Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

BIELORUSSIA: CORTE SUPREMA CONFERMA PENA CAPITALE

1 luglio 2017:

La Corte Suprema della Bielorussia ha confermato la condanna a morte del 32enne Aliaksei Mikhalenya.
Il 17 marzo 2017, Mikhalenya era stato condannato a morte dalla Corte regionale di Homel per due omicidi commessi con particolare crudeltà (p. 1, p. 6, p. 16, seconda parte dell’art. 139 del Codice penale). L'uomo era stato precedentemente riconosciuto colpevole due volte di furto e una volta di omicidio quando era minorenne.
L'udienza si è svolta il 30 giugno davanti al Panel per i Casi Penali della Corte Suprema, presieduto dal giudice Ruslan Aniskevich.
Il condannato è stato tenuto ammanettato in una gabbia metallica, guardato da cinque agenti di polizia.
Dopo aver rivolto le domande procedurali e consultato le parti interessate, la Corte ha vietato le foto e le registrazioni video, consentendo solo la registrazione audio.
L’avvocato Tatsiana Padretskaya ha chiesto di mettere agli atti alcune caratteristiche positive del condannato. L'avvocato ha spiegato che durante l'udienza iniziale sono stati commessi degli errori procedurali, le prove del reato sono state ottenute dopo la detenzione del condannato, si sono verificate inesattezze in esami forensi e psichiatrici che, a giudizio dell'avvocato, erano incompleti e mancavano di alcuni importanti fattori. L'avvocato ha contestato l'opinione della corte secondo cui l’intossicazione alcolica costituisse una circostanza aggravante - l'avvocato pensa che non sia stata dimostrata in tribunale.
L'avvocato ha inoltre sottolineato che nei primi interrogatori il diritto alla difesa di Mikhalenia è stato violato - l'avvocato è stato fornito solo due ore dopo l’interrogatorio, durato due ore.
L'avvocato ha chiesto di revocare la decisione del tribunale di primo grado e di rivedere il caso per esaminare in dettaglio tutte le inesattezze e le circostanze.
"Il numero di violazioni procedurali è così grande che è impossibile esaminare tutti i dettagli in appello", ha osservato l'avvocato.
Anche il secondo avvocato ha invitato a mitigare la sentenza, sottolineando la malattia psichica del suo assistito, vale a dire una leggero ritardo mentale.
Dopo una pausa, la Corte ha accolto le richieste, nonostante le proteste del pubblico ministero, e le prove sono state ammesse.
"Aliaksaei Mikhalenia è nato nel distretto di Yelsk nel 1984, ha un'educazione secondaria di base, disoccupato", ha letto il giudice. "Tre volte condannato, compreso un omicidio. Dopo l'ultimo rilascio del 27 febbraio 2016, ritornò a casa dei suoi genitori. Il 4 marzo, a causa delle relazioni ostili con la vittima, ha iniziato una lotta nella casa dell'ucciso, Fatseyeu. Secondo le indagini, ha inflitto oltre 20 colpi al padrone di casa, colpendolo con i pugni, un bastone di legno e infine con un coltello. Allo stesso modo avrebbe ucciso la sorella del proprietario. In quel momento il condannato era consapevole della particolare crudeltà delle sue azioni".
Mikhalenia è stato arrestato il giorno successivo, il 5 marzo. Si è dichiarato colpevole lo stesso giorno e ha reso la confessione completa.
La versione di Mikhalenia dell’accaduto è leggermente diversa: ha detto che erano stati i padroni di casa a iniziare la lotta, lui ha iniziato a difendersi e alla fine ha smesso di rendersi conto di quello che stava facendo. Non ricorda molte cose.
L'esame forense ha registrato numerose ferite sul corpo dell'omicida: il viso e il naso rotti, i lividi sulla schiena. La circostanza è stata ignorata dal tribunale di prima istanza e l'esperto forense non è stato interrogato nel processo.
Mikhalenia ha sollevato dubbi sulla conclusione medica circa il suo stato di ubriachezza, affermando di aver fatto due volte il test sull'alcool con intervallo di diverse ore, ma la prima conclusione neutra era assente dagli atti.
Nella dichiarazione finale, Mikhalenia ha dichiarato di essere pentito del crimine commesso, ha chiesto il perdono e ha dichiarato che avrebbe dato la vita per restituire la vita alle sue vittime.
Ha chiesto di tenere conto del fatto che non aveva rapporti ostili con le vittime e poi ha reso un lungo e dettagliato racconto del tragico giorno, finché i giudici non lo hanno interrotto con delle domande.
Mikhalenia ha affermato di aver reso piena confessione e collaborato volontariamente nell'inchiesta, una circostanza attenuante ignorata dal tribunale di primo grado.
"Mi sento ripugnante, vergognoso e spaventato. Permettetemi almeno di vivere rinchiuso, "ha detto alla fine il condannato.
Il procuratore di Stato ha sostenuto che le ragioni dell'avvocato non erano fondate; La colpevolezza del condannato era stata completamente dimostrata. Mikhalenia aveva avuto l'intenzione di uccidere ed era pienamente responsabile delle sue azioni.
Dopo una pausa, il presidente del panel dei giudici Ruslan Aniskevich ha letto la decisione del tribunale: confermare la decisione del tribunale di primo grado. Quindi il giudice ha spiegato brevemente che il condannato ha il diritto di chiedere il perdono presidenziale entro 10 giorni dalla ricezione della sentenza del tribunale.
Secondo le informazioni dei difensori dei diritti umani, solo una persona sta aspettando l'esecuzione nel carcere di Minsk No1 - questo è Kiryl Kazachok, residente di Mazyr, che si è rifiutato di presentare appello contro la condanna a morte.
Dall'inizio del 2017 è stata eseguita una condanna a morte: Siarhei Vostrykau, residente di Homel, il suo appello era stato respinto ed è stato giustiziato a fine aprile.
La Bielorussia rimane l'unico paese europeo ad applicare le sentenze di morte. Dal 1990, più di 400 persone sono state condannate alla pena capitale, e solo una persona ha ricevuto la commutazione in pena detentiva.

(Fonti: Viasna, 01/07/2017)

Altre news:
IRAN: TRE IMPICCATI PER DROGA
SINGAPORE: MALESE IMPICCATO PER TRAFFICO DI DROGA
VIETNAM: I FUNZIONARI CORROTTI EVITANO LA PENA DI MORTE SE RESTITUISCONO I SOLDI RUBATI
GAZA: DUE CONDANNE CAPITALI PER SPIONAGGIO
NIGERIA: 19ENNE CONDANNATO A MORTE PER RAPINA
GIAPPONE: IMPICCATI DUE PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN: IMPICCATO IN CARCERE A ZAHEDAN
EGITTO: CONDANNA A MORTE PER 12 ISLAMISTI
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATI QUATTRO UOMINI CONDANNATI DA TRIBUNALE ANTI-TERRORISMO
PAKISTAN: TRE IMPICCATI NEL CARCERE DI SARGODHA
ARABIA SAUDITA: SEI GIUSTIZIATI IN UN SOLO GIORNO
IRAN: DETENUTO IMPICCATO PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: 10 IMPICCATI PER DROGA
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA
PUNTLAND: CONDANNA A MORTE PER DUE AL-SHABAAB
INDIA: ENTRA IN VIGORE LA LEGGE ANTI-DIROTTAMENTI
IRAN: OTTO IMPICCATI NEL CARCERE DI RAJAI SHAHR
PAKISTAN: IMPICCATO PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UN MINORE
MONGOLIA: NUOVO CODICE PENALE ABOLISCE PENA DI MORTE PER TUTTI I CRIMINI
IRAN: DUE IMPICCAGIONI IN PUBBLICO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
EGITTO: 20 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDI POLIZIOTTI
USA: IL NUMERO DI PERSONE UCCISE DALLA POLIZIA SI MANTIENE COSTANTE
IRAN: DUE UOMINI E UNA DONNA IMPICCATI PER DROGA

[<< Prec] 1 2
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits