Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VIĀ° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIƙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VIĀ° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VIĀ° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VIĀ° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e OmosessualitĆ 
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Homicide Survivor Engagement Group
USA - Homicide Survivor Engagement Group
USA - I familiari delle vittime chiedono al North Carolina e al Nevada di svuotare i bracci della morte

26 gennaio 2023:

I familiari delle vittime chiedono al North Carolina e al Nevada di svuotare i bracci della morte.
In North Carolina e Nevada, i familiari delle vittime di omicidio si stanno esprimendo contro la pena di morte, incoraggiando i politici a commutare tutte le condanne a morte.
In una conferenza stampa fuori dalla residenza del governatore della Carolina del Nord il 10 dicembre 2022, 19 membri dell'Homicide Survivor Engagement Group della North Carolina Coalition for Alternatives to the Death Penalty (NCCADP) hanno letto una lettera che esortava il governatore Roy Cooper ad abolire la pena di morte e a commutare le condanne dei 135 detenuti del braccio della morte. La lettera “respinge inequivocabilmente la premessa che l'esecuzione di una persona, anche se ha commesso un omicidio, possa in qualche modo portarci giustizia o chiusura. … Invece, perpetua la violenza.”
“Crediamo nella dignità e nel valore di ogni persona, comprese quelle che hanno commesso crimini atroci. Crediamo nella possibilità di redenzione per tutte le persone. Le condanne a morte non sfidano i colpevoli ad assumersi la responsabilità od a trasformare le loro vite. Le condanne a morte li dichiarano indegni di vivere”, prosegue la lettera.
Un editoriale del 21 dicembre 2022 firmato da Monique Normand sul Reno Gazette Journal ha fatto eco agli stessi sentimenti. Dopo l'omicidio di suo zio nel 2017, la famiglia di Normand si è opposta alla pena di morte l’uomo condannato. "La pena di morte è una risposta inefficace al crimine, che non ci rende più sicuri né porta alla “chiusura” così spesso promessa", ha scritto. “Storicamente la metà di tutte le condanne a morte in Nevada sono state annullate dai tribunali e non c'è stata un'esecuzione da più di 16 anni. È una falsa promessa alle vittime che spesso infligge molti più traumi che guarigioni”.
Normand ha anche identificato molti altri problemi con la pena di morte, tra cui la natura costosa e il pregiudizio razziale. "Lasciare che un sistema così disfunzionale e inefficace continui a mascherarsi da giustizia è un insulto ai cittadini del Nevada e a molti di noi che hanno perso i propri cari a causa di un omicidio". Facendo riferimento a un tentativo fallito del governatore uscente Steve Sisolak di commutare le condanne di tutti coloro che si trovano nel braccio della morte del Nevada, ha scritto: “Il Pardons Board avrebbe dimostrato grande saggezza se fosse stato in grado di commutare tutte le condanne a morte in ergastolo senza condizionale, ponendo fine alla sciarada, visto che queste sentenze non sarebbero mai state eseguite. Avrebbero anche salvato i contribuenti dallo spreco di milioni di dollari che potrebbero essere reinvestiti nei servizi alle vittime e in programmi di prevenzione della criminalità più efficaci", ha concluso. (Il 14 dicembre 2022 il governatore Sisolak, in procinto di lasciare l’incarico, aveva chiesto alla Pardons Board di tenere una sessione speciale e di esprimere un parere complessivo per tutti i 57 detenuti del braccio della morte, parere che se fosse stato positivo lui poi avrebbe accolto e trasformato in un provvedimento di clemenza collettivo. Ma il Procuratore della Washoe County (sede del braccio della morte) ha fatto ricorso, sostenendo che una richiesta del genere rivolta al Board non rientrava nelle sue prerogative. Il giudice James Wilson, della Carson City District Court (Carson City è la capitale amministrativa del Nevada) ha dato ragione al Procuratore, ravvedendo una irregolarità procedurale, ossia che il calendario del Board era stato fissato senza rispettare i 15 giorni di preavviso per tutte le parti coinvolte, compresi quindi tutti i procuratori e le parti lese. Ndt).
Anche Megan Smith - un'insegnante di scuola media il cui padre e la matrigna sono stati assassinati - ha scritto un editoriale su The Charlotte Observer, riprendendo ed espandendo gli stessi argomenti.
“Non sono d'accordo sul fatto che giustizia sia sinonimo di vendetta, perché la vendetta crea più dolore e ignora qualsiasi meccanismo per guarire o soddisfare i reali bisogni delle famiglie dopo che si è verificata la violenza. In effetti, più imparo su questo sistema, più mi rendo conto che perpetua l'opposto della giustizia su scala statale e nazionale: razzismo, più violenza, divisione economica, spreco finanziario per il nostro stato rispetto alle condanne all'ergastolo, ed un rischio altissimo di errori giudiziari", ha scritto Smith, "Per andare verso la vera definizione di giustizia, dobbiamo fare i conti con le condizioni che favoriscono la violenza e utilizzare le nostre risorse per costruire invece comunità forti e solidali che prevengano il crimine prima che accada e affrontare il trauma dopo che accade. … I miei studenti hanno bisogno di una società che investa le sue risorse collettive nella cura della salute mentale e in altri programmi sociali positivi, non nelle uccisioni sponsorizzate dallo stato”.
Smith ha anche identificato coloro che avrebbero sofferto a causa di un'esecuzione, come “gli innocenti membri delle famiglie del condannati, e gli impiegati della prigione a cui sarebbe stato chiesto di compiere le esecuzioni. Non una sola persona verrebbe guarita”.

https://deathpenaltyinfo.org/news/family-members-of-murder-victims-call-on-north-carolina-nevada-to-commute-states-death-rows

(Fonte: DPIC, 26/01/2023)

Altre news:
IRAN - Ali Allahverdi e Farhang Zakayi giustiziati a Shiraz il 31 gennaio
IRAN - Ahmad Zali Tabar e Omid Ali Kohi giustiziati ā€œla scorsa settimanaā€ a Karaj
FRIULI VENEZIA GIULIA. IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ā€˜VISITARE I CARCERATIā€™
INDIA: CONDANNATO A MORTE NEL GUJARAT PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - 2 uomini giustiziati a Tabriz il 31 gennaio
BANGLADESH: ARRESTATI DUE LATITANTI CONDANNATI A MORTE
IRAN - GiĆ  18 curdi giustiziati dall'inizio dell'anno
INDIA: 165 CONDANNATI A MORTE NEL 2022, RECORD NEGLI ULTIMI 20 ANNI
IRAN - 4 uomini giustiziati a Kerman il 30 gennaio
IRAN - Esmaeil Kachalanlu giustiziato nella prigione di Mako il 30 gennaio
IRAN - Hasan Javanroudian giustiziato a Karaj il 30 gennaio
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE FAMILIARI
IRAN - Gli Stati Uniti accusano tre persone di un complotto sostenuto dall'Iran per uccidere Masih Alinejad
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAQ: 14 CONDANNATI A MORTE PER IL MASSACRO DI CAMP SPEICHER
LE CONDIZIONI DETENTIVE DI MMD RIGUARDANO ANCHE NOI. ECCO PERCHEā€™
ā€˜SO CHE MI IMPICCHERANNO. FATEMI VEDERE MIA FIGLIA PER Lā€™ULTIMA VOLTAā€™
NAPOLI: 27 GENNAIO ā€˜MAGISTRATURA E GIUSTIZIA IN ITALIAā€™ ALLā€™ UNIVERSITAā€™ FEDERICO II
MALI: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE PEACEKEEPER DELLE NAZIONI UNITE
USA - North Carolina. James McKamey condannato a morte
IRAN - 4 uomini giustiziati a Karaj il 26 gennaio
IRAN - Hamed Heydari giustiziato a Khalkhal il 26 gennaio
ALCAMO: 26 GENNAIO CONVEGNO AVVOCATI
IRAN - Reza Aghale giustiziato a Qazvin il 25 gennaio
IRAN - Condannato a morte il manifestante Shoaib Mir Baluchzehi Rigi, 18 anni
IRAN - Mansour Yusuf Zahi giustiziato a Bandar Abbas il 25 gennaio
IRAN - Condannata a morte una giovane manifestante curda incinta, Shahla Abdi
PAKISTAN: LEGGI ANTI-BLASFEMIA INASPRITE
KENYA: IL 43% DEI CONDANNATI A MORTE IGNORAVA COSA STESSE SUCCEDENDO DURANTE IL PROCESSO
BANGLADESH: PER Lā€™OMICIDIO DI UNA CASALINGA SETTE CONDANNATI A MORTE, INCLUSO IL FIGLIO

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita piĆ¹ impegno dallā€™Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELLā€™#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ā€˜CULLAā€™ A ā€˜TOMBAā€™ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits