Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il ministro della giustizia di Taiwan, Tseng Yung-fu
Il ministro della giustizia di Taiwan, Tseng Yung-fu
TAIWAN: SEI GIUSTIZIATI IN UN GIORNO SOLO

21 dicembre 2012: Taiwan ha messo a morte sei prigionieri del braccio della morte, il maggior numero di esecuzioni praticate in un solo giorno negli ultimi anni. Le esecuzioni sono state effettuate intorno alle 18:30 in tre carceri, in diverse parti del Paese, il giorno dopo che il ministro della Giustizia Tseng Yung-fu ha firmato i sei ordini di esecuzione. Tutti avevano sentenze capitali approvate dalla Corte Suprema.
Tseng Si-ru e Hung Ming-tsung sono stati giustiziati nella prigione di Taipei; Chen Chin-huo e Kwang Teh-chiang nella prigione di Greater Taichung; Huang Hsien-cheng nella prigione di Greater Tainan e Tai Te-ying nella Prigione di Greater Kaohsiung, ha reso noto il Vice Ministro della giustizia Chen Shou-huang in una conferenza stampa. Non è stato precisato come i sei siano stati giustiziati. Di solito i detenuti a Taiwan vengono messi a morte con un colpo di arma da fuoco alla testa.
Chen Shou-huang ha detto che i sei giustiziati avevano ucciso donne e bambini con modalità molto crudeli, compreso l’incendio di una casa che ha ucciso vite innocenti. Chen Chin-huo e Kwang erano stati condannati a morte per aver ucciso una agente di assicurazione, sminuzzando e mangiando parti del suo corpo, nel 2004 nella ex Taichung County. Tseng Si-ru, un ex insegnante della Taipei County, era stato condannato per aver ucciso una collega che lo aveva sorpreso rubare nella propria abitazione, nel 2002. Hung appiccò il fuoco alla casa di parenti, uccidendo il cognato ed i suoi tre figli, nel 2003 nella Taipei County. Tai uccise il padre della sua ragazza con 26 coltellate, inoltre ferì gravemente la madre di quest’ultima, nel 2006 a Kaohsiung. Huang, che aveva scontato una pena detentiva per aver ucciso l’ex-moglie, uccise due uomini cinque giorni dopo essere stato rilasciato su cauzione, nel 2005.
Secondo il ministero, Chen Chin-huo, Tai e Tseng Si-ru avevano firmato i documenti per donare i loro organi, tuttavia Tai era portatore di epatite B e Tseng Si-ru ha ritirato all'ultimo minuto la disponibilità a donare. Solo gli organi di Chen Chin-Huo sono stati utilizzati.
Nelle settimane precedenti, il dibattito sull'uso della pena di morte era stato riacceso nel Paese dall’omicidio in un parco giochi di un ragazzino di 10 ani. A seguito di notizie secondo cui il 29enne sospettato dell’omicidio aspettava con impazienza vitto e alloggio gratis in carcere, manifestanti arrabbiati si sono riuniti davanti al Ministero della Giustizia, chiedendo l’esecuzione di tutti i condannati a morte dell’Isola.
Il Vice Ministro della Giustizia Chen Shou-huang ha ribadito l’obiettivo a lungo termine del Ministero della Giustizia di abolire la pena di morte. Ma il Ministero deve comunque rispettare la legge e praticare le esecuzioni fino a quando i cittadini raggiungeranno un accordo per porre fine alla pena capitale, ha aggiunto. Il Ministero ha presentato i risultati di un sondaggio secondo cui l'80 per cento della popolazione di Taiwan è contro l'abolizione della pena di morte. I sondaggi condotti nel mese di luglio da Master Survey & Research Co. per conto del ministero hanno rilevato che il 76,7% degli intervistati non sostiene l’eliminazione della pena di morte e che l'85% ritiene che mettere fine della pena capitale sarebbe dannoso per l'ordine pubblico. Il sondaggio ha anche rilevato che l’81,6% degli intervistati pensa che una diminuzione graduale del ricorso alla pena capitale sarebbe accettabile, ha aggiunto il Ministero.
Il ministro della Giustizia Tseng Yung-fu, che si è insediato nel 2010, ha ripreso le esecuzioni capitali a Taiwan dopo una moratoria che durava dal 2005. Quattro prigionieri sono stati giustiziati nel mese di aprile 2010 e cinque prigionieri nel marzo 2011. Secondo la statale Central News Agency, ci sono un totale di 55 condannati a morte dopo le esecuzioni del 21 dicembre. (Fonti: AFP, Central News Agency, The China Post, 22/12/2012)

Altre news:
PAKISTAN: TALEBANI GIUSTIZIANO 21 PARAMILITARI
BANGLADESH: CINQUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: DUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN: GIUSTIZIATI SEI CURDI SALAFITI
IRAN: SEI IMPICCATI PER STUPRO E DROGA
CINA: CONDANNE A MORTE CONFERMATE
MALESIA: GUARDIA GIURATA CONDANNATA PER OMICIDIO
IRAN: IMPICCATO PER DROGA
FLORIDA (USA): SETH PENALVER ‘ESONERATO’ DAL BRACCIO DELLA MORTE
UGANDA: PRESIDENTE, ‘NO A PENA DI MORTE PER I GAY MA NESSUNA PROPAGANDA OMOSESSUALE’
PENA DI MORTE: NUOVA RISOLUZIONE ONU PRO MORATORIA ESECUZIONI VOTATA DA UN NUMERO RECORD DI 111 PAESI
KENYA: SEI POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: SETTE IMPICCATI PER TRAFFICO DI DROGA E STUPRO
PAKISTAN: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO E SEQUESTRO
ZIMBABWE: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE
ARABIA SAUDITA: SUDANESE DECAPITATO PER OMICIDIO
INDONESIA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E STUPRO DI STUDENTESSA
USA: RAPPORTO DI FINE ANNO DEL DEATH PENALTY INFORMATION CENTER
ROMA: SEGUI CON NOI IL VOTO ALL’ONU SU RISOLUZIONI CONTRO MGF ED ESECUZIONI CAPITALI
CINA: RIDUZIONE DELLA PENA DI MORTE PER VIA GIUDIZIARIA
IRAQ: RATIFICATE 28 CONDANNE A MORTE
OHIO (USA): GOVERNATORE CONCEDE LA GRAZIA
IRAN: IMPICCATO IN CARCERE PER DROGA
UGANDA: MINISTRO PER LA MORALE, ‘NON C’E’ PENA DI MORTE NEL DDL ANTI-GAY’
GOA (INDIA): CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
MALESIA: DUE CONDANNE A MORTE COMMUTATE IN ERGASTOLO
LIBANO: SIRIANO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
VIETNAM: CINQUE CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALESIA: DUE IRANIANI CONDANNATI A MORTE PER DROGA
INDIA: 477 PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE

1 2 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits