Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: GIUDICE FEDERALE VIETA ISOLAMENTO ‘AUTOMATICO’ DEI CONDANNATI A MORTE

21 febbraio 2018:

La giudice federale Leonie M. Brinkema (U. S. District Court for the Eastern District of Virginia) ordina di migliorare le condizioni di detenzione nel braccio della morte.
Con una ordinanza emessa oggi, la giudice vieta all’Amministrazione di applicare in maniera automatica l’isolamento ai condannati a morte, di isolarli fisicamente dai visitatori o dagli altri detenuti, e inibisce una serie di altre restrizioni.
Il primo ad intentare un’azione legale contro l’Amministrazione Penitenziaria della Virginia nel 2014 fu Alfredo Prieto, poco prima di essere giustiziato l’1 ottobre 2015.
Ottenne che un giudice federale (la stessa Brinkema) dichiarasse incostituzionale la pratica di mettere i condannati a morte automaticamente in regime d’isolamento. In seguito una corte d’appello annullò quella decisione, e la Corte Suprema di stato confermò l’annullamento, ma nel frattempo altri detenuti avevano chiesto di accedere allo stesso regime di Prieto, e il 16 ottobre 2015 quei ricorsi hanno indotto l’Amministrazione Penitenziaria ad adottare alcune modifiche “migliorative”.
Da un comunicato stampa dell’epoca si apprende che il regime contestato prevedeva la permanenza per circa 23 ore al giorno in una cella di 6,5 metri quadrati, potevano lasciare le loro celle singole 3 volte a settimana per una doccia, e un’ora al giorno per 5 giorni di “ricreazione” in un piccolo cortile esterno, col pavimento in cemento e nessuna attrezzatura sportiva o ricreativa. I colloqui con i familiari avvenivano dietro un vetro.
Con la riforma annunciata nel 2015 i detenuti avrebbero avuto “mezz’ora in più al giorno di “ricreazione”, la possibilità di riunirsi in gruppi di 4 per un’ora al giorno, e la doccia tutti i giorni. In più, era stata annunciata la costruzione di un altro cortile dove sarebbe stato posto un cesto da pallacanestro ed alcuni attrezzi ginnici, e una stanza dove i detenuti avrebbero potuto guardare la televisione, telefonare, mandare e-mail, e fare alcuni giochi da tavolo.
Quanto ai colloqui, sarebbero stati a cadenza settimanale, con durata di 90 minuti, e con la possibilità di abbracciare amici e parenti, e tenersi per mano. Altri colloqui, questa volta utilizzando ancora il vetro divisorio, sarebbero stati possibili nei week end o nei giorni festivi”.
Sembra però che le “innovazioni” decise nel 2015 in realtà non siano state applicate, o almeno lo siano state solo in parte.
Oggi Brinkema ha ribadito la sentenza emessa ai tempi di Prieto, e per prevenire le contestazioni che nel 2015 portarono al capovolgimento della sua decisione nella motivazione ha scritto: "Le informazioni in rapida evoluzione disponibili sui potenziali effetti nocivi della detenzione in isolamento" collocano questo caso in un contesto in cui si deve prescindere da sentenze precedenti riguardanti le condizioni di detenzione, e di conseguenza le precedenti decisioni della Corte Suprema e della corte d'appello federale, ancorate a concetti vecchi di decenni, che difendono il braccio della morte le condizioni carcerarie non risultano vincolanti. "Come hanno cominciato a rendersi conto le corti e le amministrazioni penitenziarie di tutto il paese, l'isolamento lungo anni che le condizioni di reclusione pre-2015 applicavano ai detenuti ricorrenti creavano, quantomeno, un rischio significativo di danni psicologici ed emotivi sostanziali".
Kathryn Ali, uno degli avvocati dei detenuti, ha dichiarato: "La legge in quest'area è pessima, ma è anche molto vecchia. ... La sentenza del giudice Brinkema è una sentenza storica, ma penso che sia anche solo buon senso, che non dovremmo torturare le persone tenendole in isolamento”.
Victor M. Glasberg, che nel 2014 ha intentato la causa “originaria” per conto dei primi cinque ricorrenti, ha detto che la decisione della corte potrebbe avere implicazioni per le azioni legali in altri stati. Cause simili a quelle della Virginia sono state avviate in Arizona e Pennsylvania. In Arizona nel marzo 2017 l’Amministrazione, per concludere la causa, si è impegnata a cessare la consuetudine di mettere automaticamente i detenuti del braccio della morte in isolamento. A febbraio in Pennsylvania una corte d’appello federale ha dichiarato incostituzionale la pratica di tenere automaticamente i detenuti del braccio della morte in isolamento anche dopo che la condanna a morte è stata annullata e il detenuto è in attesa della ripetizione del processo, e alla luce di questa sentenza, anche i detenuti “normali” del braccio della morte hanno avviato un’azione legale per chiedere la cessazione dell’isolamento automatico.

(Fonti: Washington Post, 22/02/2018)

Altre news:
IRAN: CONTINUANO LE MORTI IN CARCERE NEL SILENZIO DELL'ITALIA E DELL'UNIONE EUROPEA
IRAN: LETTERA APERTA DI NESSUNO TOCCHI CAINO E PARTITO RADICALE AL MINISTRO ALFANO SU PARTECIPAZIONE MINISTRO GIUSTIZIA IRANIANO AL CONSIGLIO DIRITTI UMANI DELL’ONU
ZAMBIA: DEPUTATO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
IRAN: CURDO IMPICCATO AD ILAM PER OMICIDIO
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
PAKISTAN: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA IRANIANO PREVEDE MENO ESECUZIONI PER DROGA
YEMEN: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE SOLDATI
EGITTO: SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO, DUE SONO DONNE
BAHRAIN: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER TERRORISMO
IRAQ: 16 TURCHE CONDANNATE A MORTE PER TERRORISMO
SUD SUDAN: SUDAFRICANO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE
NIGERIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
MYANMAR: QUATTRO ROHINGYA CONDANNATI A MORTE PER ATTACCO ALLA POLIZIA
FLORIDA (USA): GIUSTIZIATO ERIC SCOTT BRANCH
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO
TEXAS (USA): GOVERNATORE COMMUTA CONDANNA A MORTE POCO PRIMA DELL’ESECUZIONE
ALABAMA (USA): ESECUZIONE SOSPESA PER DETENUTO MALATO DI CANCRO E CON VENE DANNEGGIATE
EGITTO: 21 CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
ARABIA SAUDITA: ATTIVISTA SAUDITA CONDANNATO A MORTE
BENIN: CONDANNE A MORTE COMMUTATE
KENYA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FRATELLASTO
SUD COREA: ‘PAPÀ MOLARE’ CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA RAGAZZINA
SOMALIA: MARINAIO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO DEL SUPERIORE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN BAMBINO
EGITTO: 4 CONDANNATI A MORTE NEL CASO DELLA ‘CELLULA AWSIM’
EGITTO: PARLAMENTO RESPINGE RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLE ESECUZIONI
GAMBIA: PRESIDENTE ANNUNCIA MORATORIA SULLA PENA DI MORTE
IRAQ: UNA CONDANNATA A MORTE E 11 ALL’ERGASTOLO PER TERRORISMO
BOTSWANA: IMPICCATO PER OMICIDIO

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits