI PIAZZA AL-WATHBA
BASTA PENA DI MORTE, MORTE PER PENA E PENA FINO ALLA MORTE
ARABIA SAUDITA: COMMISSIONE DIRITTI UMANI, ‘NESSUN MINORE SARÀ CONDANNATO A MORTE’
GIAPPONE: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA INFORMERA’ LE VITTIME SULLE ESECUZIONI CAPITALI
SINGAPORE: ‘NO’ AL RIESAME DEL CASO DI UN CONDANNATO A MORTE
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE PER IL SEQUESTRO DI UNA RAGAZZA
INDIA: UN CONDANNATO A MORTE E 24 ALL’ERGASTOLO PER IL LINCIAGGIO DI UN MEDICO
NON CI STUPIAMO SE SEMPRE PIÙ ITALIANI SONO PER LA PENA DI MORTE (Sergio D’Elia su Il Riformista)
IRAN - Shahram Takhsha è stato giustiziato nella prigione centrale di Sanandaj il 21 ottobre.
Città del Vaticano - Il patriarca della chiesa ortodossa definisce la pena di morte incompatibile con i valori cristiani.
IRAN - Ciclista arrestata per "comportamento improprio".

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits