Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il Ministro della Giustizia e degli Interni di Singapore, K Shanmugam
Il Ministro della Giustizia e degli Interni di Singapore, K Shanmugam
SINGAPORE: ‘SONDAGGI FAVOREVOLI ALLA PENA DI MORTE PER I TRAFFICANTI’

13 maggio 2024:

Il Ministro della Giustizia e degli Affari Interni di Singapore, K Shanmugam, l'8 maggio 2024 ha citato sondaggi locali e regionali come prova del forte e crescente sostegno all'uso della pena di morte contro i trafficanti di droga.
"C'è un ampio sostegno da parte della nostra popolazione perché siamo stati schietti e aperti riguardo alle motivazioni, alle circostanze e alle garanzie sull'uso della pena di morte", ha affermato Shanmugam.
I risultati preliminari di un sondaggio del Ministero degli Affari Interni (MHA) condotto nel 2023 hanno mostrato che circa il 69% degli intervistati era d’accordo o fortemente d’accordo sul fatto che la pena di morte obbligatoria fosse una punizione adeguata per il traffico di una quantità significativa di droga.
Questo dato è in aumento rispetto al 66% registrato nel 2021, ha osservato Shanmugam, aggiungendo che il MHA pubblicherà un rapporto completo del sondaggio più recente entro la fine dell’anno.
Quasi il 77% degli intervistati concorda sul fatto che la pena di morte dovrebbe essere utilizzata per i crimini più gravi, rispetto a quasi il 74% di due anni fa.
Ha anche fatto riferimento a un sondaggio del Consiglio Nazionale Contro l’Abuso di Droga dello scorso anno, in cui quasi il 91% degli intervistati ha espresso sostegno per l’approccio antidroga del Paese.
L’87% concorda sul fatto che le leggi sulla droga di Singapore siano efficaci nel mantenere il Paese relativamente libero dalla droga.
Oltre a Singapore, Shanmugam ha evidenziato uno studio del 2021 condotto in alcune parti della regione da cui proviene la maggior parte dei trafficanti di droga arrestati nel Paese negli ultimi anni.
È emerso che l’87% degli intervistati ritiene che la pena di morte dissuada le persone dal traffico di ingenti quantità di droga a Singapore.
Una percentuale simile (86%) ritiene che la pena di morte induca le persone a non voler commettere crimini gravi a Singapore.
Tra gli intervistati, l’83% ritiene inoltre che la pena di morte sia più efficace dell’ergastolo nello scoraggiare le persone dal trafficare droga.
"Quindi coloro che suggeriscono che la pena di morte possa essere sostituita con l'ergastolo, dovrebbero guardare queste cifre. Gli effetti deterrenti delle due pene sono molto diversi", ha detto Shanmugam.
"Non è facile per noi... decidere di mantenere la pena capitale tra le sanzioni previste dalla legge. Ma l'evidenza dimostra che è necessario proteggere il nostro popolo, prevenire la distruzione di migliaia di famiglie e impedire la perdita di migliaia di vite."
Il Ministro ha affermato che gli alti livelli di sostegno sono dovuti alla fiducia dei singaporiani nella capacità del governo di fare la cosa giusta.
“Quindi, quando Richard Branson arriva a mettere in discussione, non si rende conto che prendiamo sul serio il nostro compito, siamo responsabili nei confronti dei singaporiani, parliamo con migliaia di loro e sappiamo cosa sostengono i singaporiani”, ha affermato Shanmugam.
Il miliardario britannico si è espresso apertamente contro la pena di morte di Singapore. Nel 2022, ha rilasciato affermazioni su presunti pregiudizi razziali e sul trattamento degli avvocati difensori nel caso del trafficante di droga condannato Nagaenthran Dharmalingam.
In risposta, il MHA ha invitato Branson a Singapore per un dibattito televisivo in diretta con il signor Shanmugam sull'argomento, ma lui ha rifiutato.
"La stragrande maggioranza dei singaporiani conosce e comprende i fatti e la realtà e il motivo per cui il governo afferma che la pena di morte è necessaria", ha affermato Shanmugam.
Nel suo discorso, il ministro ha detto che gli attivisti contro la pena di morte presentano “accuse infondate, affermazioni unilaterali e mezze verità”.
Nel maggio dello scorso anno, sono state emesse direttive sulla base del Protection from Online Falsehoods and Manipulation Act (POFMA) contro 10 post sui social media e due articoli online contenenti false dichiarazioni sulla condanna a morte inflitta al trafficante di droga Tangaraju Suppiah.
Cinque soggetti – The Transformative Justice Collective, The Online Citizen Asia, Andrew Loh, Kirsten Han, M Ravi – hanno continuato a sostenere falsamente che a Tangaraju fosse stato negato un interprete durante la registrazione della sua dichiarazione, ha affermato Shanmugam.
"Questo, nonostante la chiara affermazione contraria dei tribunali. Un palese e falso attacco al sistema di giustizia penale", ha detto.
Alcuni attivisti hanno anche contribuito a presentare istanze legali "non meritevoli" per conto di trafficanti di droga condannati, spesso all'ultimo minuto, ha affermato Shanmugam.
In un caso, ci sono stati sette ricorsi post-appello, che sono stati tutti respinti dai tribunali perché infondati, ha detto.
L'ultima richiesta riportava un indirizzo e-mail di corrispondenza appartenente a un attivista contro la pena di morte, ha dichiarato Shanmugam.
La Corte ha respinto tale richiesta come "istanza palese e mal dissimulata di interrompere l'esecuzione della pena", ha affermato.
Nel novembre 2022, il parlamento ha approvato il disegno di legge PACC (Post-Appeal Applications in Capital Cases) per fornire procedure chiare per tali richieste.
Shanmugam si aspetta che la legge PACC entri presto in vigore. Cercherà di salvaguardare l’amministrazione della giustizia e lo stato di diritto, introducendo nuovi requisiti per ridurre potenziali ritardi nei procedimenti, ha affermato.
"Stiamo ora valutando cos'altro sia necessario fare per garantire che questa nuova legislazione possa essere adeguatamente sostenuta. Torneremo alla Camera, se necessario", ha aggiunto.
"Desidero che sia chiaro ai membri e ai singaporiani che prenderemo tutte le misure necessarie per affrontare questo tipo di abuso del processo".
Durante il dibattito dell'8 maggio, il deputato Murali Pillai (PAP-Bukit Batok) ha chiesto come Singapore rafforzerà la sua politica antidroga nei confronti delle giovani generazioni di singaporiani - in particolare quelle conosciute come Gen Z e Alpha - che sono esposte a percezioni positive delle "droghe leggere” sui social media.
Pillai ha aggiunto che Singapore sembra essere “messa da parte” alle conferenze internazionali per la sua posizione antidroga, ricordando come durante un simposio gli è stato riferito che aveva “argomentazioni anomale”.
In risposta, Shanmugam ha affermato che in tutto il mondo esistono società quotate in borsa che finanziano organizzazioni non governative (ONG) e pubblicità che vendono l'idea che le droghe leggere siano buone e innocue.
“Se si guarda a queste conferenze internazionali, le ONG che adottano una linea dura contro la droga sono solitamente scarsamente finanziate. Il loro materiale non è così attraente, mentre dall’altro lato ci sono tutti questi argomenti sfavillanti sul perché le droghe leggere (come) la cannabis non ti fanno male, (che) è solo qualcosa da provare a scuola”, ha detto.
Shanmugam ha affermato che questo “fattore cool” viene spinto verso i giovani da vari canali come i media, online e gli amici. "Ovunque ti giri, è lì ed è glamour... Non puoi sfuggire."
Ha aggiunto: “È molto difficile opporsi a questo assalto dalle molteplici sfaccettature, ma penso che abbiamo fatto un lavoro ragionevolmente buono”.
Il Ministro è anche d’accordo con l’affermazione di Pillai secondo cui Singapore è un’”anomalia” nelle conferenze internazionali. Il Paese viene accolto dal silenzio quando presenta le statistiche oppure gli viene detto che il successo di Singapore non può essere replicato altrove, ha aggiunto.
“Penso che possa esserlo, ma non spetta a me combattere la battaglia nel resto del mondo”, ha detto Shanmugam.
“Ma finché gli altri non ci dicono cosa fare e non ci lasciano soli a proteggere la nostra popolazione, allora penso che sia il meglio che ci possiamo aspettare”.

(Fonte: CNA, 08/05/2024)

Altre news:
IRAN - Nader Khosrawi e Nasrollah Ayoubi giustiziati a Zanjan il 5 giugno
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO AD ATTOCK
NIGERIA: CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DELL’EX MARITO
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA DI 5 ANNI
IRAN - Premio Havel assegnato a Toomaj Salehi
AFGHANISTAN: I TALEBANI FUSTIGANO IN PUBBLICO 30 PERSONE
YEMEN: TRIBUNALE HOUTHI EMETTE 44 CONDANNE A MORTE PER SPIONAGGIO
TONGA: IL PARLAMENTO RESPINGE LA PENA DI MORTE PER REATI DI DROGA
IRAQ: ALTRE OTTO ESECUZIONI PER ‘TERRORISMO’
IRAN - Iman Rezaiepour giustiziato a Neyshabur il 2 giugno
IRAN - 3 uomini giustiziati a Shiraz il 1° giugno
UN PROCESSO FARSA, 47 ANNI DI PRIGIONE. LIBERATE IL PELLEROSSA PELTIER
USA - Idaho. Chad Daybell, 55 anni, bianco, condannato a morte
UN MONDO SENZA CARCERE, UN CODICE PENALE SENZA PENE

[<< Prec] 1 2
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits